SPECIAL HOME
POSTA

L'esperto risponde

FOTOGRAFI

Foto d'autore

PROTAGONISTI

Interviste

WEBLINK

Link di montagna

Sito della settimana

CERCO VENDO

'Usato' di montagna

Inserisci un annuncio

PANORAMI A 360°

Alpi, Himalaya

LIBRI E VIDEO

Novità

Narrativa

Guide

Film

Carte
 

Newsletter

Forum

Spedizioni

Materiali

Expo

Search
Himalaya, l'infanzia di un capo HIMALAYA
L'infanzia di un capo


di Eric Valli


Recensioni Libri
- Narrativa
- Guide

Novità Libri 99
- Autunno
- Estate

recensione del film
Trailer
news presentazione film
la regione del Dolpo
Proposte trekking:  1  2
E' una strana sensazione quella che prende dopo aver visto Himalaya, o meglio sono tante le sensazioni. Prima fra tutte un indefinito 'dispiacere' che sia arrivato il momento dei titoli di coda. Il film è finito ma vorresti subito rivederlo e continuare ad immergerti in quel lontano, durissimo, leggendario mondo himalayano dell'alto Dolpo. Indefinito forse proprio perchè non ci si rende conto bene quali tasti sia andato a toccare, quali nascoste emozioni abbia smosso.

Un'amica mi aveva parlato di un bel film. Del senso di 'nostalgia' che le aveva lasciato. Nostalgia come quella provata per certe storie sugli indiani d'America, per un'esistenza faticosa e terribile, così lontana ed estranea al nostro mondo ma, forse proprio per questo, così vera e sostanziale. Aveva ragione lei.

Non so quanto questo possa far parte di un antica percezione, ormai persa nel tempo, ma è innegabile il fascino che immancabilmente suscita la grande natura, e la lotta dell'uomo per sopravvivere tra i grandi spazi incontaminati. Ed ha i colori, la luce propria della natura, questa storia dell'infanzia di un capo, raccontata da Eric Valli. I colori antichi ed aspri di una poesia semplice ed innata. Poesia della necessità, come faticosa, epica, e a volte tragica, accettazione della vita per quello che è. Ma anche poesia della fierezza, della consapevolezza, della lotta e del superare le difficoltà. Ed, ancora, dell'innocente, divertito e curioso guardare del bambino al mondo.

Sono molti i 'piani' e le emozioni sui quali si sviluppa il film, autentica storia leggendaria dei grandi uomini delle più alte terre. Ed è una storia con molti protagonisti. Il villaggio, comunità che solo nell'unità trova la forza per soddisfare i bisogni di tutti. La carovana per trasportare il sale, il viaggio 'rituale' al di là e attraverso le difficoltà della montagna, vissute come difficoltosa e pericolosa necessità che sta alla base dell'esistenza. Tinlé il vecchio capo, costretto dalla tragica morte del figlio a rappresentare la continuità con le tradizioni che si scontrano con la voglia di cambiare del giovane Karma.

Pasang il piccolo nipote di Tinlè, predestinato ad essere il futuro capo villaggio, che stempera con la semplicità propria dei bambini le tensioni e trova la chiave per la continuità tra il vecchio capo e il suo successore. La moglie di Tinlè e la giovane vedova del figlio, grandi donne portatrici di quella universale saggezza che deriva dall’essere il centro della vita e la sua continuità. Il lama Norbou, che lascia il monastero per aiutare l'anziano padre Tinlè. E tutti gli altri abitanti - protagonisti di quell'alto e sperduto villaggio himalayano, così veri e sinceri.

Così veri e sinceri nel rappresentare la loro stessa vita da renderla immediatamente reale e percepibile attraverso lo schermo. Una vita che merita quel gran dipinto epico che il lama Norbu dedica alla vicenda narrata nel film. Un dipinto dove forse vorremmo stare anche noi, colpiti da quella 'nostalgia' di cui si diceva all'inizio... certo non nella parte dei 'visi pallidi' del generale Custer.



Himalaya
L'infanzia di un capo


regia: Eric Valli

fotografia: Eric Guichard, Jean Paul Meurisse

sceneggiatura: Eric valli, Oliver Dazat, Jean Claude Guilleabud, Louis Gardel

montaggio: Marie-Josèphe Yoyotte

musica: Bruno Coulais

produzione: F2 Cinema, Antelope, Les Production de la Gueville, National Studipos, Bac Film.

distribuzione
LuckyRed
www.luckyred.it

Il film è stato candidato al Premio Oscar nel 1999 e, oltre
alla Genziana d'oro al Filmfestival di Trento 2000, ha vinto il Premio del pubblico ai Festival di Locarno e Gad.

| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.