Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowHasse Brandler

Hasse Brandler

Primi salitori: Lothar Brandler, Dieter Hasse, Jörg Lehne, Sigi Löw, 1958
Scheda a cura di: Planetmountain
Area: Dolomiti, Gruppo: Tre Cime di Lavaredo, Cima: Cima Grande, Stato: Italia

Via storica aperta in artificiale, che sale la strapiombante parete nord della Cima Grande con un percorso estremamente diretto. Richiede buon allenamento, poichè si sviluppa per 17/18 lunghezze di corda. Tutte le soste sono attrezzate, anche con spit, i chiodi lungo i tiri sono abbondanti ma non sempre affidabili, portare molti rinvii e cordini (per allungare le protezioni).

ACCESSO GENERALE

I punti di partenza ideali sono Cortina d'Ampezzo ed Auronzo raggiungibili da nord attraverso la Pusteria e da sud con l’autostrada A27 e poi lungo la statale. Per gli itinerari delle Tre Cime da entrambi i paesi si deve poi raggiungere Misurina, da Cortina valicando il Passo Tre Croci. Infine da Misurina si imbocca la strada a pagamento che risale fino alla base dei versanti meridionali delle Tre Cime. Si lascia l’auto al parcheggio del rifugio Auronzo, dove termina la strada. Per dormire l'ideale è pernottare al rifugio Auronzo o al rifugio Lavaredo, quest’ultimo si raggiunge in 15 min. lungo la strada sterrata (chiusa al traffico) posto proprio sotto le pareti sud, con vista sul favoloso Spigolo Giallo. L’avvicinamento si effettua in tempi brevi data la vicinanza alla parete.

ACCESSO

Dal rifugio Lavaredo si segue il sentiero che conduce alla forcella Lavaredo. Si segue una traccia verso sinistra che attraversa alla base delle pareti nord. L'itinerario parte sul lato destro della parete, vicino allo zoccolo della via Comici. Nelle prime due lunghezze di corda è facile sbagliarsi. La partenza originale supera una placca piuttosto liscia vicino ad un piccolo pilastro fessurato. Si può più facilmente raggiungere la cima di questo spuntone partendo più a destra. Poi si sale in traversata verso sinistra (friabile) in direzione di un piccolo tetto. Si sosta sotto il tetto con chiodi e spit. Da qui non si può più sbagliare.

DISCESA

Si effettua lungo la via normale sul versante sud. Dall'ultimo tiro traversare verso sinistra lungo la grande cengia fino agli ometti della via normale. Si scende in un canale camino con due corde doppie da 50 m. Si continua arrampicando fino alle ghiaie sottostanti si seguono gli ometti verso sinistra e poi una breve doppia porta in prossimità di una forcella. Si raggiunge la forcella (versante sud-est) che si affaccia su un ripido canalone (est) che si può scendere con numerose corde doppie o arrampicando 2. Il salto finale si evita traversando lungo una cengia verso sinistra e raggiungendo il canalone detritico che divide la Cima Grande dalla Piccola.

MATERIALE

Tutte le soste sono attrezzate, anche con spit, i chiodi lungo i tiri sono abbondanti ma non sempre affidabili, portare molti rinvii e cordini (per allungare le protezioni).

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Hasse Brandler"

12-07-2010, Fabrizio Della Rossa
Brutta sorpresa trovare spit nn solo alle soste ma anche lungo i tiri, lo trovo 1 sputo al valore della via e dei suoi primi salitori, nn solo, anche irrispettoso di quelle cordate che affrontano la via con una preparazione adeguata ad affrontare quelle difficoltà con protezioni trad e nn spit.
26-04-2010, Diego Pezzoli
Fantastica via in ambiente mozzafiato! Impegnativa ma di gran soddisfazione! Bravi Marco e Mirko! Complimenti ancora per la libera!!! Livello!
21-08-2009, Marco Bermejo
Bellissima via, completata tutta in libera a vista il 16 Agosto '09, anche se alguni tiri erano un po bagnati... Vale veramente la pena! Cerco l'indirizzo dei 2 bergamaschi che avevamo dietro, per scambiare foto...
10-09-2006, Christian
Via super con un'esposizione incredibile! La parte bassa non è per niente banale come il primo tiro di 7 nei diedri, noi abbiamo trovato i diedri strpiombanti completamente bagnati però in compenso i camini terminali erano asciutti e secondo noi il grado dato è giusto, ma se si trovano bagnati la difficoltà cambiano completamente.Una via da ripetere!!!
06-08-2006, antonio antonio
Via durissima.La parte bassa pur se ben chiodata richiede una buona libera VI+.Il diedro strapiombante superchiodato richiede alta resistenza alla mungitura su chiodi.Anche la parte alta dei camini terminali non è per niente banale.In comlesso una bella via su una magnifica parete!!!
04-08-2006, Robertino Parolari
via storica che va ripetuta , la roccia non è eccezionale ma ripulita dalle ripetizioni , pericoloso risulta solo il traverso a sx dopo il secondo tiro , conviene non fermarsi alla fine del traverso ma unire anche il tiro successivo di 6C per evitare un eventuale brutto pendolo al compagno . Vengono utili qualche friends medi .dopo il tiro iniziale nel diedro traversare a sx e non salire diritti seguendo i chiodi . sulla via ci sono molti chiodi, le soste sono chiodate con fix ( 2 addirittura con resinati ) ci sono fix lungo i tiri più difficili , a mio parere decisamente inutili, se si voleva rendere più sicura la via senza snaturarla potevano essere sostituiti i chiodi vecchi, di questo passo ci ridurremo a richiodare tutte le vie classiche , gira voce che siano stati messi tre spit sul Pesce !!!
14-07-2006, Franz
Bellissima! Ripetuta dopo 48 anni esatti. Rinforzata la penultima sosta con... ..due bei cuneetti di legno a mo' di clessidra!
13-09-2005, Mark Radtke
Make sure you locate the long leftwards traverse at the top of the second pitch and don't be tempted to follow the line of fixed gear that leads straight up. Gogarthesque!
14-09-2004, Cristiano Pastorello
Via spettacolare e su roccia molto meglio di quello che pensavo. l'ambiente poi del diedro è fantastico. Peccato che abbiamo trovato bagnata l'ultima lunghezza in strapiombo. concordo con Bruno sugli spit e l'immensità di Huber. Comunque faticosa ma molto divertente in libera
06-09-2004, Bruno Nardelli
Bella e impegnativa, la chiodatura sta pian piano diradandosi, molti i chiodi rotti lungo la via. Nei primi tiri ci sono dei fix da 10mm senza placchetta, consiglio di portarsi due placchette con bulloncino, possono risultare comode anche per velocizzare la prima parte e risparmiarsi per la successiva "pompata" nel diedro.
06-09-2004, matteo -
Non per fare polemica ma gli spit lungo i tiri non li ho martellati solo perche' non avevo il martello. che senso hanno? Tra l'altro gli spit in sosta diminuiscono e non di poco il senso di vuoto della parete...Magnifici l'ambiente e la parete. Per fortuna sul versante nord non arriva molto del bordello che deve essere il versante sud (scempio orribile). La roccia e' quello che e', finche' non ci arrampichi in cima non puoi capire la qualita' dell'impresa di Uber...e noi mortali stiamo a disquisire sugli spitti!
05-08-2003, Sergio Dalla Longa
Bella via impegnativa e faticosa. Se si attacca nel diedro potete salire fino in cima al pilastro con due tiri su roccia molto friabile nel secondo e attraversare decisamente a sinistra scendendo qualche metro fino ad incrociare la via giusta.Soste sicure con uno spit per sosta ma chiodatura lungo i tiri un poco vecchia. Alcuni spit sono stati aggiunti lungo i tiri ma la difficoltà obbligata ci è sembrata maggiore di 5+.
26-08-2002, Bonnet Alex
Free Solo from Alex Huber. Only with Climbing-Shoes and Chalkbeg. No Gear, no fear!!!!
10-08-2001, Muzzati Moreno e
Via classica di notevole impegno fisico e psicologico. Chiodatura, eccetto le soste, pericolosa. Peccato perchè abbiamo trovato bagnate le ultime tre lumghezze del dietro.
10-08-2001, Muzzati Moreno e Benin Nicola
Via classica di notevole impegno fisico e psicologico. Chiodatura, eccetto le soste, pericolosa. Peccato perchè abbiamo trovato bagnate le ultime tre lumghezze del dietro.
10-07-2001, Marco Bozzetta
Salita molto faticosa e di tutto rispetto anche se salita in artificiale come feci io agl'anni,figuriamoci in libera.
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

7a+

DIFFICOLTÀ OBBLIGATORIA

6/A2

VERSANTE

Nord

LUNGHEZZA DISLIVELLO

550m

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
S.C.A.R.P.A. # Zen Pro
Zen Pro
Wild Climb # Grip
Grip
Grivel # Lavaredo 35
Lavaredo 35
Marmot # Marmot Zion jacket
Marmot Zion jacket
AKU # Verno GTX
Verno GTX
Salewa # Salewa Alp Trainer Mid GTX
Salewa Alp Trainer Mid GTX
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon