Home page Planetmountain.com

arrowRock arrowVie arrowIl Male di Vivere

Il Male di Vivere

Primi salitori: Paolo Baroldi, Francesco Salvaterra, Alessio Tait 2-3 giugno 2015
Scheda a cura di: Francesco Salvaterra
Area: Alpi Retiche, Gruppo: Adamello - Presanella, Cima: Monte Bianco di Presanella, Quota: 3368m, Stato: Italia, Regione: Trentino - Alto Adige

Via tradizionale in ambiente severo, roccia generalmente ottima e arrampicata spesso atletica in fessura. Una delle vie classiche più dure del gruppo.

Storia: Gli apritori il primo giorno hanno fatto l'avvicinamento e scalato 4 tiri fino a un piccolo terrazzo dove hanno bivaccato. Il giorno successivo hanno continuato in vetta e sono scesi in doppia dall'itinerario. Tutti i chiodi usati sono stati lasciati, dieci in totale. I primi salutori hanno aperto i due tiri più duri con dei resting, la libera è stata fatta dal secondo di cordata e manca la prima rotpunkt.

ACCESSO

Dal rifugio Segantini prendere il sentiero per la Bocchetta del Monte Nero, dopo aver attraversato il torrente conviene abbandonare il sentiero (che sale lo spigolo della morena) per imboccare sulla destra il fondo della valle in direzione bocca d'Amola. Giunti sotto la parete est della Presanella, salire il pendio nevoso a sinistra (l'inizio del Colouir Martina) puntando l'evidente pilastro più verticale del monte Bianco di Presanella. Superare la terminale alla meno peggio e per roccette (II°) e terreno misto portarsi alla base della parete. L'attacco è segnalato da un chiodo con cordino posto sulla sinistra di una cengia. Partire presto perchè due ore dopo l'alba il canale può scaricare. Due o tre ore dal Rifugio Segantini.

DISCESA

In corda doppia dalla via (+ tre doppie laterali al canale). Oppure lungo la via normale alla Presanella dalla bocchetta del Monte Nero.

MATERIALE

2-3 TCUs, doppia serie di cams al #2, un #3, stoppers, alcuni chiodi.

NOTE

Il canale di accesso è soggetto al pericolo di scariche, la parete è sicura. Partire presto in modo da essere all'attacco della via prima che il canale cominci a scaricare. La via si può fare tranquillamente in giornata. Se si fanno le doppie si può lasciare alla base scarponi e materiale da neve.

Inoltre, i primi salitori fanno notare che sarebbe possibile partire più in basso, a destra della via Gian e Gian, per salire due tiri indipendenti e raggiungere quindi i tiri alti della via Il Male di Vivere.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Il Male di Vivere"

Nessun commento per l'itinerario Il Male di Vivere

Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

45° M 7a+ (VIII+) R3

VERSANTE

Est

LUNGHEZZA DISLIVELLO

300m

PDF

Il Male di Vivere

LINK ZONA

Vai all'articolo

LINK

www.francescosalvaterra.com

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria
  • Tupac Amaru - Carpe Diem
    la cascata è stata salita nel 97 da carlotti e compagni. r ...
    2015-01-06 / francesco lamo