ROCK HOME
VIE IN DOLOMITI

Itinerari

VIE DI PIÙ TIRI

Itinerari

FALESIE

Italia

Europa - Mondo

BOULDER

Luoghi - Interviste

Competizioni

COMPETIZIONI

Articoli - Interviste

Risultati e calendario

MURI

Strutture artificiali
 

Spedizioni

Libri, Guide, Video

Interviste

Posta

Forum

Weblink

Search
Arrampicare, Valle dell'Orco
Il 2 novembre 2002, Rolando Larcher, in coppia con Luca Giupponi, libera "Colpo al Cuore"; via aperta nei primi anni '90 da Gabriele Bar e Claudio Bernardi sul granito DOC del Caporal, in Valle dell'Orco.

Una bella realizzazione, su una delle pareti di granito più famose della moderna arrampicata sportiva italiana. Ma ecco, direttamente da Rolando Larcher, come è andata.

Ronaldo Larcher, Colpo al cuore, Caporal, Valle dell'Orco
Rolando Larcher sul 5° tiro, 8a, di "Colpo al cuore" al Caporal, valle dell'Orco (ph. arch. R. Larcher).

COLPO AL CUORE di Rolando Larcher

Tutto è pronto per andare in Provenza con la famiglia, ho una settimana a disposizione e tanta voglia di scalare on sight. Talvolta però, quando si hanno bambini piccoli, i programmi possono saltare all’ultimo momento, per improvvise malattie. Di fatto, il giorno prima di partire, mio figlio Alessandro ha l’otite. Così, mesto mesto, cerco di ridimensionare queste giornate di ferie, e manco a farlo a posta c’è un’alta pressione favolosa.

Il Caporal, in Valle dell’Orco, era un progetto accantonato per la prossima primavera, ma visto il tempo e Michele Paissan, pure lui in ferie, improvviso un’uscita piemontese di una giornata. Una via da liberare ed un granito meraviglioso che rompe la consuetudine del calcare, sono una bella attrattiva. La via in questione è “ Colpo al Cuore”, aperta da Gabriele Bar e Claudio Bernardi, circa dieci anni fa.

Gabriele Bar mi decantò questa via, proponendomi di liberarla, ma allora non sapevo nemmeno dov’era la Valle dell’Orco. Così, nella Pasqua del 2000, rientrando dalla Francia con Letizia ed il bambino, decido di fare una variante per visitare la mitica valle del Nuovo Mattino.La tappa d’obbligo è al masso Kosterlitz e dopo aver salito la storica fessura, pulisco e libero lo spigolo “Narderlitz”, improvvisando un fortuito crash-pad con i materassi del camper. Prima di tornare a casa mi ricordo della via sul Caporal, così colgo l’occasione per dare occhiata all’attacco. La cosa è veramente interessante, il granito mi intriga e noto, contrariamente a quanto mi aveva detto Gabriele, che la via è protetta molto abbondantemente.

So di un tentativo di Walter Vighetti, che parlava di probabili difficoltà fino al 8a+ e di un tratto non risolto in libera. Così decido di organizzarmi per ritornare a breve per provarla. Contemporaneamente però, vengo a sapere che Marzio Nardi la sta già tentando ed è a buon punto, pertanto mi defilo ed aspetto gli eventi. Marzio la prova più giornate, riuscendo a liberarla quasi tutta, a parte il penultimo tiro ed il secondo salito in top-rope, ma poi abbandona il progetto. Così quest’anno, vedendo che la cosa era ferma mi riattivo telefonando a Marzio. Gli chiedo se gli interessa tentare assieme, lui è entusiasta, ma purtroppo vari infortuni lo bloccano più volte e mi dà carta bianca.

Arriva la settimana dei “Santi”. Il martedì siamo all’attacco con Michele. Il tempo è splendido: in maglietta tutto il giorno con aderenza perfetta. Passiamo 7 ore in parete, cercando la soluzione in libera di ogni singolo tiro. Risolviamo anche il penultimo, il più impegnativo, esaurendo le ultime energie. La sera stessa ritorniamo a casa. Sono demolito. L’idea iniziale era di fare solo una ricognizione per poi ritornare in primavera per l’eventuale rotpunkt, ma visto il tempo stabile e la freschezza mentale delle sequenze, decido di tentarla appena mi ripiglio.

Michele mi lascia per Meschia, sarà dura trovare un compagno, ma inaspettatamente un volontario illustre si offre; è Luca Giupponi: abile ed arruolato immediatamente.
Impiego tre giorni per radrizzarmi e la sera del 1° novembre, riattraverso la padania, le previsioni sono pessime ma la speranza e l’ultima a morire.
La mattina si annuncia con il cielo coperto, c’è freddo ed umidità. Saliamo comunque all’attacco, almeno guardo come proteggermi tra il primo ed il secondo tiro, sulla variante di sinistra necessaria per superare il primo tratto di A1. Mentre sto provando, uno spiraglio di sole scalda l’aria, così decidiamo di tentare la salita.

Il primo tiro, due in uno, è eterno e pieno di attriti, all’ultimo passo in placca mi sgomma un piede. Giù, sfila e riparti, ora però va meglio e sono in sosta. Recupero Gippo e mi conferma che può essere sicuramente un bel 7c+, con uno strapiombo protetto a stopper.
Il secondo tiro è dello stesso grado ma lo supero subito, bello atletico di continuità. Il terzo e più facile, sul 7b+ ed è entusiasmante: un diedro molto svasato ed aperto, tipicamente granitico. In questa occasione, un doveroso ringraziamento particolare alla mamma, perché mi ha fatto grande e con le gambe lunghe altrimenti… chi ci arrivava in spaccata?

Ora però il tempo si mette al brutto e comincia a piovere, la parete strapiomba, ma c’è vento e l’acqua la becchiamo tutta. Il prossimo tiro non è il più duro ma è quello che m’intimorisce maggiormente. C’è un passo singolo molto duro ed aleatorio, Marzio ha parlato di 7b boulder ed ora sotto l’acqua è il massimo. Questo lancio per due volte mi beffa, sta per cedermi la motivazione… Mentre impreco, Gippo mi ricala in sosta per l’ennesima volta. Sfilo e riparto nuovamente. Lui è in giacca a vento ed è ormai tutto bagnato, come corde, zaino, roccia. Se questa parete fosse vicina a casa oggi non l’avrei nemmeno guardata, ma così non è…

Al terzo giro passo ed il morale va alle stelle. Manca ancora un tiro duro, questo però mi è più congeniale e, se serve, lo “martello” fino a notte. Il premio alla tenacia è un incredibile spiraglio di sole che ci riscalda. Riposo e mangio qualcosa, poi parto deciso ed al primo colpo libero anche l’ultimo tiro difficile.
Tutto è praticamente fatto, e per completare la salita supero anche l’ultima, facile lunghezza che conclude questo impegnativo viaggio meteopsicofisico.

SCHEDA VIA di R. Larcher
Colpo al cuore
Caporal, Valle dell’Orco, Piemonte

Aperta da Gabriele Bar e Claudio Bernardi (1992?)

Liberata da Rolando Larcher il 2 novembre 2002, con Luca Giupponi. Provata il 29 ottobre con Michele Paissan.

Versante
Ovest.
Difficoltà
Difficoltà per una ripetizione in libera: 8a max con 7b obbligatorio, altrimenti, A1 e 6b obbligatorio.
L1: 7c+ 60m; L2: 7c+ 25m; L3: 7b+ 18m; L4: 7c+ 35m; L5: 8a 25m; L6: 7a 30m
Lunghezza
6 tiri per 200m.
Roccia
Granito bello e solido.
Materiale
14 rinvii e corde da 60 metri
Ronaldo her
Rolando Larcher (ph. Andrea Gallo).
Descrizione Via
Linea bella ed interessante, forzatamente salita dal basso con il trapano. Lampante esempio negativo dell’uso del trapano. A parte brevi tratti facili, la via è stata aperta praticamente in A0, forzando tratti illogici e inarrampicabili. C’è dell'A1 nei tratti di fessura dove si possono mettere protezioni veloci. Proposta inizialmente con obbligatorio di 7b, in realtà non supera mai il 6b.
Ronaldo Larcher, Colpo al cuore, Caporal, Valle dell'Orco
Rolando Larcher sul 5° tiro, 8a, di "Colpo al cuore" al Caporal, valle dell'Orco (ph. arch. R. Larcher).

La Guida
Rock Paradise

Arrampicate classiche, moderne e sportive nelle valli del Gran Paradiso
di Maurizio Oviglia
Edizioni Versante Sud
  vai alla guida
| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.