ROCK HOME
VIE IN DOLOMITI

Itinerari

VIE DI PIÙ TIRI

Itinerari

FALESIE

Italia

Europa - Mondo

BOULDER

Luoghi - Interviste

Competizioni

COMPETIZIONI

Articoli - Interviste

Risultati e calendario

MURI

Strutture artificiali
 

Spedizioni

Libri, Guide, Video

Interviste

Posta

Forum

Weblink

Search
Introduzione
Scheda della via
di Erik Svab
2.333 m

“Via Di Johan” (Janez Jeglic)


Prima salita
Filip Bence, Peter Podgornik, Erik Svab
19 agosto 2000

Difficoltà
dal III al VII, 1.500 metri circa, 12 ore.

La Via
Si tratta della traversata della parete Nord del Piccolo Mangart di Coritenza che sfrutta alcune lunghezze delle vie già esistenti congiungendole con interi pezzi nuovi. La via inizia con i primi tiri dello Spigolo Nord (Gilberti) sull’estrema sinistra della parete, passa poi la Direttissima e il Mec (La Spada) per prendere il famoso traverso del diedro Cozzolino che segue per tre tiri, e obliqua poi verso destra per raggiungere la cengia mediana della parete Nord che segue per alcuni tiri, taglia le vie K2 special e Pilastro Nord (Via Piussi) e prende i tiri più difficili della via Lotos, traversa ancora fino all’anfiteatro dove passa la via Zidinja per congiungersi finalmente alla classica Floreanini di cui si segue gli ultimi tiri fino all’uscita all’estrema destra della parete Nord del PMC.

La via tocca 17 delle vie della parete e offre un’arrampicata nella grande tradizione classica ma non disdegnando difficoltà ‘moderne’, su roccia buona nella maggior parte del percorso. Sulla via sono rimasti 3 chiodi normali e qualche cordino. Per la ripetizione necessitano circa 15 chiodi normali (soprattutto a U e LA), nuts, friend e qualche cordino. Fare attenzione se ci sono altre cordate sulla parete, visto che si traversa a volte per cenge con detriti. Per gli amanti delle grandi pareti è sicuramente un obiettivo da non perdere.

Materiale
In via sono rimasti 3 chiodi normali. Portare 15 chiodi, nut, friend e 2 corde da 60m.

Accesso
Da Tarvisio verso la Slovenia e fino ai laghi di Fusine. Si parcheggia al lago Superiore da dove si segue prima la strada sterrata e poi il sentiero che passando per l’Alpe Vecchia porta alla base della parete in circa 2 ore.

Discesa
Dalla forcella di uscita della via Floreanini si sale in cima al PMC e si scende dall’altra parte fino al bivacco CAI Tarvisio alla Forcella Sagherza (9 posti con coperte). Da qui si segue in discesa la ferrata Via della Vita (a tratti molto esposta) e in circa 4 ore si torna al lago.

Mangart
La via è stata dedicata a Janez Jeglic, qui ritratto, scomparso nel 1997 sul Nuptse in Himalaya
Mangart
Un Click sul disegno per ingrandirlo
| Home | | Rock | Expeditions | Ice | Snow | TrekkingNews | Special | Forum | Mountaininfo | Expo | Lab
| Info | Newsletter
| English version |
Per suggerimenti, aggiornamenti e notizie: Planetmountain.composta
Copyright© Mountain Network s.r.l.