Home page Planetmountain.com

Leviti

Primi salitori: A. Leviti e C.
Scheda a cura di: Planetmountain
Area: Dolomiti, Gruppo: Tofane, Cima: Tofana di Rozes, Stato: Italia

Una via poco conosciuta e mai descritta prima. Si tratta invece di una bella salita, paragonabile come impegno alla vicina Costantini - Apollonio, con cui conviene ricongiungersi nella parte alta del pilastro. L’arrampicata è molto bella, su roccia buona ed è particolarmente impegnativa nelle ultime tre lunghezze. In particolare il breve tiro sopra la cengia richiede esperienza nell’utilizzo dei friends per proteggere la difficile fessura.

ACCESSO GENERALE

Da Cortina si sale in auto verso il Passo Falzarego, superata la frazione di Pocol; dopo alcuni tornanti, si incontra sulla destra il bivio (indicazioni) da dove parte la stretta strada che sale al rifugio Dibona, ai piedi della Tofana di Rozes.

ACCESSO

Dal rifugio Dibona si raggiunge per sentiero la base del Pilastro (calcolare circa mezz’ora di avvicinamento). Ci si sposta a sinistra verso lo spigolo per riportarsi nuovamente verso il centro del Pilastro lungo una cengia dove ha inizio la via.

DISCESA

Si traversa lungo una cengia in direzione del grande sperone di Punta Marietta. Ci si abbassa per ghiaie e gradoni fino alla base di quest’ultimo, per aggirarlo poi su terreno esposto. Si scende quindi tra grandi massi fino al rifugio Giussani.

MATERIALE

La via è attrezzata nei tratti più difficili, anche con spit, portare una scelta di friends e cordini per le clessidre.

Condividi questo articolo

COMMENTI per l'itinerario "Leviti"

23-09-2007, Albi Albi
Bellissima salita, Leviti ha dimostrato ancora una volta di avere un grande intuito.Tutti i tiri sono molto belli. Questa relazione è fuorviante e "pericolosa" per quanto riguarda i gradi dati sui tiri chiave,serve esperienza alpinistica soprattutto nel tiro chiave. Seguite le indicazioni di Beppe e la relazione di Iacopelli. Soste tutte attrezzate. Seguendo l'originale nella parte finale la salita è ancora più bella, la roccia nella traversata è bellissima e decisamente più carina rispetto all'uscita della Costantini Apollonio.Direi infine che l'impegno richiesto è maggiore rispetto alla Costantini Apollonio, perchè quest'ultima è chiodata sul duro mentre nella Gilles sulla fessura chiave devi arrangiarti.Buon divertimento!
26-08-2007, Maurizio Ik
Bella via sui grigi 4+/5 bella roccia compatta poi tiro di VI bello e tecnico, segue tiro atletico in fessura: questa nonostante lo sgocciolio che si sente nei tiri prima non è bagnata se non verso la fine appena, e noi l'abbiamo fatta 2 giorni dopo la fine della pioggia. Il famoso tiro di 15m sprotetto sopra la 2 cengia: noi abbiamo trovato un ch. a 2 m da terra poco utile poi nulla per cui friends medi e medio-grandi poi dopo 10m un nuts incastrato. Secondo me è un buon 6b+. Poi un tiro in traverso e in discesa e poi su in diagonale si vede un chiodo già dal cordone al quale si punta, da questo al camino poco sotto la sosta normale del camino della Costantini-Apollonio. Bravo Mirco bella via
09-08-2004, Sandro De Toni
Bella via su roccia buona, a tratti ottima, meno sostenuta della vicina Costantini-Apollonio.Si presti attenzione ai primi tiri, dalla linea non sempre evidente.1° tiro: diedro con passi faticosi, divisibile in 2 (sosta su clessidra).3° tiro: placca vs dx, diedro e poi nettamente a dx - "sentiero di pietra evidente" - dopo ch. a lama in nicchia soprastante la fine del diedro.Tiro di 3° prima del muro rosso: salire a sx della sosta e di uno scudo di roccia grigo-nera (se si sale diritti, passi sostenuti con protezioni pessime).I tiri duri sono sul muro rosso (1 p. 6+ sul traverso a sx del 1°; 7° continuo, forse perché bagnato, sul 2° - alcuni appigli instabili; 7° sost. - 1 p. - sul 3°, complicato da proteggere salendo in libera). Traverso verso la Costantini Apollonio servito da cordone su spit nella prima sezione, poi traverso a dx in lieve salita fino ad una sosta in placca; di qui diritti lievemente a dx fino a ricongiungersi al camino della C. A. (?); se si traversa a dx, puntando alla fine della strozzatura della Schiena di Mulo, attimi di panico (roccia compatta e sequenza non banale per entrare nella fessura (6- sprotetto).Siamo usciti dalle difficoltà proprio poco prima del diluvio. Ci è andata bene.
05-08-2004, Beppe Beppe
Stupenda via, a torto poco conosciuta, considerando che anche oggi sulla Costantini Appollonio c'erano sei cordate, nella 'Levis', solo noi. Consiglio vivamente di uscire nella parte alta per la via originale (ne vale veramente la pena) e non capisco perché in una recensione su Alp e non solo consigliano di ricongiungersi nella parte alta del pilastro. Per lo schizzo, seguire la relazione di Iacopelli, è precisissima, specialmente nel disegno, non ci si può sbagliare. Unico appunto a quest'ultima è la fessura che lui da VI+ e A1 (6b+ in libera), praticamente nello schizzo sono segnati 4 ch all'inizio della fessura e 1 spit + clessidra a circa metà, invece i 4 ch non ci sono e tanto meno lo spit + clessidra, ma in loco si trovano solo 2 nut incastrati e 3 chiodi verso la fine. Molto utili dunque un friend camalot da 3 e nut medi per l'inizio della fessura che è completamente disattrezzata e a mio avviso molto dura, io ho azzerato su questi ultimi, credo infatti che dare 6+ (relazione Planet) su questa fessura corta ma intensa sia, a mio parere impreciso. Per quanto riguarda la qualità della roccia è ottima e abrasiva nella prima parte fino ai gialli e nella seconda nella zona dei traversi, mentre nella zona rossa, non ho trovato particolarmente friabile la roccia , anzi devo dire che è buona con buoni buchi e lo stesso vale per il traverso dopo la fessura per andare a congiungersi con il camino della Via Appollonio, ecco forse qui bisogna prestare un pò più di attenzione e comunque volendo c'è in loco uno spezzone di corda abbastanza lungo per abbassarsi attaccato ad uno spit. Se seguite la relazione del Iacopelli, alla fine del terzo tiro dopo la cengia, i successivi due tiri si possono unire comodamente, arrivando cos? all'inizio dei due tiri in traverso. Aggiunto un chiodo a quello presente.
15-06-2003, .......... ............
Bella via su una bella parete placche grige, diedri, zone gialle rosse di buona roccia con uscita su tetto fessurato tipo granito garanzia di tenuta dei frend,poi il raccordo con la costantini non è dei migliori (roccia gialla friabile) ma abbastanza facile senza problemi provare per credere.
Scheda / itinerario
BELLEZZA

stella stella stella stella stella

DIFFICOLTÀ

7-

VERSANTE

Sud

LUNGHEZZA DISLIVELLO

500m

VOTA / itinerario
VOTO MEDIO UTENTI:
stella stella stella stella stella
Aggiungi la tua valutazione
COMMENTA / itinerario

AREA PERSONALE

Inserite email e password scelte al momento della registrazione:

Username:

Password:


RICERCA vie d'arrampicata

GRUPPO

Cima

Nome itinerario

Altri itinerari pubblicati
EXPO / Prodotti
Zamberlan # Oak GT
Oak GT
C.A.M.P. # Jasper CR 3
Jasper CR 3
Marmot # Rockstar Pant
Rockstar Pant
Petzl # MYO
MYO
Arc'teryx # Alpha FL Pack 35/45
Alpha FL Pack 35/45
Wild Climb # iMust Lacci
iMust Lacci
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara