Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowArrampicata: Manolo libera Solo per vecchi guerrieri

Arrampicata: Manolo libera Solo per vecchi guerrieri

24.08.2006 di PlanetMountain

Maurizio "Manolo" Zanolla nelle Vette Feltrine (Dolomiti) ha liberato "Solo per vecchi guerrieri", la sua nuova via di 150m, per la quale propone una difficoltà massima di 8c/9a e 7c/8a obbligatorio. Manolo per la parete senza nome su cui corre la via propone inoltre il nome di "Gran Burrone".

Welcome to Adobe GoLive 6

Solo per vecchi guerrieri, Manolo, Vette feltrine

A giugno, sempre da questi monitor, davamo la notizia di una nuova via di Manolo (alias Maurizio Zanolla) sulle Vette feltrine. Era l'annuncio della nascita di "Solo per vecchi guerrieri". Una via che, oltre a fare il paio (sulla stessa parete "senza nome") con “Bisogna essere veloci per descrivere le nuvole", c'ha solleticato la fantasia per vari motivi. Innanzitutto per la bellezza, che già s'intuiva da quelle poche foto che abbiamo pubblicato 2 mesi fa. Poi per il respiro dell'apertura (leggi avventura) che Manolo ci ha raccontato. E ancora - e non proprio da ultimo - per la difficoltà dei 4 tiri di questa super multi-pitch... difficoltà che per l'ultimo step prevedeva il "bel" grado di 8c/9a... Restava ovviamente il rebus della prima libera che adesso, ed è cosa dell'altro giorno, Manolo ha risolto.

E allora? E allora, ci racconta Manolo: "è stato un bell'impegno" - d'altra parte come dubitare che lo fosse?. Non abbiamo dubbi che sia stata davvero una bella e naturalmente dura esperienza per la mente e per il corpo. Risultato: "i primi tre tiri penso che più o meno possano essere 7c, 7b+, 8b con un massimo obbligatorio di 7b/c", scrive Manolo. Mentre l'ultimo... beh per l'ultimo con molta cautela e molti "con-fronti" il grado proposto è sempre lì: fra l'8c e il 9a (con obbligatorio che sale a 7c/8a).

E' chiaro che si attendono ripetitori per la conferma. Ma è altrettanto chiaro che il piccolo Nicolò è quello che ha trovato la sintesi più bella: ha proposto per quella parete senza nome, che tanto piace a suo papà, il nome di "Gran burrone"... E, statene certi, all'intuito di un figlio d'arte è meglio credere: Buone ripetizioni!


Solo per vecchi guerrieri, Manolo, Vette feltrineGRAN BURRONE
di Maurizio "Manolo" Zanolla


Ciao papy, sei stato anche oggi a Gran burrone? Si Nicolò! Come è andata? Così, così! Ah... Questo più o meno è stato il ritornello dell’estate fra me e mio figlio quando tornavo da “Vecchi Guerrieri” L’altro giorno con Cristina (alla quale devo veramente molto) in una ventilata e soleggiata finestra di uno strano e piovoso agosto, quando alla sera mi ha nuovamente chiesto se avevo "vinto la via" finalmente potevo dire sì...

E’ stato un impegno molto diverso da quello dell’apertura... ho liberato quasi subito i primi tre tiri e penso che più o meno possano essere (7c, 7b+, 8b con un massimo obbligatorio di 7b/c) ma quando arrivavo al quarto un po’ prima o un po’ dopo finivo sempre per cadere...

Non penso sia stata una questione di “benzina”, anche se credo di non aver mai avuto un buon momento di forma quest’estate per molti motivi, ma soprattutto anche perché in apertura mi ero veramente conciato male tendini e capsule.

Adesso mi sento alleggerito e posso guardare con molta obbiettività questa via ma nonostante tutto credo sia difficile gradare quell’ultimo tiro, mi manca anche il confronto (quest'estate ho scalato solo su questa via).

E’ strano quell'ultimo tiro, ha grandi recuperi ma anche molta aleatorietà e non necessita di resistenza alla forza... ma comunque di una buona forza di dita e soprattutto un buon paio di piedi... Sì è proprio difficile dare la difficoltà a questa lunghezza che penso possa offrire varie soluzioni, ma forse le prime impressioni che ho avuto possono essere vere e questo paragone può servire: è leggermente più facile di "Appigli ridicoli", proprio perché non ha la sua continuità, assomiglia più a "C’era una volta a Cornalba" proprio per la discontinuità ma con passi molto più duri. Credo assomigli anche a "Bain de sang"... anche se non è così compressa però è lunga più del doppio e chiodata più allegra (a 300m da terra) e, cosa da non tralasciare, questo è l’ultimo tiro di una via che non è mai assolutamente banale fin dal primo tiro, e oltre che sulle dita pesa anche mentalmente. Il che forse può suggerire una gradazione fra l’8c e il 9a ma naturalmente questa è una proposta…

Non lo so, forse se mi fossi semplicemente concentrato su questo tiro magari sarebbe stato tutto più facile ma ho preferito affrontare sempre la via più che il tiro... Insomma le uniche cose di cui sono veramente sicuro è che bella, molto molto bella, che ho fatto fatica e che mio figlio mi ha suggerito un bel nome per la parete: "Gran burrone".

di Maurizio "Manolo" Zanolla



Portfolio
Solo per vecchi guerrieri: la via
Bain de sang
Bisogna essere veloci per descrivere la nuvole
News Manolo su PlanetMountain.com

Nelle foto: Manolo su "Solo per vecchi guerrieri" - fotografi: Oskar Piazza (foto in alto) e Walter Bellotto (qui sopra ).

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara