Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowPrima libera di Yeti sulla Nord dell'Eiger per Robert Jasper

Prima libera di Yeti sulla Nord dell'Eiger per Robert Jasper

11.08.2006 di PlanetMountain

Il 16/07 Il tedesco Robert Jasper, con l'austriaco Stefan Eder, ha realizzato la prima salita in libera di Yeti, via aperta sulla parete Nord dell'Eiger dagli italiani Andrea Forlini e Gianni Faggiana, nel 1998.

Yeti, Eiger, Robert Jasper

Il 16 luglio scorso il tedesco Robert Jasper, insieme all'austriaco Stefan Eder, ha realizzato la prima salita in libera di Yeti, la via aperta sulla parete Nord dell'Eiger dagli italiani Andrea Forlini e Gianni Faggiana, nel 1998. A Jasper - che come molti ricorderanno con Stephan Glowacz ha ricevuto la nomination del Piolet d'or 2005 per la nuova via al Murallion - ci sono volute 12 ore per salire in libera i 1000 metri di parete, percorrendo la parte inferiore della Nord lungo "Dynamitehole".

E' stata una grande "corsa" quella di Jasper ed Eder su una salita che si sviluppa lungo la parte destra (quella delle vie "moderne") della mitica Nord. Un viaggio in libera che Jasper ha valutato di 7c/7c+ e che concentra le lunghezze più dure negli ultimi 250 metri. C'è voluta solo una veloce (e brillante) giornata per concretizzare l'obiettivo ma la rincorsa è partita all'incirca un anno fa. Perché, come scrive Robert, Yeti ad ogni metro ti ruba forza...


Yeti, Eiger, Robert Jasper
YETI FREE
di Robert Jasper

Prima libera di Yeti, parete Nord dell'Eiger (Oberland bernese)

Yeti Part 1, Estate 2005
Dopo un giorno infinito d'arrampicata. Roger Schäli ed io siamo sulla sommità dell'Eiger. Abbiamo percorso la via Yeti ma non siamo riusciti a salire tutte le lunghezze in libera come era nelle nostre intenzioni.

I passi più duri sono negli ultimi 250 metri dei 1000 che misura la via. Spesso sono bagnati e, in queste condizioni, è molto complicato salire in libera visto che non sei mai sicuro di tenere l'appiglio. Così ogni metro ti ruba forza e sei veramente felice quando finalmente raggiungi la cima.

Per essere una via sulla nord dell'Eiger, Yeti offre una roccia abbastanza buona. Oltre ai chiodi ci si deve proteggere anche con friends e dadi. E, frequentemente, ci si trova a salire con un solo imperativo: "non devo cadere!". Nel 1998, gli italiani Andrea Forlini e Gianni Faggiana hanno fatto un grande lavoro quando hanno aperto questo itinerario.

Yeti Part 2, Estate 2006
Le incredibili temperature giù in valle ci hanno condotti ancora sull'Eiger. E' arrivato il tempo per il mio progetto! Ho lavorato le sezioni bouldering della via: in un itinerario di mille metri d'altezza è importantissimo arrampicare il più efficientemente possibile per riuscire a salire in libera tutte le lunghezze! Ed io cercavo di salire in libera tutti i tiri in un giorno.

16 Luglio 2006
Il tempo è buono, oggi non ci dovrebbero esserci tempeste. Stefan Eder, il mio socio austriaco, appena ritornato da uno sfibrante tour come Guida, è molto motivato a tentare questa via con me. Alle 4 del mattino affrontiamo il ghiacciaio dell'Eiger alla luce delle nostre frontali. Saliamo senza corda la parte inferiore della parete Nord fino alla fine di “Dynamitehole”, poi ci leghiamo. L'importante è mantenere il giusto ritmo. Solo ora scopro che i passi croux sono bagnati, malgrado ciò devo controllami. Tremavo un po' prima di affrontare il tetto dell'ultimo tiro. Mi sono tirato su e, dopo 12 ore di altissima concentrazione, siamo riusciti a raggiungere la parte superiore e, insieme, il mio obiettivo di liberare un itinerario sulla parete nord dell'Eiger. Due ore dopo ci godevamo la nostra birra alla Kleine Scheidegg...

di Robert Jasper

Scheda
Yeti, parete Nord Eiger
difficoltà:
7c/7c+ (o 6c+, A1)
altezza: 1000m
Prima salita: Andrea Forlini e Gianni Faggiana, 1998. (con partenza da "Dynamitehole")
Prima libera: Robert Jasper insieme a Stefan Eder il 16.07.2006 (in 12 ore dalla base della parete)
Difficoltà: parte inferiore: dal 1° al 4° per ca. 500m. Da Dynamitehole: 2°, 5°+, 2°, 4°, 6b, 2°, 7b, 6b+, 6b, 6c+, 7b+, 7c/c +, 6b+, 6c+, 6a, 6c, 7c/c+.
Materiale: corde da 50, friends e rocks.


Portfolio
Intervista a Robert Jasper al Piolet d'or 2005
archivio news Robert Jasper


Nelle foto: Robert jasper su Yeti (foto arch. R. Jasper)

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello