Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowXV Piolet d'or, i candidati

XV Piolet d'or, i candidati

04.01.2006 di Vinicio Stefanello

Sono sei le nomination per il prestigioso riconoscimento alpinistico promosso dalla rivista francese Montagne magazine che sarà consegnato a Grenoble il 10/02/2006. Tra queste la salita di Salvaterra, Garibotti e Beltrami sul Cerro Torre.

Eccole, anche quest'anno sono state “svelate” le nomination del Piolet d'or per il 2005. Le magnifiche sei realizzazioni alpinistiche (con i loro altrettanto magnifici protagonisti) che la giuria del prestigioso premio, promosso dalla rivista specializzata francese Montagnes magazine, ha indicato come le migliori del 2005. Sono sei (tutte prime salite, o eccezionali ripetizioni) le candidate 2005, ma il 10 febbraio, a Grenoble, solo ad una andrà la piccozza d'oro. D'altra parte, come in tutti i premi, anche in questo un po' di suspense è d'obbligo…

Intanto, però, essere nel gruppetto delle “pretendenti” è già una gran cosa. Perché è inutile nasconderlo: per quello che ormai è considerato l'oscar dell'alpinismo c'è sempre grande attesa, e di conseguenza anche molte aspettative. Tanto che, nel corso dell'anno, ad ogni nuova realizzazione di rilievo il domandare, e domandarsi, se sia (o non sia) da “Piolet” ormai è un gioco ricorrente. Insomma, esserci (tra i candidati) non è per nulla indifferente!

E allora vediamo chi (e cosa) è stato messo in corsa per questo 15° Piolet d'or dalla giuria, quest'anno presieduta dall'inglese Stephen Venables. Cominciamo con l'ultima realizzazione in ordine di tempo, quella del Cerro Torre e de “El Arca de los Vientos” che il 13 novembre scorsoè stata portata a termine da Ermanno Salvaterra, Alessandro Beltrami e Rolando Garibotti con una bellissima cavalcata attraverso le pareti est, ovest e nord del Torre. Come molti sapranno sono le stesse pareti della salita del 1959 di Maestri e Egger, una strada che in questi 45 anni nessuno era mai riuscito a ri-percorrere…

Aldilà dell'aspetto storico (davvero grande) e delle risapute diatribe se quella ormai antica salita del '59 sia stata o meno effettuata, quello che hanno fatto questi tre alpinisti patagonici è stato davvero notevole, e quindi da Piolet! Da segnalare che questo è il secondo anno consecutivo che l'Italia entra in nomination con la Patagonia, l'anno scorso infatti l'onore toccò a Elio Orlandi, Horacio Codò e Luca Fava con la nuova via sul Fitz Roy

Con Robert Jasper e Stefan Glowacz si resta in Patagonia anche per un'altra delle sei candidate, si tratta della nuova via aperta dai due famosi climber tedeschi sull'impressionante parete nord del Cerro Murallion. 27 lunghezze che hanno come punta di diamante un bel 7c+ in libera condito con tratti di A2 e M4. Glowacz e Jasper erano al loro secondo tentativo su questa via che avevano già tentato nel 2004. Una costanza che è stata premiata da un bel successo!

Come non manca certo di costanza (ad altissimo livello) l'americano Steve House che con il connazionale Vince Anderson ha centrato sugli 8125m del Nanga Parbat, ma soprattutto sull'impressionante pilastro centrale della parete del versante Rupal, una delle realizzazioni più importanti dell'anno (e non solo). Una nuova via di 4100m di sviluppo, salita con una corsa non stop di 6 giorni, seguita poi da altri due giorni di discesa. Il tutto, come House ci ha abituati, con uno stile “leggerissimo” e assolutamente d'avanguardia. Vero alpine style dunque, addirittura al limite dell'accesso! Basti dire che in discesa (sulla via Messner) i due hanno trovato delle corde fisse ma… non le hanno usate. Questo è lo stile “Steve House”. L'anno scorso l'americano (non senza polemiche) sfiorò la vittoria con la sua salita solitaria del K7… Quest'anno è di nuovo in corsa, e che corsa!

Parlando di stile leggero e di solitarie non si può non citare un altro candidato: lo svizzero Ueli Steck. Ill suo Khumbu express ha concatenato in splendida successione le difficili pareti nord del Cholatse (6440m) ed est del Tawoche (6505m) nonché la nord ovest dell'Ama Dablam finoa 5900m. Un tour bello, veloce, naturalmente leggero e anche fuori dagli schemi per la scelta dello Cholatse e del Tawoche, montagne spesso “oscurate” dai mostri sacri della valle del Kumbu (come sua maestà Everest, Lhotse e Nuptse) ma che rappresentano sicuramente una frontiera del moderno alpinismo.

Si ritorna su una delle 14 più alte montagne per parlare della nuova via di Denis Urubko e Serguey Samoilov sulla parete sud del Broad Peak (8047m). Ma appunto si tratta sempre di una nuova via e di una cordata leggera e di una salita al limite che ha impegnato i due kazaki per complessivi 8 giorni (6 in salita e due in discesa) su difficoltà di 6b e su muri a 75° su ghiaccio. Una gran bella prima dunque, su uno dei giganti della terra… non è poca cosa!

Completa la fila dei candidati la nomination tutta “francese” a Patrick Wagnon, Christian Trommsdorf, Yannick Graziani autori della traversata del Chomo Lonzo, 7500m tibetano, di cui i tre hanno salito le vergini cime nord e centrale. Stile alpino anche per loro attenuato da qualche corda fissa sulla traversata, ma soprattutto una via “ingigantita” dall'aver raggiunto due cime di 7500 metri ancora inviolate. Come dire, alle porte del terzo millennio per chi sa cercare c'è ancora molto da fare.

Scorrendo queste candidature sembra chiaro che il Piolet d'or (ma soprattutto l'alpinismo) si orienta sul concetto che “nuovo” e “leggero” è bello! E, in sostanza, premia lo “stile alpino” (anche se più o meno puro). Insomma, l'antica filosofia è sempre più moderna, o meglio la filosofia non invecchia mai! Così, archiviato il Piolet d'or 2004 all'exploit del corposo team russo sullo Jannu, restiamo in attesa del vincitore (della più bella salita) del 2005; una cosa è certa: sarà leggera e bella come tutti i premi!
Appuntamento al 10 febbraio!


archivio Piolet d'or
Salvaterra, Garibotti, Beltram, Cerro Torre
Steve House e Vice Anderson, Nanga Parbat
Denis Urubko e Serguey Samoilov, Broad Peak
Ueli Steck, Kumbu Express
Robert Jasper e Stefan Glowacz, Cerro Murallon
Expo Grivel

Nella foto il tracciato della parte terminale della via sul Cerro Torre di Ermanno Salvaterra, Rolando Garibotti e Alessandro Beltrami
ph arch. E. Salvaterra)
Patagonia, Cerro Torre, Salvaterra, Garibotti, Beltrami
NOMINATION PIOLET D'OR 2005
NANGA PARBAT, versante Rupal. 8125m, Pakistan
Nuova via sul Pilastro centrale per
Steve House e Vince Anderson (USA)
Lunghezza: 4100m
Difficoltà: WI4 M5, 5.9
Stile alpino. Salita in 6 giorni, discesa in due giorni per la via Messner.
Presenza di corde fisse lungo la via Messner, non utilizzate da House e Anderson.
BROAD PEAK 8047m, Pakistan
Nuova via sulla parete sud per
Denis Urubko e Serguey Samoilov (Kazakhistan)
Lunghezza: 2500m
Difficoltà: 6b, ghiaccio 75°
Stile alpino. Salita in 6 giorni, discesa per la via normale in due giorni

CHOMO LONZO (7500m), Tibet.
Patrick Wagnon, Christian Trommsdorf, Yannick Graziani (FRA)
Per la traversata cima Nord - cima centrale
Lunghezza: 1500m
Difficoltà: ED
Due cime vergini salite in stile alpino con qualche corda fissa per la traversata
KHUMBU EXPRESS, Nepal.
Ueli Steck (CH).
Concatenamento in solitaria: parete nord del Cholatse (6440m) per una via di 1600m e difficoltà M6; parete est del Tawoche (6505m) per una via di 1500m; parete nord ovest dell'Ama Dablam (fino a 5900m).
CERRO MURALLON, Patagonia
parete nord per
Robert Jasper e Stefan Glowacz (GER).
27 lunghezze, diff. Max in libera 7c+, A2 e M4.
2° tentativo (il 1° nel 2004). Corde fisse sulle prime 10 lunghezze.
CERRO TORRE, Patagonia
Nuova via per
Ermanno Salvaterra e Alessandro Beltrami (ITA), Rolando Garibotti (ITA) sulle pareti est, ovest e nord.
Stile alpino. Difficoltà 6b+ e A1.
Giuria del 15° Piolet d'or
- Stephen Venables (GB) presidente
- Pierre Hofmann (CH) GHM
- A. Bolotov e M. Mikhaïlov (RUS) vincitori del Piolet d'or 2004 per la salita dello Jannu
- Mike "Twid" Turner (RUS)
- Sylvo Karo (SLO) Mountain wilderness international
- François Marsigny (FRA)
- Im Duc Young (KOR)
- Guy Chaumereuil (FRA) fondatore del Premio Piolet d'or
- La redazione di Montagnes magazine

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello