Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowNanga Parbat 1970. Reinhold Messner disse la verità

Nanga Parbat 1970. Reinhold Messner disse la verità

25.01.2004 di Vinicio Stefanello

Günther Messner è veramente scomparso scendendo il versante Diamir del Nanga Parbat, come ha sempre raccontato suo fratello Reinhold.

Günther Messner è veramente sceso dal versante Diamir del Nanga Parbat, come ha sempre raccontato suo fratello Reinhold. La conferma viene dalle indagini genetiche condotte, dall'anatomopatologo Eduard Egarter, sui resti umani ritrovati nel 2000 da Hanspeter Eisendle, ai piedi del versante occidentale del Nanga Parbat. Quel perone, dicono le analisi, è con tutta probabilità (la certezza assoluta non si può avere in questo tipo di analisi) proprio di Günther Messner.

La notizia, diffusa ieri dal giornale altoatesino Tageszeitung e dalla Bild-Zeitung, e ripresa oggi da molti quotidiani e da tutte le reti televisive, è un’importante, e probabilmente definitiva conferma, della versione che Rheinhold Messner ha sempre dato su quella prima sua grande e tragica impresa.

All’epoca dei fatti, nel 1970, i due fratelli Messner toccarono la vetta superando l’immensa e inviolata parete Rupal del Nanga Parbat, per poi discenderne, al limite della sopravvivenza, lo sconosciuto versante Diamir. Ma, alla fine, Reinhold restò da solo a raccontare quell’incredibile odissea; Günther non ce la fece, e il suo corpo rimase lì, perso tra i ghiacci della “Montagna nuda”, il Nanga Parbat appunto, la nona montagna per altezza della terra. Unico sopravvissuto e unico testimone dunque... Naturalmente ci fu chi non gli credette.

Reinhold, come tutti sanno, non smise con l'alpinismo, e soprattutto continuò con la grandi salite in Himalaya. Era destinato a diventare quello che tutti conosciamo: il primo a ideare, e poi completare, la grande salita di tutti i 14 ottomila. La realizzazione di un grande progetto che portò a termine con un percorso assolutamente unico. Fu il primo a salire in solitaria un 8000 (Nanga Parbat, 1978), il primo (insieme a Habeler) a calcare la vetta dell’Everest senza ossigeno nonchè, subito dopo, il primo a salire la montagna più alta in solitaria (1978), e poi ancora il primo a concatenare due ottomila (1984). Insomma, a fare (ed essere) quello che l’ha reso probabilmente il più famoso alpinista del mondo.

Quella sul Nanga Parbat fu una traversata epica, senza precedenti, addirittura incredibile. Ma oltre ad essere la sua prima grande impresa himalayana, per Rheinhold rappresentò un’esperienza devastante. Certamente la più terribile e angosciante che ha vissuto in montagna, e probabilmente anche nella vita. Dal Nanga Parbat tornò solo, senza il fratello, quasi sicuramente travolto da una valanga lungo la discesa. Lui stesso, per salvarsi, lottò a lungo, senza alcun aiuto esterno, restando per giorni sospeso, in equilibrio, sul sottile filo che divide la vita dalla morte.

Poi, dopo il ritorno alla vita, resta l'indicibile ricordo, resta il dolore per la perdita del fratello, reso ancora più insostenibile da quanto affermato da alcuni dei suoi stessi compagni di spedizione, che misero in dubbio le sue parole. Che insinuarono avesse abbandonato Günther, esausto, ancora prima di raggiungere la cima. Che, in pratica, l’accusarono di aver deliberatamente preferito la vetta, il successo, alla salvezza del fratello.

Ora ci sono le prove di ciò che Reinhold ha sempre sostenuto. Dopo i veleni, le illazioni, le supposizioni che sono seguite a quella grande e tragica spedizione. Dopo il sottile “gioco” al massacro – un gioco ben noto a chi segue il mondo dell’alpinismo e che spessissimo fa da contorno alle grandi imprese e soprattutto alle tragedie - sembra che la malevola cortina dei dubbi sia stata spazzata via. Günther e Reinhold sono veramente saliti insieme in vetta al Nanga Parbat, ed entrambi sono scesi dal versante Diamir: il ritrovamento dei resti di Günther ai piedi del versante ovest lo conferma.

Ci sono voluti 34 anni, un’eternità! E c’è voluta la mano del destino per risolvere quello che era stato dipinto come un tragico “giallo” con tanto di colpevole. Hanspeter Eisendle, infatti, ha ritrovato i resti di Günther assolutamente per caso, mentre, ai piedi del Nanga Parbat, cercava solo dei minerali da portare in ricordo ai figli...

Senza questa casualità le versioni e "i si dice” senza fondamento di prova avrebbero ancora lo stesso peso, se non addirittura maggiore, della parola dell’unico testimone e, allo stesso tempo, dell'unico protagonista vivente della vicenda. Un protagonista-testimone che, annuncia, ritornerà sul luogo del suo “presunto delitto” nel 2005. E forse è questo proposito che dà la misura della ferita, profonda, incancellabile, che quella montagna, quella salita e questi decenni di sospetti hanno lasciato su Reinhold Messner.
Nanga Parbat
 Nanga Parbat
8125 metri
IX° montagna per altezza della terra
Posizione: Himalaya, Kashmir - Pakistan
Primi salitori: l'austriaco Hermann Buhl il 3 luglio 1953 (spedizione austro-tedesca, capo spedizione Herrligkoffer) 3^ montagna oltre gli ottomila metri scalata dall'uomo.
Nanga Parbat
 cronologia
1970
I fratelli Reinhold e Günther Messner salgano l'inviolato versante Rupal del Nanga Parbat, ed effettuano la prima discesa del versante Diamir. Günther Messner scompare in discesa. Reinbhold cerca inutilmente il fratello. Poi, da solo e allo stremo delle forze, raggiunge un gruppo di pastori da cui riceve aiuto. Gli altri componenti della spedizione intanto hanno già abbandonato il campo base posto sull'altro versante della montagna.

2000
Spedizione di Reinhold Messner al versante Diamir del Nanga Parbat con apertura di una via nuova. la spedizione non raggiunge la cima. Hanspeter Eisendle, componente della spedizione, trova casualmente un resto umano (perone) alla base del versante Diamir.

2004
L'anatomopatologo Eduard Egarter - lo stesso che studia i resti dell'uomo di 5.000 anni fa, trovati sul Similaun - conferma che le indagini genetiche condotte sul perone rivenuto da Hanspeter Eisendle è con ogni probabilità di Günther Messner.
 libri
La Montagna nuda
di Reinhold Messner
Corbaccio Editori 2003

Nel libro, uscito in occasione del 50° anniversario della 1a salita da parte di H. Buhl del Nanga Parbat, Reinhold Messner racconta tutta la vicenda della salita del 1970 e della scomparsa del fratello.
arch. news Nanga Parbat
Nelle foto il Nanga Parbat

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon