Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowLa Grande Onda - Big Wave per Rolando Larcher

La Grande Onda - Big Wave per Rolando Larcher

05.10.2002 di Maurizio Oviglia

Il 14/09 Rolando Larcher ha la realizzato prima libera de "La Grande Onda - Big Wave". La via che Rolando ha aperto, nell'estate 2002, con Michele Paissan e Manolo sulla parete SO della Torre Sprit (Pale di San Martino).

Il 14 settembre Rolando Larcher ha compiuto la prima salita in libera de "La Grande Onda - Big Wave". Via che nel corso dell'estate ha aperto, sulla parete SO della Torre Sprit (Pale di San Martino), con Michele Paissan e Maurizio "Manolo" Zanolla.

Scrive Rolando: "Il vecchio virus non muore mai, magari si assopisce e rimane latente per anni, ma poi all’improvviso riappare e..." Di quale strano virus si tratti non è difficile immaginarlo, soprattutto se si pensa a vie coma la bellissima Hotel Supramonte, aperta da Larcher, insieme a Vigiani, nelle Gole di Gorropu in Sardegna.

Ma scopriamo direttamente dalla "penna" di Rolando la storia de "La Grande Onda - Big Wave" sulla bellissima Torre Sprit...


LA GRANDE ONDA - BIG WAVE
di Rolando Larcher

"Un estate così alpinistica, era dagl’anni “80” che non la facevo più. Apertura di vie nuove in stile tradizionale, ripetizioni di vie trad più o meno classiche e pure qualche solitaria.

Il vecchio virus non muore mai, magari si assopisce e rimane latente per anni, ma poi all’improvviso riappare ed è difficile contenerlo. Vaccini non ne esistono, solamente una gran dose di ghiaioni superati con zaini stracolmi e con l’aggiunta di qualche bel temporale, può alleviare le sofferenze di questo male a coloro che ne sono afflitti.

Ma tutte queste fatiche non mi hanno tolto quel minimo di lucidità necessario per concepire una via nuova, da aprire nel mio consueto stile con il trapano, sulla bellissima Torre Sprit nelle Pale di San Martino.
Così, trovato in Michele Paissan il compagno ideale, desideroso di imparare ed entusiasta di fare nuove esperienze, sono passato subito all’azione, la terapia migliore.

La Torre Sprit l’avevo un po’ sottovalutata, sia in termini di lunghezza che d’impegno. L’avevo valutata sui 350 metri ad occhio, ma la grandezza delle pareti circostanti mi avevano tratto in inganno perché lo sviluppo ha raggiunto alla fine i 500 metri.
Le difficoltà, poi, si sono rivelate continue e sostenute su tutta la lunghezza della via. Comunque in 4 giorni di fatiche siamo arrivati in cima, con il fattivo aiuto di Michele che era alla sua prima esperienza in apertura, ma che si è rivelato bravissimo e freddo nei momenti di maggior tensione.

L’ultimo giorno, quando siamo arrivati in cima, Manolo, curioso di carpire i segreti di questo stile, ci ha accompagnato dandoci simpaticamente una mano, rimanendo colpito ed estasiato dalla bellezza della Torre e della via. Ritornava su quella cima dopo 24 anni, era infatti il 1978 quando aprì una via nuova poco più a destra della nostra. Sicuramente vi ritornerà a breve, entusiasta di avere questo bell’itinerario moderno a due passi da casa; certo si è già candidato come primo ripetitore.





Terminata l’apertura, per concludere il tutto era d’obbligo come consuetudine la salita della via in stile rotpunkt. Ci provammo una prima volta, ma arrivammo terrorizzati sino al 5° tiro: il temporale della notte, più due scrosci presi in parete, avevano bagnato e inumidito i run-out. Ma non c’erano alternative, dovevamo ripassare tutti passaggi per memorizzarli bene.
Ora avevamo le idee ben chiare. Per liberare questa via avevamo bisogno in primis di una bella giornata, di una corda singola anziché delle mezze corde (per gli attriti), di 15 giorni di falesia per un richiamino di forza ed, infine, della consueta dose di fortuna.

Il 14 settembre è la giornata topica, sicuramente fresca ed ancora con le nebbie, che però si diradano in partenza del 5° tiro, quello “chiave”.
Mi sentivo come un automa. Salivo senza mai ridiscendere. Salire-moschettare-andare! Mai un’incertezza, mai un’indecisione. Mi sembrava tutto facile. Sentivo di tener tutto, e l’acciaio non esisteva: uno stato di grazia che non capivo se dipendeva dall’allenamento o dalla mia determinazione mentale.

Così arrivò anche il tiro chiave, quasi 60 metri su muro strapiombante con, dopo 50 metri di 7c, un crux duro e precario. Pensavo che nel complesso risultasse sull’8a+ e che avrei dovuto provarlo alcune volte, ma quel giorno fu tutta un’altra cosa e lo liberai subito, mettendomi i rinvii.

Gioisco con Michele, la via è fatta. Mancano ancora 5 tiri per la cima, ma sono solo una divertente formalità. Decidiamo di chiamarla “La Grande Onda – Big Wave”, dato che la parete è solcata da un grande intaglio glaciale che, sia da lontano che scalandoci sopra, ricorda un onda.

10 tiri con 500 metri di sviluppo, difficoltà massima di 8a ed un obbligatorio di 7b. Per quanto riguarda l’obbligatorio, lo definirei un 7b ”new age”... La differenza non sta nella difficoltà in sé, ma nel fatto che superato il tratto duro, sulle mie vie di qualche anno fa si moschettonava, qui invece bisogna avanzare, tranquilli tranquilli, qualche metro in più. Sicuramente anche questo, deve essere un nefasto effetto collaterale di quel maledetto inguaribile virus!

Rolando Larcher

  archivio news



A sx Rolando Larcher, sopra sempre Rolando su "La grande onda"
ph arch. R. Larcher




LA GRANDE ONDA - BIG WAVE
Pale di San Martino (Dolomiti)
Torre Sprit, 2392 m, parete sud-ovest
Apritori: Rolando Larcher, Michele Paissan, Maurizio Zanolla - estate 2002.
Prima libera: Rolando Larcher,
il 14/09/2002
Sviluppo: 500 m - 10 tiri
Materiale: 2 corde da 60m, 12 rinvii, stoppers medi per il 10° tiro.
Difficoltà: 8a max e 7b obbligatorio.
Tiro per tiro: 6c (35m - 3 spit); 7c (40m - 8 spit); 7c (35m - 5 spit); 7a (60m - 9 spit, 1 cless); 8a (55m - 12 spit); 7b (50m - 7 spit); 6a (45m - 3 spit); 6c+ (45m - 6 spit); 7a+ (35m - 3 spit); IV° (60m - stoppers).

Accesso generale: da Agordo o P.sso Cereda arrivare a Sarasin (fr. Gosaldo) e prendere la strada asfaltata per loc. Faustin. Seguirla quasi fino al termine e parcheggiare in prossimità dellla str. forestale (divieto trans.) sulla dx. che conduce a cas. Cavallera e al biv. Menegazzi.

Attacco: in prossimità della cas. Cavallera (50') si devia a dx per il vicino biv. Menegazzi e, senza raggiungerlo, si prende a dx una traccia in direzione di cas. di Campo e rif. Scarpa. Per prati si scende al vallone Sprit. La Torre Sprit rimane a dx, alla sua base si nota un enorme masso tagliato (sx) . Per sentiero attraversare il vallone e, superatolo, salire (sx) per ripida traccia (ometti) alla Torre. Costeggiare la base verso sx e risalire per 40m un canale fino al cordino d'attacco (1950m). 1h e 45' dalla macchina.





Sopra e a sx, Torre Sprit, Pale di San Martino
ph arch. R. Larcher

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello