Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowMonte Cevedale, scialpinismo DOC nel gruppo Ortles - Cevedale

La croce di vetta al Monte Cevedale
Photo by Eraldo Meraldi
Salendo lungo la Vedretta di Cedec
Photo by Eraldo Meraldi
Tratto finale Monte Cevedale
Photo by Eraldo Meraldi
La salita al Monte Cevedale (3769m), gruppo Ortles - Cevedale
Photo by Eraldo Meraldi
INFO / links & info:

Monte Cevedale, scialpinismo DOC nel gruppo Ortles - Cevedale

29.04.2014 di Eraldo Meraldi

La Guida Alpina Eraldo Meraldi presenta la salita al Monte Cevedale, un classico itinerario di scialpinimo primaverile nel gruppo Ortles - Cevedale.

Il Monte Cevedale è tra le mete sci alpinistiche ed alpinistiche più frequentate della zona perché si trova all’unione di tre vallate; Valfurva, Val di Pejo e Val Martello ed è raggiungibile anche dalla Val di Solda. Inserita in uno straordinario ambiente glaciale, è relativamente semplice da raggiungere grazie ai numerosi rifugi alpini da cui è supportata. E’ anche il nodo orografico del gruppo montuoso dell’Ortles-Cevedale ed è il cuore del Parco Nazionale dello Stelvio.

E’ bello ricordare che la 1° ascensione della punta NE (Zufallspitze) è stata di Edmund von Mojsisovics e Sebastian Janiger il 13 di agosto del 1864 salendo da Solda passando dal Passo del Cevedale e nella parte alta lungo la parete NO e poi lungo la cresta SO; chissà perché non sono andati a destra sulla cima principale che era la più vicina, forse per il maltempo o forse perché ingannati dalla prospettiva che la cima di sinistra fosse la più elevata. Invece la 1° ascensione della vetta culminante è stata il 7 di settembre dell’anno dopo da parte di Julius Payer con Johann Pinggera e Josef Reinstadler seguendo l’itinerario precedente fino alla cresta che collega le due cime, per poi seguire nel tratto finale la cresta nord-est. La 1° salita con gli sci fu di Pietro Crosti e altri nell’inverno del 1901-02 o forse di Georg Lowenbach da solo il 4 di novembre 1901.

Tra le varie ipotesi sulla toponomastica del nome della montagna la più probabile sembra sia nata sul versante della Valfurva dove verso occidente si trova la Val Cédè il cui nome ricorda quello del Cevedale: gli alti pascoli della vallata erano denominati sin dal 1605 “l’Alpe di Ceveda”. In lingua tedesca è conosciuto con il nome di Zufallspitz ma ormai è d’uso che la cima più ad occidente, la più elevata, sia il Monte Cevedale (3769m), mentre quella minore, più a nord-ovest sia la Zufallspitze 3757 m.

Sulla cima ora c’è una bella croce di legno massiccio; quella più antica, il passare del tempo e le intemperie l’avevano indebolita fino a farla cadere. Per diversi decenni la vetta ne è rimasta spoglia, così il 22 settembre del 2012 è stata riposizionata quella nuova. Un affiatato gruppo di giovani della Valfurva si sono posti questo importante obiettivo, legato alle passate tradizioni delle vallate alpine; un legame che porta le cime delle montagne ad essere dei luoghi anche di concentrazione spirituale, dove inevitabilmente ci sembra d’essere più vicini all’essenza del creato.

Si dice che le montagne affraternano, uniscono; sulla cima è ancora ben visibile il rudere di una baracca a testimonianza delle numerose postazioni d’artiglieria durante la 1° guerra mondiale (1915-18) sparse un po’ ovunque su tutte le montagne della zona. La prepotenza e l’assurda capacità dell’uomo di non saper vivere in pace e armonia con i propri simili ha portato in passato a queste drammatiche situazioni, ma l’umanità continua su questa strada sbagliata invece di unirsi per il bene comune come una bella e grande famiglia. La montagna testimonia e ricorda ancora queste follie e dovrebbe farci meditare e capire quanto valga la pena continuare su questa strada. Talvolta quando la cima è affollata, sia in primavera che in estate, sembra di essere in una grande città dove tutti vedono, nessuno guarda o osserva, pochi scambiano qualche parola con altre cordate, ognuno pensa per sé. La fortuna d’incontrare diverse culture sulla cima d’una montagna dovrebbe essere un arricchimento reciproco.

Il panorama dalla cima è uno dei più belli ed estesi del gruppo, uno spettacolo della natura; una meraviglia dove l’immensa profondità del cielo va a toccare gli angoli più nascosti della mente. Nei pochi momenti che ci si ferma sulla cima mi è ancora capitato d’essere solo e allora con la punta del dito sfiorare l’orizzonte seguendo il contorno delle montagne intorno; ne viene fuori un cerchio immaginario, pulsante come un elettrocardiogramma; l’energia delle montagne, la bellezza di ciò che è dato vedere e le emozioni regalate dalla natura portano ad arricchire i ricordi e il bagaglio d’esperienza che rinchiuso nel forziere dell’anima partecipa al senso e alla magia della vita.

di Eraldo Meraldi


SCHEDA: scialpinismo Monte Cevedale

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello