Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowEverest: Sherpa lasciano il Campo Base, incerta l'intera stagione alpinistica primaverile

Campo Base dell'Everest e l'Icefall nel 2003
Photo by Manuel Lugli
L'Icefall nel 2003
Photo by Manuel Lugli
NEWS / Links:

Everest: Sherpa lasciano il Campo Base, incerta l'intera stagione alpinistica primaverile

23.04.2014 di Planetmountain

Dalle ultime notizie alcuni Sherpa stanno lasciando il Campo Base dell'Everest per onorare i colleghi morti nella tragica valanga del 18 aprile. Il futuro della stagione alpinistica primavera 2014 sul versante nepalese è in bilico.

Sono momenti decisivi per la stagione primaverile sul versante Nepalese dell'Everest. In seguito alla tragedia di venerdì scorso, dove hanno perso la vita tredici Sherpa e tre sono ancora dati per dispersi, sembra che molti Sherpa abbiano deciso di abbandonare il Campo Base per onorare i colleghi morti nella terribile valanga. Nonostante non ci sia ancora nulla di ufficiale da parte del governo, numerose sono le testimonianze relative a Sherpa che proprio in queste ore stanno lasciando il Campo Base carichi di materiale. Secondo alcune indicazioni, metà degli Sherpa sarebbero già partiti per rientrare nelle loro vallate.

Una decisione di questo tipo annullerebbe a tutti gli effetti l'intera stagione primaverile, un fatto mai accaduto prima e con conseguenze importanti per tutto il paese. Vista l'entità della tragedia ed i malumori tra chi era al Campo Base, già nei giorni scorsi alcune spedizioni commerciali hanno deciso di annullare la spedizione. Alpine Ascents International scrive infatti sul sito ufficiale: "Abbiamo tutti convenuto che la cosa migliore è di non proseguire nelle salite in questa stagione, in modo che tutti possano piangere la perdita dei propri familiari, amici e compagni di questa tragedia senza precedenti".

Durante un incontro tenutosi domenica scorsa al Campo Base gli Sherpa avevano imposto al governo Nepalese numerose condizioni, soprattutto economiche, per continuare con il loro fondamentale appoggio. Il Ministero del Turismo aveva replicato garantendo delle risposte entro e non oltre martedì 22 aprile, ma stando alle ultime notizie di oggi le richieste non sono state accettate in pieno. Tra le richieste avanzate nell'ultimatum: aumento immediato del risarcimento alle famiglie delle 16 vittime (secondo il giornalista inglese Ed Douglas "I $400 stanziati sono stati interpretati come una presa in giro, visto quanto il governo guadagna grazie all'Everest ed ai rischi che si prendono gli Sherpa); aumento dell'assicurazione in caso di morte a 2m rupees (circa 15,000 euro); la copertura di tutte le spese mediche per i feriti.

Inutile sottolineare che una crisi di queste proporzioni non si è mai vista sul lato sud della montagna più alta della terra e che attualmente ci sono più domande che risposte. Cosa succederà con i soldi – minimo $10,000 a testa – già versati dagli alpinisti che adesso forse non riusciranno nemmeno a tentare la salita? Il Nepal è considerato tra i paesi più poveri al mondo ed è quindi anche inutile sottolineare che la perdita di una stagione intera peserebbe in modo rilevante. "L'Everest è incredibilmente politico..." ci ha raccontato Douglas, che al momento della tragedia si trovava nell ufficico della famosa cronista Elizabeth Hawley, "...come per tutte le principali attrazioni turistiche in Nepal, c'è una lotta tra le autorità, la popolazione locale e le imprese. Alpinisti, trekkers e turisti non sono considerati molto in questo processo. Credo comunque che questa terribile perdita di vite umane sarà catalizzatore di grandi cambiamenti."

A prescindere dalle questioni economiche, che verrano prima o poi risolte, sembra appunto che gli Sherpa abbiano deciso di prendere in mano la situazione e tornare a casa come segno di rispetto. Secondo l'articolo di The Guardian, lo Sherpa Tulsi Gurung ha raccontato ad AFP "Abbiamo avuto un lungo incontro questo pomeriggio ed abbiamo deciso di fermare le nostre attività per onorare i nostri fratelli caduti. Tutti gli Sherpa sono uniti da questa decisione."

Detto questo, secondo Alan Arnette il governo Nepalese sta inviando un ufficiale a Campo Base dell'Everest nell'ultimo tentativo di trovare un accordo che soddisfi tutti. La risposta definitiva, di come si svolgerà questa stagione, lo sapremo nelle prossime ore.


VALANGA SULL'EVEREST

20/04/2014 - Valanga sull'Everest: stop alle operazioni di soccorso
19/04/2014 - Valanga sull' Everest: intervista a Simone Moro
18/04/2014 - Tragica valanga sull'Everest, numerose le vittime

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale