Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowRed Rocks - boulder alle porte di Las Vegas

Niccolò Ceria su Meadowlark Lemon V14, Red Rocks, USA
Photo by Giulia Paoletti
Niccolò Ceria sale Stand and Deliver 8A.
Photo by Giulia Paoletti
Niccolò Ceria sale Wet Dream 8A+.
Photo by Giulia Paoletti
La tipica roccia di Red Rock
Photo by Niccolò Ceria
INFO / links & info:

Red Rocks - boulder alle porte di Las Vegas

20.03.2014 di Niccolò Ceria

Il racconto di Niccolò Ceria sul suo viaggio boulder a Red Rocks vicino a Las Vegas, Nevada, USA.

Come parecchie destinazioni scalatorie, anche il parco delle Red Rocks era nella mia mente e nella lista da tempo. Era la prima volta che volavo per gli Stati Uniti e i giorni pre-partenza passano come sempre in maniera lenta, sperando che il countdown si avvicini allo 0 il prima possibile. Finalmente arriva la mattina desiderata, io e Giulia siamo emozionati per un viaggio programmato e sognato da mesi con la frenesia di vedere posti nuovi, diversi dallo stile europeo e con un ambiente incentrato sul deserto roccioso.

Il volo è stancante, ma dopo 24 ore di viaggio raggiungiamo la luminosissima e suggestiva città di Las Vegas. Il giorno dopo prepariamo tutto ciò che ci serve per la nostra permanenza: spesa, noleggio auto, acquisto dei pad, acquisto della guida e, al tramonto, troviamo il tempo per andare a passeggiare nel settore più classico, toccando l'arenaria tanto desiderata.

La mattina successiva arriva finalmente il momento di scalare in questo ambiente così diverso dal nostro con roccia, blocchi e persone differenti rispetto a ciò che siamo abituati. Subito capisco che si tratta di un posto davvero complementare e appropriato ai miei gusti. La conferma arriva al termine della prima settimana, dopo aver visitato parte dei numerosi canyon del parco; ognuno dei quali offre un settore della zona con una roccia incredibile. L'arenaria in alcuni sassi è perfetta nei colori, nella grana, nelle forme e nelle prese che compongono le linee. L'intera zona, eccetto qualche settore più vecchio, richiede grandi avvicinamenti, a volte per pochi sassi, o almeno pochi di essi già aperti. Si vedono massi ovunque e probabilmente il potenziale per nuove linee è ancora buono.

Stando qui per la prima volta e "solamente" due settimane decisi di dedicarmi a blocchi già aperti che mi ispiravano di più come Atlas Shrugged, una linea in compressione con la qualità al top; il muro perfetto di Wet dream, Abstraction, che sembra una scaglia di cioccolato in formato gigante, The book of nightmare, Stand and Deliver, Jack of all trades e molti altri belli ma non con la qualità eccezionale e impressionante come questi.

L'obbiettivo principale per me era Meadowlark Lemon, un sasso situato in Gateway canyon che mi ispirò sin da quando Paul Robinson lo liberò qualche anno fa. Anche questo mi impressionò molto alla prima vista per molteplici fattori e, ai piedi di sassi come questi, mi sentii subito ripagato dal lungo viaggio, dal costo e dalla distanza percorsa per raggiungerli. Il blocco risultò più duro degli altri e mi richiese tre giorni interi di lavoro per il pazzesco mix di tecnica, forza, metodo, precisione, freddo e pelle adeguata che mi richiese. Desideravo molto salire Meadowlark Lemon e, se pur ormai risulta famosa e conosciuta, l'attrazione era del tutto personale ed ero emozionato ogni volta che lo vedevo. Con un po' di fortuna il penultimo giorno a Red Rocks riuscii a completarlo e la sua bellezza, insieme alle caratteristiche scalatorie che presenta, mi rese davvero felice.

Nei giorni di riposo riuscimmo anche a visitare due parchi "vicini" a Las Vegas, siccome eravamo motivati di vedere parti della natura americana che sapevamo non ci avrebbe deluso. Il primo fu il parco della Death Valley, un ambiente pazzesco per le piccole e diverse zone geologiche che è capace di offrire. Pur rimanendo nella stessa valle deserta si possono vedere zone di tutti i tipi nell'arco di poche miglia. Il secondo invece fu il Bryce canyon, a 5 ore di auto dalla città, situato sulle montagne in Utah. Il Bryce è più piccolo della Death Valley e fortunatamente visitabile in giornata per il sue dimensioni ridotte. I canyon che offre sono mozzafiato con pinnacoli di roccia arancione in contrasto con qualche macchia di neve e il verde di qualche pianta.

Le due settimane passarono davvero in fretta in un posto in cui mi sono trovato perfettamente a mio agio. Gli Stati Uniti sono grandi e regalano numerose zone boulder; per questo quando tornerò preferirò vedere ambienti e posti nuovi, ma spero un giorno di tornare anche a Red Rocks visto la buona permanenza che abbiamo avuto.

di Niccolò Ceria

SCHEDA: Red Rocks, Nevada, USA


Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello