Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowMontserrat, Iker ed Eneko Pou su Tarragó la via che non c'è più

Iker Pou sulla via Tarragó a Montserrat, Spagna
Photo by Filmut
Le fantastiche guglie di conglomerato a Montserrat, Spagna
Photo by Filmut
Iker Pou e suo fratello Eneko sulla via Tarragó a Montserrat
Photo by Filmut
INFO / links & info:

Montserrat, Iker ed Eneko Pou su Tarragó la via che non c'è più

16.01.2014 di Planetmountain

A fine novembre 2013 Iker Pou e suo fratello Eneko hanno effettuato la prima libera della via Tarragó a Montserrat in Spagna. La via di 240m fino all' 8b+ che ora, in seguito alla schiodatura da parte di sconosciuti, non esiste più.

Iker Pou e suo fratello Eneko hanno chiuso il 2013 con una nota positiva ed anche un po' amara, dopo che la loro prima libera di una difficile via di più tiri a Montserrat ha innescata una spiacevole "guerra contro lo spit" che in Spagna ha suscitato non poco scalpore.

I legami dei due baschi con Montserrat, una delle zone di arrampicata storicamente più importanti della Spagna posta circa un'ora a ovest di Barcelona, risale allo scorso settembre quando Iker ha iniziato a tentare La Tarragó, una via di 240m aperta in artificiale e dal basso nel 2002 da David Tarragó con l'aiuto di Raúl Ballesteros, Dani Fernández, Xavier García e Toni Castelló. La via che ha in comune i primi due tiri con un'altra via, per poi snodarsi lungo la parete strapiombante chiamata Diables era rimasta praticamente dimenticata sin dalla prima salita.

"Il progetto è estremamente interessante in quanto per più di un decennio su questa via di carattere sportivo (in realtà fu aperta dal basso con chiodi a pressione abbastanza ravvicinati, ma con un notevole difficoltà psicologica a causa della roccia friabile) nessuno aveva raccolto la sfida della libera", ha spiegato Iker sul suo blog aggiungendo "Se a questo si aggiunge l'emozione che abbiamo provato salendo una difficile via a Montserrat, culla dell'arrampicata catalana e luogo di riferimento per molti dei migliori alpinisti del paese, allora si capisce perché il progetto era perfetto per noi e perché volevamo dare il massimo. Tarragó era la via per posizionare Montserrat sulla mappa internazionale dell'arrampicata del 21° secolo."

Dopo un po' di lavoro - la pulizia del conglomerato e lo studio dei passaggi ma nessuna aggiunta di altri spit - i fratelli Pou sono riusciti nella prima libera il 5 novembre scorso, gradando questi 6 tiri complessivamente 8b+. Comprensibilmente felici, hanno deciso di tornare per girare un film e documentare la salita. Venti giorni più tardi erano quindi nuovamente alla base della parete ma al terzo tiro tutto ad un tratto ecco la spiacevole sorpresa: gli spit erano stati tolti, e non si poteva salire oltre. Il giorno successivo si sono calati dalla cima e questa perlustrazione ha confermato i loro peggiori timori: tutti gli spit erano stati rimossi da sconosciuti e la via, ora totalmente schiodata, non c'era più.

Come ha accennato Iker, le splendide guglie di conglomerato di Montserrat sono sempre state un importante terreno di gioco per generazioni di alpinisti e arrampicatori, ed è chiaro quindi che in una zona come questa, ricca di storia e tradizione, l'etica può sembrare complicata agli esterni. Per quanto riguarda la via in questione Iker ha precisato che "Tarrago ha aperto la sua via con una 'facile arrampicata in artificiale' con l'intento che in futuro qualcuno potesse liberarla".

I Pou hanno espresso tutta la loro sorpresa, spiegandoci "Ci potrebbe essere qualche piccola olemica, perché il 4° tiro de La Tarragó incrocia una vecchia via di artificiale gradata A4. I primi salitori avevano aperto due varianti in questo punto, una che ha distrutta il tiro originale con degli spit. Ma noi non siamo saliti su questa ma sulla seconda variante a sinistra che non disturba per niente il tiro, ha soltanto in comune la stessa sosta. La verità è che non lo capiamo, specialmente perché sono passati così tanti anni dalla prima salita."

Secondo i Pou il primo salitore David Tarragó ritornerà in primavera per rispittare la sua via. "Tutta questa situazione è un vero peccato" ci ha spiegato Iker "non solo perché per adesso è stata persa una via bellissima, ma soprattutto perché la cosa peggiore di tutto ciò è che se si comincia una "guerra contro lo spit", in parete rimarrà soltanto "spazzatura" metallica. L'unico perdente di questa situazione incredibile sarà, non ci sono dubbi, il massiccio di Montserrat."

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello