Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowErmanno Salvaterra e il tentativo sulla Torre Egger in Patagonia

La via di Ermanno Salvaterra, Tomas Franchini, Paolo Grisa e Francesco Salvaterra, al centro della parete ovest della Torre Egger in Patagonia, novembre 2013.
Photo by archivio Ermanno Salvaterra
Ermanno Salvaterra, 11/2013
Photo by archivio Ermanno Salvaterra
Ermanno Salvaterra risale le corde fisse sulla parete Ovest della Torre Egger durante il tentativo del novembre 2013 assieme a Tomas Franchini e Francesco Salvaterra.
Photo by archivio Ermanno Salvaterra
I portaledge sulla parete Ovest della Torre Egger, durante il tentativo di Ermanno Salvaterra, Tomas Franchini e Francesco Salvaterra, novembre 2013
Photo by archivio Ermanno Salvaterra
INFO / links & info:

Ermanno Salvaterra e il tentativo sulla Torre Egger in Patagonia

09.12.2013 di Planetmountain

Il racconto di Ermanno Salvaterra del tentativo, effettuato a novembre assieme a Tomas Franchini, Paolo Grisa e Francesco Salvaterra, al centro della parete ovest della Torre Egger in Patagonia. Durante gli ultimi giorni della spedizione Tomas Franchini e Francesco Salvaterra hanno aperto la difficile e 'spaventosa' Ruleta Trentina (650m M5 WI5) sulla parete sud del Cerro Rincón.

"11 giorni in parete. Poco più di due giorni di sole, se così si può dire. Il tempo fa sempre schifo. Non ne possiamo più. Allora decidiamo a fatica di mollare..." Questa, la sintesi (estrema), di Ermanno Salvaterra sulla sua ultima avventura patagonica. La parete è la Ovest della Torre Egger. La linea tentata da Ermanno Salvaterra, Tomas Franchini e Francesco Salvaterra e Paolo Grisa va su dritta al centro della parete. Sì, proprio su quella magnifica linea progettata e tentata nel 1996 da Lorenzo Nadali, Pietro Dal Prá e Andrea Sarchi, e ancor prima pensata da Manlio Motto, Paolo Cavagnetto e compagni. Allora i tre avevano dovuto arrendersi dopo circa 100m. Ma restava il progetto, quel sogno che risolverebbe definitivamente il "problema" della grande parete Ovest, uno dei grandi quesiti irrisolti della Patagonia. Come molti ricorderanno sulla Ovest della Egger nel marzo scorso Matteo Della Bordella e Luca Schiera hanno aperto Notti Magiche, concludendo così un grande e bellissimo viaggio durato 3 anni e di cui aveva fatto parte anche Matteo Bernasconi. Ma quella linea nel cuore della parete resta una sfida ancora aperta. Anche perché è un'impresa complessiva, durissima anche per i trasporti (tutti a spalla) per raggiungerne la base. Così ecco arrivare il tentativo di Ermanno, Tomas, Francesco e Paolo. Appunto quegli 11 giorni di lotta con cui si sono spinti in alto, molto in alto, fino a 2/3 della grande parete. Un grande tentativo, insomma. Tanto che i tre già pensano di ritornare il prossimo anno... Ma non è finita qui: Tomas Franchini e Francesco Salvaterra dopo essere scesi (per niente facilmente) dalla Egger hanno puntato alla parete Sud del Cerro Rincón (2460m circa) aprendo una nuova linea di 650m con difficoltà di M5 WI5 che percorre un evidente diedro posto sulla destra sovrastato da un immenso seracco strapiombante. Ruleta Trentina si chiama questa nuova via, e se qualcuno si chiedesse il perché del nome basti dire che Rolando Garibotti sul suo pataclimb.com la descrive come "una linea molto chiacchierata (leggi: molto corteggiata ma... spaventosa". Resta da dire che poi, evidentemente non ancora sazi, Tomas ha salito la Exocet alla Standhardt con un alpinista argentino mentre Francesco una via sull’Aguille Mermoz. Poi i due (irrefrenabili) si sono fiondati sulla Supercanaleta al Fitz Roy dove purtroppo Tomas si è fratturato un piede per un banale incidente. E' proprio da qui che Ermanno Salvaterra inizia il racconto di questa sua (ennesima) avventura patagonica.

GRANDE PATAGONIA: SULLA OVEST DELLA EGGER PIÙ RULETA TRENTINA
di Ermanno Salvaterra

Com’è andata? Direi bene a parte gli ultimi giorni dopo essere ritornati al Chalten: Perché Tomas e Francesco avevano ancora troppa voglia di arrampicare e così un giorno Tomas è andato a fare la Exocet alla Standhardt con un argentino e Francesco a fare una via all’Aguille Mermoz. Poi, non ancora sazi ma sempre carichi, sono partiti per la Supercanaleta al Fitz Roy. Sono saliti veloci per oltre mille metri e sul primo tiro in roccia una scaglia si stacca sotto la piccozza. Un breve volo, il friend tiene ma finisce in una fessura con un piede. Ahi! Sente un brutto rumore… Francesco gli dice che non è niente ma Tomas ha sentito troppo bene quel rumore di ossa. Rinuncia! Lunga discesa a doppie e altrettanto lunga camminata fino alla Piedra del Fraile. Poi l’arrivo al Chalten e brutta notizia. Due fratture ai malleoli. Siamo tornati ieri sera e si è fermato a Brescia in ospedale. Mentre scrivo Tomas è in ospedale. Gli ho parlato pochi minuti fa e mi ha detto che forse lo operano domani. Dai Tomas… torna presto che anche i tuoi atleti ti stanno aspettando sugli sci…

Partiamo il 14 ottobre e la sera dopo siamo al Chalten. Una giornata di preparativi e acquisti vari e il giorno dopo siamo alla Piedra del Fraile, ultimo campo nella vegetazione. Arriviamo prima delle 12 e un’ora dopo siamo già al primo carico fino al ghiacciaio del Piergiorgio. Nei giorni successivi riusciamo a portare tutto al Passo Marconi, proprio sullo Hielo Continental. Sono carichi e camminate che ci richiedono molto ma allo stesso tempo ci danno le prime soddisfazioni. Poi tutto sulle nostre slitte. Slitte semplici ma super-scivolose. Il tragitto non è breve ma con gli sci e i nostri "bobi" al guinzaglio in poche ore siamo al Circulo de los Altares. Un posto che io conoscevo già ma che ogni volta mi fa provare emozioni incredibili. Anche i miei compagni sono affascinati dal luogo. Una sorpresa non piacevole quando arriviamo al "Filo Rosso". C’è veramente poca neve quest’anno e iniziamo a scavare per costruire la nostra truna ma subito troviamo ghiaccio. Cambiamo posto più volte finché in qualche modo riusciamo a farci la nostra "casa bianca". Un giorno lo passiamo qui a metterci a posto e preparare la roba per la parete e nel pomeriggio facciamo un giretto verso la parete per vedere dove passare sul ghiacciaio. Poi via… Altri trasporti e iniziamo a salire e portare su tutto oltre lo zoccolo, proprio dove la parete si fa verticale. Poi iniziamo a scalare davvero. Sulle tracce di Sarchi, Nadali e Dal Prà. Ripenso a loro e a quell’anno. Penso ad Andrea che voleva venire con me ma poi, onestamente, mi ha detto che non se la sentiva più di fare quelle "strapaciadi" (strapazzate). Tomas e Francesco sono delle rocce. A trasportare i sacconi pesanti e ad arrampicare. Mai un lamento. E così, un tiro dopo l’altro, un saccone via l’altro, una jumarata dopo l’altra, una folata di vento seguita da una più forte. Una nevicata dopo l’altra. Seracchi che cadono, ghiacciaio molto crepacciato, scariche ogni momento. Un tiro duro e poi un altro ancor più difficile, faticoso, a volte da panico e sempre il venticello che ti sbatte le neve in faccia. Ma quanto è in piedi ‘sta parete, ma quanto è bella, affascinante anche se a volte da panico. Una notte dopo l’altra nelle nostre porta-ledge. Poi il trasloco 200 metri più sopra. Un altro tiro. Un sacco di parolacce mentre le mani si gelano. I sacchi a pelo bagnati. Se fosse bel tempo. E recuperare i sacconi. E anche quello pieno di neve. 11 giorni in parete. Poco più di due giorni di sole, se così si può dire. Il tempo fa sempre schifo. Non ne possiamo più. Allora decidiamo a fatica di mollare. Bisogna salire nel nostro punto più alto a recuperare della roba, delle corde per poter scendere. Giornata di lotta col vento che ti sbatte qua e là. Domani scenderemo. Il giorno dopo la discesa non è proprio così semplice. Siamo anche molto carichi e a terra arriviamo poco prima che sia buio. Con le frontali scendiamo sul ghiacciaio. Nuovi buchi che ci obbligano a giri viziosi. C’è un sacco di neve fresca. Quanta… non riusciamo a capire. Poi, poco prima di mezzanotte, siamo da Noaa, la nostra guardiana-amica. Verso le 3 finalmente nei sacchi. Bagnati… ma qui siamo a casa.

Ah, chi è Noaa? E’ la nostra donnetta di neve. Costruita all’ingresso della truna per segnarci dove spalare per poter entrare. E’ bravissima… Anche simpatica…

Il giorno dopo trascorre facendo progetti. Davanti a noi una parete che ricordo bene. Una montagna affascinate ma terribile con quel suo seracco in cima proprio sulla verticale di uno stupendo diedro ghiacciato. Ok, domani se il tempo non è male si va. Dico a Tomas e Francesco che io non sarò con loro. Preferisco riposare se poi andremo alla ovest del Torre. La mattina prima delle 6 sono in piedi e vedo loro sul primo tiro. Vorrei fargli un colpo al telefonino per dirgli di aspettarmi… vengo anch’io!!! Ma il cellulare non c’è, e loro salgono. Li guardo tutto il giorno e gli vado incontro quando nel pomeriggio sono già sul ghiacciaio. Bravissimi! Una grande salita! Sono emozionato quando li posso abbracciare. Quando arriviamo alla truna, poco dopo, 3 grandi scariche cadono dove loro sono passati da poco. Grande fortuna… La chiameranno "Ruleta Trentina"… nome appropriato. Il giorno dopo salutiamo Noaa e in compagnia del vento torniamo verso il verde…

di Ermanno Salvaterra

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
The Rectory e Castelton Tower
arch. Desert Sandstone Climbing Trip 2014