Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowOspo e le sue vie lunghe

Il paretone di Ospo
Photo by Massimo Esposito

Photo by Massimo Esposito
La vista sul paese di Ospo
Photo by Massimo Esposito
Il paretone di Ospo e i tracciati delle vie
Photo by Massimo Esposito

Ospo e le sue vie lunghe

20.11.2013 di Massimo Esposito

Massimo Esposito presenta il paretone di Ospo in Slovenia e cinque delle sue vie lunghe: Fungo Magico, Medo, Supernova, Precenje e la via Italiana.

Perché una guida di Ospo riservata alla vie lunghe? Girando un poco posti noti e meno noti delle Alpi e non solo ci si accorge che in fondo anche a casa propria ci sono cose che meritano attenzione. Meritano attenzione e giusta conoscenza, perché senza conoscenza le cose vanno in dimenticanza e diventano oblio quando non sono più neanche leggenda. Perdere la memoria storica dell'arrampicata rende questa pratica arida e spesso confusa, creando dissidi e a volte anche litigi e generando in ogni caso ignoranza. Solo lasciando tracce scritte di cosa sia stato fatto, come è stato fatto e da chi si preserva e si rende longeva e vitale questa attività ed i luoghi dove essa si svolge.

Il Paretone di Ospo è entrato nella cronaca delle falesie triestine nel lontano 1977/78, quando Luciano Cergol e Roberto Giberna aprirono le prime vie su questa parete alta solo 120 metri ma terribilmente strapiombante. Con tecniche di artificiale e uso del perforatore vinsero gli strapiombi creando dei piccoli capolavori di arrampicata. Con il passare del tempo altri alpinisti, italiani e sloveni, lasciarono la loro traccia su queste pareti. Con l'avvento dell'arrampicata sportiva le vie classiche furono integrate con una chiodatura a fix rendendone possibile la salita sia in arrampicata artificiale che in arrampicata sportiva.

Nuovi itinerari aperti con ottica sportiva dalle alte difficoltà obbligatorie sono stati aperti. Di questi itinerari, classici e moderni, si ha traccia nelle guide di arrampicata sportiva recenti, dove però sono stati inseriti con i soli dati sportivi. L'unica traccia storica in lingua italiana è la vecchia guida di Tullio Piemontese, da anni introvabile e comunque ormai datata, superata e incompleta. Mi sembrava giusto e doveroso dare a questa parete una sua specifica dignità cercando di catalogare e descrivere tutti gli itinerari presenti, classici e moderni, e citare gli itinerari ormai dimenticati, menzionando gli apritori e laddove conosciute anche le prime salite in libera.

Ormai il gran cavernone di Ospo ospita in estate la falesia più dura e interessante della zona, e nessun giovane giustamente ricerca tecniche artificiali su quelle canne. La conoscenza della storia può sicuramente però dare ai giovani la giusta visione del loro agire su quegli strapiombi. Questo lavoro potrà anche essere spunto per tanti arrampicatori e alpinisti per andare ad allenarsi su vie di più lunghezze che poco hanno da invidiare a certe pareti alpine e che per l'ambiente aereo in cui si svolgono regalano sempre grosse sensazioni quando vengono salite, oltre ad esser un bel banco di prova per pareti più alte in giro per il mondo.

Nome
Grado
Lunghezza
Fungo Magico
7c, oppure VI+/A1
205m
Si tratta della seconda via aperta sulla parete. Supera nel punto più alto il grande strapiombo subito a destra del grottone con un'arrampicata per lo più artificiale o di difficoltà molto elevate, prima su canne e poi su pance leggermente marce di roccia giallo scuro ormai ripulite dai passaggi. La sosta del secondo tiro viene fatta presso una grande stalagmite a forma di fungo ben visibile anche dal basso. Dopo un tratto di roccia grigia verticale la via interseca Stara, ospo '77, la prima via della parete, non ancora liberata del tutto, e continua diritto per un evidente diedro chiuso da un tetto.
Medo
VI
110m
Si tratta della via più facile aperta sulla parete. Supera nel punto più accessibile la placconata a destra degli strapiombi fra giallo e grigio e la zona boscosa molto vicino alle doppie. La sosta del primo tiro viene fatta su una grande terrazza dove si effettua l’ultima doppia e dove partono a sinistra e diritti diverse vie più impegnative. La via Medo invece va a destra in traverso per poi salire diritta fin alla cengia delle doppie e con un ultimo tratto fino al prato sommitale, unica via che lo fa.
Precenje
7a
175m
Grande intuizione di Francek Knez, uno dei più forti alpinisti su roccia mai esistiti in assoluto. Precenje vuol dire traversata. Questa via infatti unisce varie vie permettendo di passare fra gli strapiombi della parete con difficoltà molto basse per il luogo. Il tiro duro è chiodato molto abbondantemente. La via parte dalla prima sosta della via Medo.
Supernova con uscita diretta
7b, VII/A1
200m
Supera nel punto più alto il grande strapiombo subito a sinistra del grottone con un’arrampicata per lo più artificiale o di difficoltà molto elevate, prima su canne e poi su pance per un diedro di roccia giallo scuro molto buona. La sosta del primo tiro, sotto i tetti a 25 metri da terra è fuori dalla verticale della base di almeno 15 metri. Abbinando l’uscita diretta che porta ai prati sommitali diventa una via lunga e di gran impegno.
Via Italiana / Italijanska Smer
6b
170m
A differenza del paretone il settore segreto, così detto perché per anni non si son fatte circolare notizie sulle vie là aperte, presenta roccia meno strapiombante e a belle gocce. Questa è la via classica del settore, la più logica. La via è chiodata con la chiodatura dei primi salitori, e richiodata a fix 10mm nei soli tratti duri. I tratti facili sono protetti da fix ma messi alla distanza che i primi salitori, giovani e decisamente forti per l’epoca, hanno messo i chiodi originali. Non semplice integrare a friend e dadi.


ACCESSO

Dal casello autostradale di Trieste continuare per l'autostrada per una ventina di chilometri ed uscire seguendo le indicazioni per Basovizza e il valico di Pese/Pesek. La parete si trova in Slovenia. Obbligo di documento valido per l’espatrio anche se il confine non è più presidiato. Dal valico entrare in Slovenia e proseguire fino al paese di Divaca, dove si prende a destra la strada per Capodistria, Koper. Dopo una quindicina di chilometri si arriva al bivio a destra per Ospo Osp. Seguire la stradina e parcheggiare presso il Camping Vouk. Qualsiasi altro luogo è vietato per parcheggiare. Parcheggio a pagamento. 3 euro a giornata che poi vengono scalati in parte se si consuma qualcosa. Si può anche rimanere sempre in autostrada valicando il confine a Fernetti e poi prendendo l'autostrada per Capodistria Koper uscendo a Osp, obbligo di vignetta slovena. Oppure da Trieste raggiungere Muggia ed il valico di Rabuiese da cui si prende la strada che da Capodistria porta verso l'interno fino ad Ospo.

PERIODO

Ad Ospo si arrampica tutto l'anno seguendo il percorso del sole, anche se le stagioni intermedie sono le migliori. L'affollamento risente molto della stagionalità del luogo. In primavera e autunno e nelle giornate festive certi settori sono decisamente sovra affollati. Difficile invece trovare coda sulle vie del paretone, tranne a volte su Medo.

ALLOGGIO
Il camping Vouk nel centro del paese è polo di ritrovo per gli arrampicatori sia per campeggiare che per mangiare. Tutta la zona sia in Italia che in Slovenia offre svariate soluzioni per il pernottamento.

Per vedere l'elenco di tutte le vie visitate: www.rampegoni.it

di Massimo Esposito, Trieste

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale
  • Icterus
    Qualcuno ha qualche informazione sulla via sportiva Mr Berna ...
    2014-08-02 / Michele Marchesoni
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo