Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowJacopo Larcher ripete Vint ani do e Des Kaisers neue Kleider

Jacopo Larcher su Des Kaisers neue Kleider (240m, 8b+) nel Wilder Kaiser, Austria.
Photo by Klaus Dell'Orto
Jacopo Larcher su Vint ani do (8a+, 350m) Meisules de la Bièsces, Dolomiti
Photo by archvio Jacopo Larcher
INFO / links & info:

Jacopo Larcher ripete Vint ani do e Des Kaisers neue Kleider

25.09.2013 di Jacopo Larcher

Il racconto del climber bolzanino Jacopo Larcher che ha ripetuto Vint ani do (8a+, 350m) Meisules de la Bièces, Dolomiti e Des Kaisers neue Kleider (240m, 8b+) nel Wilder Kaiser, Austria.

Di ritorno dall'Isola della Riunione e tra gli impegni di tracciatura e la chiodatura della nuova falesia per il The North Face Kalymnos Climbing Festival, quest'estate Jacopo Larcher è comunque riuscito a trovare il tempo per salire due vie su montagne per lui importanti. La prima è Vint ani do, aperta da Ivo Rabanser e Stefan Comploi sulla parete sudovest del Meisules de la Bièsces, liberata da Florian e Martin Riegler nel 2003 con difficoltà fino a 8a+. Mentre la seconda è Des Kaisers neue Kleider liberata nel 1994 da Stefan Glowacz nel Wilder Kaiser, Austria. Lacher è riuscito nella a-vista su Vint ani do. Per Des Kaisers, invece, ci sono voluti 10 giorni di tentativi, poi però durante la rotpunkt tutti i tiri sono filati lisci al primo colpo.


VINT ANI DO E DES KAISERS NEUE KLEIDER
di Jacopo Larcher

E’ ormai da diversi anni che ad inizio stagione mi prefissavo l’obbiettivo di dedicare tutta l’estate ad arrampicare in montagna... ma alla fine, per un motivo o per un altro, non avevo mai preso il tempo (o il permesso) per metterlo in pratica. Questa volta non avevo nessun’intenzione di lasciare i miei “sogni” chiusi in un cassetto, e così, dopo il mio ritorno dall’isola de la Reunion, ho finalmente messo in pratica ciò che volevo fare da molto tempo.

Non so per quale motivo, ma due vie in particolare continuavano a ronzarmi per la testa; probabilmente ne avevo letto e visto le foto su qualche rivista da bambino, e da quell’istante era nata la curiosità e la voglia di andarle, un giorno, a toccare con mano... e perché no, magari anche ripeterle.

E’ strano come certe cose possano stimolare la nostra immaginazione e tormentarci a tal punto, anche se di fatto non le abbiamo mai viste di persona, o non significhino niente in particolare rispetto ad altre. Per me avevano invece un grosso significato: erano il salto da compiere per passare dal fantasticare, dal sognare e dalla "paura" di lasciare un aspetto ben conosciuto dell’arrampicata, al fare, al mettersi in gioco per realizzare i propri sogni ed obbiettivi. Erano una tappa da compiere, un punto di partenza.

L’occasione per andare a provare la prima è giunta quasi per caso; in un giorno libero durante la tracciatura di una gara in Austria, mi sono messo d’accordo con l'amico Pavol per andare a fare qualcosa in Dolomiti. Visto che erano annunciati temporali nel primo pomeriggio, abbiamo optato per andare a fare qualcosa di vicino e non troppo lungo... e "Vint ani do" sembrava la soluzione perfetta. Così, dopo una bella giornata spensierata, e senza troppe aspettative, mi sono ritrovato sulla cima senza mai cadere e con un gran sorriso sul volto: è proprio vero che alle volte basta provarci! ;)

La seconda invece, Des Kaisers neue Kleider, ha richiesto più energie ma proprio per questo motivo, e per il fatto di aver condiviso l’esperienza con una persona per me speciale mi ha anche lasciato i ricordi più belli.

Non avevo mai investito così tanto tempo in una via lunga prima d’ora ed è stato veramente molto interessante imparare e capire il processo necessario per venirne a capo. Il giorno buono ero talmente stressato, che mi sembrava di essere ritornato al periodo delle gare! A causa dei vari impegni e del meteo, era l’ultimo giorno a disposizione prima dell’arrivo del brutto tempo, e quindi sapevo che sarebbe stata l’ultima possibilità per quest’anno... ma per fortuna ho retto bene la pressione e sono riuscito a salire tutti i tiri al primo tentativo senza mai cadere. In totale mi ci sono voluti circa dieci giorni per venirne a capo: alcuni più produttivi ed intensi, altri un po’ meno....ad esempio come quando mi sono ritrovato alla prima sosta con due scarpette sinistre ;) Non appena la via si è asciugata, abbiamo fatto un tentativo serio dal basso, che per fortuna è andato a buon fine per tutti e due.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello