Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowDani Moreno e la sua vacanza estiva nelle Dolomiti

Dani Moreno sotto le Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti
Photo by Dani Moreno

Photo by Dani Moreno
Dani Moreno e Dani Fuertes sulla Cima Ovest di Lavaredo dopo aver ripetuto Bellavista.
Dani Moreno e Dani Fuertes sulla Cima Ovest di Lavaredo dopo aver ripetuto Bellavista.
Photo by Dani Moreno

Dani Moreno e la sua vacanza estiva nelle Dolomiti

27.08.2013 di Planetmountain

Il racconto del climber spagnolo Dani Moreno delle sue recenti ascese in Dolomiti, tra cui spicca la ripetizione di Bellavista sulle Tre Cime di Lavared

Dopo anni di letargo, sembra che Bellavista sulla Cima Ovest di Lavaredo sia diventata un punto di riferimento per i top climbers in cerca di emozioni particolari in Dolomiti. Della recente ripetizione da parte di Sasha DiGiulian ne avevamo già dato notizia, ora invece pubblichiamo il breve report del 25enne spagnolo Dani Moreno che ha ripetuto questa ed altre vie sulle Tre Cime di Lavaredo. Secondo Moreno il grado si aggira attorno all' 8b+ ma, a parte questo piccolo particolare, quello che conta è la bellezza della via che, a sentire tutti, è strepitosa. Proprio come le Tre Cime!


UN ESTATE ALLE TRE CIME DI LAVAREDO di Dani Moreno

La mia prima visita in Dolomiti quest'anno è stata a luglio insieme a Dani Fuertes. Eravamo a Ceüse ma visto il cattivo tempo abbiamo deciso di spostarci altrove. Non ci è voluto molto a convincerlo ad andare in Dolomiti, dove l'anno scorso avevo salito Pan Aroma. Il mio obiettivo era provare Bellavista! Arrivati il 23 luglio, già il 24 eravamo lassù a provare il tiro chiave (8b+). Solo una volta però, perché c'era un'umidità terribile e non riuscivo a capire un movimento nella parte bassa del tiro. Il giorno seguente siamo ritornati e grazie ad un clima un pò più secco eravamo veramente motivati. Il piano era per me di tentare il tiro chiave, ed in caso di caduta, sarebbe stata la volta di Dani. Sono partito e grazie alla sequenza suggerita da Dani sono passato e, dopo una salita nervosa, sono riuscito ad arrivare in sosta. Il tiro successivo è difficile, 8a, ma sono riuscito a-vista, e di seguito anche il tiro di 7a+.

A questo punto le cose sono diventate difficili visto che i successivi due tiri erano molto bagnati, una vera cascata. Per me un déjà vu, visto che già l'anno scorso dopo aver chiuso i tiri di 8b+ e 8c su Pan Aroma ero stato costretto a calarmi proprio per questo motivo e non avevo voglia di fare la stessa cosa.

Dovevamo riuscirci, non importava come! Dopo alcuni momenti di apprensione siamo riusciti a raggiungere la grande cengia, dove passa la via Cassin, e l'abbiamo seguita fino in vetta. Dopo 9 ore Bellavista era fatta! Per concludere con una tripletta, due giorni più tardi abbiamo salito la Hasse Brandler sulla Cima Grande e la Gelbe Mauer di Stefan Glowacz e Kurt Albert sulla Cima Piccola!

La seconda tappa in Dolomiti, dopo un breve viaggio in Frankenjura e al Voralpsee, invece l'ho fatta metà agosto questa volta insieme ad Alejandro Giménez. Durante il nostro primo giorno abbiamo ripetuto la famosa Camillotto Pellisier, aperta nel 1967 dai fratelli Enrico Mauro e Mirko Minuzzo con 9 bivacchi! La via si snoda sulla ripida Cima Grande ed è protetta da un sacco di chiodi a pressione. Sono riuscito a vista su tutti i tiri più difficili, mentre gli altri li ho ripetuti rotpunkt. Ora che le sequenze sono pulite concordo con Stephanie Bodet e Arnaud Petit che alcuni gradi sono leggermente più facili. Ma questo è solo un dettaglio, la via è eccezionale, vale davvero ripeterla!

Durante il nostro ultimo giorno abbiamo deciso di provare Akut, la via aperta da Kurt Astner e Urban Ties nell'agosto del 2000. Si tratta di un via più moderna, con alcuni runouts tra gli spit ed i chiodi. Il tiro chiave di 8a supera un tetto e questo tiro mi è riuscito a vista. Abbiamo raggiunto la grande cengia, circa 80 metri sotto la cima, dopo 8 ore. Akut è un altra via incredibile e questi due giorni fantastici hanno coronato un viaggio in Dolomiti davvero eccellente!

Dani Moreno
Dopo aver ripetuto vie sportive fino al 9a ed aver salito 8b+ a-vista, il vice campione spagnolo 2010 ha recentemente spostato la sua attenzione dall'arrampicata sportiva pura alle vie lunghe nel massiccio del Monte Bianco, Wendenstöcke, Riglos, Naranjo de Bulnes e Dolomiti.

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara