Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowAlexey Bolotov muore sull'Everest

L'alpinista russo Alexey Bolotov
Photo by archivio Denis Urubko
NEWS / Links:
INFO / links & info:

Alexey Bolotov muore sull'Everest

18.05.2013 di Planetmountain

Il 15 maggio 2013 è deceduto sopra la Khumbu Icefall sul versante Sud dell'Everest l'alpinista russo Alexey Bolotov.

Tragedia sull'Everest: mercoledì 15 maggio il fortissimo alpinista russo Alexey Bolotov è deceduto nei pressi dell'Khumbu Icefall a circa 5600m. Il 50enne era arrivato al Campo Base del versante Nepalese a metà aprile con la speranza di aprire una nuova via sulla parete sudovest in stile alpino assieme al kazako Denis Urubko ma, per cause ancora da stabilire, Bolotov è deceduto poco sopra l'Icefall. Il corpo è stato ritrovato dagli Sherpa e da Denis Urubko. Il suo corpo è stata recuperato giovedì con l'elicottero grazie all'intervento di Simone Moro e Maurizio Folini.

Nato il 20 gennaio 1963, Alexey Bolotov era considerato uno dei più forti himalayisti della sua generazione. Aveva partecipato all'apertura di alcune incredibili nuove vie, come la direttissima della parete Nord dello Jannu nel 2004 e la bella linea sulla parete ovest del Makalu nel 1997. Entrambe vie da Piolet d'Or, il più prestigioso premio alpinistico, alle quali bisogna aggiungere anche la nomination per la salita del Thalay Sagar nel 1999. Vie di grandissimo spessore, riconosciute tra l'altro dalla Federazione Russa che per la salita del Makalu lo ha insignito con l'importante onorificenza "Order of Courage". Inoltre, dopo la salita del Lhotse Middle nel 2001, Bolotov ha ricevuto dalla Federazione Russa la Homeland Service Medal II Grade.

E' stato proprio il Lhotse il primo dei numerosi colossi himalayani saliti da Bolotov. Mentre per ovvi motivi la sua attività alpinistica iniziale si è concentrata sulle montagne "di casa" come il Peak Chantengri (6995m) e il Peak Pobedy (7439m), entrambi in Kyrgyzstan. Poi, all'inizio del nuovo millennio, Bolotov ha iniziato ad esplorare l'Himalaya con una costanza ed una capacità che ha pochi uguali. Sono arrivate le salite del Lhotse, appunto nel 2001, dell'Everest nel 2002, del Dhaulagiri nel 2005, del Cho Oyu nel 2006, del K2 nel 2007, dell' Annapurna nel 2008, del Manaslu nel 2009, del Gasherbrum I e II nel 2010, del Broad Peak e del Kangchenjunga nel 2011.

Adesso sarebbe dovuto essere la volta del Sagarmatha, la Dea della Terra, per una via nuova lungo l'enorme parete Sud Ovest. Appena conclusa la fase di acclimatamento, Bolotov e Urubko erano ora pronti per iniziare il loro tentativo. Il destino ha voluto altrimenti. Bolotov lascia una moglie e due figli.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
The Rectory e Castelton Tower
arch. Desert Sandstone Climbing Trip 2014