Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowArrampicata, Sardegna e un po' di storia: Anche gli eroi hanno paura... 30 anni dopo

La torre di "Su Casteddu de su Dinai" vista da W e da S con il tracciato della via
Photo by Maurizio Oviglia
Settembre 1985 - Roberto Mochino sale on sight il tiro chiave della via, un offwidth strapiombante che all'epoca gradò 6b, oggi un più realistico 6c. Allora, però, possedevamo solo tre friend: un 2, un 3 e un 4!
Photo by Maurizio Oviglia
Aprile 1985, Maurizio Oviglia e Cecilia Marchi posano sotto la torre, pochi giorni dopo essersi fidanzati e appena dopo aver aperto la difficilissima American Graffiti. Li fotografa uno sfortunato Mondo Liggi, che morirà di malattia meno di un anno dopo.
Photo by Mondo Liggi

Arrampicata, Sardegna e un po' di storia: Anche gli eroi hanno paura... 30 anni dopo

06.05.2013 di Maurizio Oviglia

30 anni dopo Maurizio Oviglia è ritornato su "Anche gli eroi hanno paura", la via aperta nel 1983 da Alessandro Cattaneo, Beppe Domenichelli, Mondo Liggi, Cecilia Marchi e Bruno Poddesu sul Massiccio dei Sette Fratelli (Sardegna), e poi liberata da Maurizio Oviglia e Roberto Monchino. Un bel modo per ricordare (in prospettiva) come eravamo ma anche vedere un po' oltre.

A est della città di Cagliari c’è un massiccio granitico selvaggio e poco conosciuto, immerso in una foresta di lecci tra le più grandi della Sardegna. Se guardate queste montagne dalla città, potrete distinguere grosso modo sette punte granitiche. Tutti infatti lo conoscono come il massiccio dei 7 Fratelli anche se tra i cagliaritani è certo più famoso tra i cercatori di funghi che tra gli arrampicatori. Eppure c’è stato un tempo in cui su queste rocce, più che altrove, si è vissuta la “rivoluzione californiana” in Sardegna… Erano i primi anni ottanta ed in Sardegna gli arrampicatori non erano più che una manciata. Qualcuno tra essi aveva sentito parlare della Yosemite e queste erano sembrate le rocce più adatte per provare a giocare agli americani…

Nel 1983 su una di queste torri, forse la più bella, nota localmente col nome di “Casteddu de su dinai”, fu aperta la via più difficile che gli arrampicatori sardi avessero mai osato affrontare. In quelle due cordate, che aggredirono le fessure della torre in prima salita, c’erano tutti i migliori di allora. Ciò nonostante furono costretti all’artificiale in più punti, che allora non era certo considerata una cosa disdicevole. Anzi, più californiana di così!!! Eppure, gli scabrosi, faticosi e improteggibili passaggi di VI grado del terzo tiro convinsero il gruppetto a battezzare la via “Anche gli eroi hanno paura”.

Due anni dopo, durante il servizio militare, strinsi profonda amicizia con quei ragazzi. Nel settembre del 1985 Mondo e Cecilia mi parlarono di quella via e riuscii a salirla completamente in libera, dopo una epica battaglia. Era una delle più difficili arrampicate che avessi mai fatto. L’amico Roberto Mochino, la salì a vista, assicurato da Cecilia. Su un roccione, facevo le foto a Roberto, che giunto in cima decretò “6b”, secondo la particolare scala ispirata ai gradi di Patrick Berhault che usavamo allora… Dopo quel giorno, non tornammo più… per cui 6b rimase a imperitura memoria. Un paio di anni dopo, tuttavia, mi scrisse Gian Carlo Grassi. Stava preparando un libro sui monoliti e mi chiese se avevo qualche idea per la Sardegna. Non esitai, e gli mandai tutte le relazioni del “Castello del Denaro”…

3 maggio 2013. Sono di nuovo qui, alla base di questa via, per vedere se è possibile celebrarne il 30esimo compleanno nel migliore dei modi, cioè ripetendola. In un sopralluogo che ho fatto con Simone Sarti, circa 4 mesi fa, la torre mi era sembrata completamente ricoperta di muschio, quasi inscalabile. Tanto che avevo deciso di escluderla dalla guida delle vie lunghe in Sardegna, che sto lentamente, tassello dopo tassello, compilando. Invece oggi c’è il sole, fa caldo, ed è tutta un’altra cosa. Le fessure del primo tiro scendono giù bene, son perfino piacevoli. Un po’ di muschio nel secondo, facile, non dà fastidio più di tanto. Siamo ora all’attacco della terribile fessura del terzo tiro. Ovviamente non ricordo nulla, ma attacco sicuro dicendomi “tanto è solo 6b”! Invece dovrò combattere più di un’ora per venirne a capo, in libera, col materiale di oggi (eccetto il friend 5, che non ho con me). Esausto, striscio nel camino finale con il friend ormai lontano e penso a quanto son duri i 6b di un tempo. Son diventato una vecchia pippa o allora eravamo solo più incoscienti? Mi viene quasi da pensare che fatico più qui che sul 7b di falesia! Salgo e scendo dall’ultimo friend, senza trovare il coraggio di affrontare l’off width finale. Quando mi ribalto sulla bellissima piattaforma della cima ho male ovunque, quasi mi sia passato sopra uno schiacciasassi. Anche Fabio, che riesce a salire in qualche modo, mi guarda stralunato e mi dice… non può essere 6b! Sì, dico io, magari sarà 6c, ma che cambia? Forse in 30 anni non è venuto nessuno a ripetere questa via, nessuno si lamenterà dei gradi ora…

In doppia, Fabio perde un’ora a spazzolare il primo tiro e un’altra a pulire il sentiero. Quasi domani dovesse ritornare qualcuno sui nostri passi… “Ma kandu mai!” recita un modo di dire nel dialetto locale! Chissà chissà, forse tornerò io a pulire meglio quel tiro e a rimpiazzare i chiodi… Il sole del tramonto bacia i tafoni della torre più magica dei Sette Fratelli. Mi lascio volentieri sommergere dai ricordi e dalla malinconia….

di Maurizio Oviglia

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello