Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowTrofeo Mezzalama 2013, una giornata perfetta

Salita Naso del Lyskamm
Photo by Marco Spataro
Serpentone al passo di Verra
Photo by Marco Spataro
Squadra femminile in discesa sul Naso del Lyskamm
Photo by Marco Spataro
La fatica inizia a farsi sentire Naso del Lyskamm
Photo by Marco Spataro
INFO / links & info:

Trofeo Mezzalama 2013, una giornata perfetta

06.05.2013 di Lorenzo Scandroglio

Sabato 04 maggio il XIX Trofeo Mezzalama è stato vinto dagli azzurri Manfred Reichegger, Damiano Lenzi e Matteo Eydallin. Tra le donne vittoria delle italiane Laura Besseghini, Raffaella Rossi ed Elena Nicolini. Il report di Lorenzo Scandroglio con le splendide foto di Marco Spataro.

Dopo il rinvio di una settimana della XIX edizione a causa del maltempo (con accumuli di neve fresca oltre il metro in quota che hanno permesso di coprire i tratti di ghiaccio vivo e di chiudere i crepacci), il Trofeo Mezzalama si è tenuto sabato 4 maggio con una giornata perfetta. Le condizioni della neve per le discese (polvere fino a quota 3600, poi sciabile e dura al di sotto) e la possibilità di arrivare fino a una cinquantina di metri dal traguardo con gli sci ai piedi hanno permesso di abbassare i tempi rispetto all’edizione 2011 nonostante un paio di varianti al tracciato nella zona del Rifugio Quintino Sella e del Naso del Lyskamm che non ne hanno modificato nella sostanza la lunghezza (sempre rispetto al 2011).

La squadra di Manfred Reichegger, Matteo Eydallin, e Damiano Lenzi del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur ha preso subito il comando della gara inseguito dal team di Michele Boscacci, Pietro Lanfranchi, e Lorenzo Holzknecht. Alle loro spalle inseguiva la cordata franco-spagnola dei favoriti Kilian Jornet Burgada, William Bon Mardion e Matheo Jacquemoud. Ma il campione spagnolo non era nella forma consueta e durante tutta la prima salita è stato aiutato dai compagni.

La situazione delle squadre di testa è rimasta invariata fino alla vetta del Castore (4226 m) raggiunta nel tempo record di 2:30'30'', ben quattro minuti in meno del record stabilito del 2009. Nella risalita verso il Naso dei Lyskamm (4100 m) il team franco-spagnolo, trascinato dal giovanissimo Jacquemoud, ha superato la squadra di Boscacci, Lanfranchi, e Holzknecht. Nella lunga discesa verso Gressoney, sono riusciti anche a insidiare i battistrada Reichegger, Eydallin, e Lenzi. Ma questi ultimi, dopo il passaggio tecnico del Canalino dell'Aquila, hanno aumentato il distacco sino a tagliare il traguardo di Gressoney-La-Trinité (1650 m) con un minuto di vantaggio nello straordinario tempo di 4:16'37''. Completano il podio con 12 minuti di distacco il team Boscacci, Lanfranchi, Holzknecht.

Tra le ragazze il team internazionale delle favorite Gloriana Pellissier, Mireia Mirò e Laetitia Roux è stato messo fuori gioco già nella salita a Plateau Rosa da una crisi della caposquadra Pellissier pluricampionessa al Mezzalama. Se ne sono avvantaggiate le valtellinesi Laura Besseghini, Raffaella Rossi con la giovane trentina figlia d’arte Elena Nicolini che hanno preso il comando della gara, mantenendolo fino al traguardo.

Quattro sono le note di rilievo che occorre fare dopo aver scorso le classifiche: il ritorno ai massimi livelli del rossocrociato Florent Troillet in squadra coi connazionali Yannick Ecoeur e Martin Anthamatten, sesti e in evidente rodaggio preliminare per la Patrouille des Glaciers 2014; il cimento in questa disciplina con una top race per l'ex nazionale giovanile di fondo Pietro Broggini che, al suo primo Mezzalama, ha ottenuto un lusinghiero 14° piazzamento; la crisi di vocazioni del mondo rosa dello scialpinismo che, nonostante qualche novità positiva (è il caso della Nicolini, appunto), segna al ribasso le proprie le presenze; il sensibile calo della cordate al via rispetto alle 300 originariamente previste dal numero chiuso stabilito quest’anno per motivi di sicurezza, numero su cui ha inciso lo spostamento di data, dal 27 aprile al 4 maggio, che ha impedito a molti di liberarsi da impegni precedentemente presi o di far combaciare i voli aerei (specie per gli stranieri): alla partenza di Breuil erano 261, per un totale di 783 scialpinisti, di cui 229 hanno tagliato il traguardo di Gressoney.

Classifica maschile
1. Centro Sportivo Esercito - Manfred Reichegger (IT) - Damiano Lenzi (IT) - Matteo Eydallin (IT): 04:16:37;
2. La Sportiva - Crazy Idea - William Bon Mardion (FR) - Mathèo Jacquemoud (FR) - Kilian Jornet Burgada (ES): 04:17:37;
3. Team CAMP/SKI TRAB - Michele Boscacci (IT) - Pietro Lanfranchi (IT) - Lorenzo Holzknecht (IT): 04:28:27.

Classifica femminile
1. Team La Sportiva Women - Laura Besseghini (IT) - Raffaella Rossi (IT) - Elena Nicolini (IT): 06:04:14;
2. Locatelli/Richard/Cazzanelli - Tatiana Locatelli (IT) - Mireille Richard (CH) - Alessandra Cazzanelli (IT): 07:27:25;
3. Team Bandavej KRATOS - Claudia Comello (IT) - Sonia Balbis (IT) - Claudia Stettler (CH): 07:44:04.

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello