Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowNuove vie trad sul Garibaldi in Sardegna

Maurizio Oviglia sul secondo tiro di Top Secret.
Photo by Sara Oviglia
Cecilia Marchi sulla fessura del primo tiro di Musikedda.
Photo by Maurizio Oviglia
Paolo Contini sull'offwidth del primo tiro di Top Secret.
Photo by Maurizio Oviglia

Nuove vie trad sul Garibaldi in Sardegna

16.04.2013 di Maurizio Oviglia

Tre nuove vie trad sulla parete Garibaldi nel sud-est della Sardegna, aperte da Fabio Erriu e Maurizio Oviglia.

Alla fine del 2012 ho aggiunto alcune nuove vie di clean climbing sulla parete del Garibaldi, nel massiccio dei Sette Fratelli (una splendida foresta a est di Cagliari). Si tratta di una curiosa struttura granitica con camini e fessure arrotondati, all’insegna di un’arrampicata decisamente rude che potremmo ironicamente dire che non è proprio lo stile che va per la maggiore... Una scalata che quasi definiremmo “maschia”, se non avessimo visto gli impressionanti filmati della bionda Pamela Pack sulle fessure di Vedauwoo. Ed in effetti il Garibaldi, semisconosciuto nell’arrampicata nazionale, sembra essere la traduzione italiana più calzante di questo famoso sito americano. Ma no, non ho scoperto il Garibaldi in questi mesi! Qui arrampico fin dal 1984 anche se ho avuto occasione di aprirvi solo una via, l’esagerata fessura di Top Secret. Molte delle altre sono invece opera degli arrampicatori sardi, tra cui il sempre attivo Corrado Pibiri, innamorato di questo splendido luogo. Negli anni successivi sono capitato spesso su queste rocce, a ripetere tutte le vie della parete ed effettuare anche diverse prime libere.

Alla fine del 2012 sono nuovamente tornato con Paolo Contini ed ho ripetuto la mia via Top Secret. Nel 1984 avevo superato il primo tiro in A3, mentre nel secondo, una fessura ad incastro di mano superlativa, avevo effettuato dei resting, riuscendo a salirla in libera solo da secondo e gradandola VII+ (6c). Nel 1997 ero ritornato con Luigi Scema ed avevo ripetuto la via. Non avendo altre ripetizioni, avevo pensato (male!) di addolcirla mettendo qualche spit nella fessura, sperando che qualcuno allora si sentisse invogliato a provarla. In quegli anni, ispirati da ciò che si faceva a Chamonix, si pensava di far bene. Nel frattempo il primo tiro (che era rimasto disattrezzato) era stato liberato da Simone Sarti e gradato 6c. Simone è un eccellente arrampicatore ma non ha molta esperienza negli incastri di mano, così la fessura vera e propria era rimasto non liberata. Personalmente, salire coi friend quel tiro, è sempre stato un mio sogno nel cassetto. Forse, mettendo gli spit, avevo cercato di esorcizzarlo. Alla fine di novembre, con Paolo, senza pensarci seriamente, salivo la fessura del secondo tiro in green point, coronando un desiderio covato da anni. Pochi giorni dopo, rimuovevo gli spit e riportavo la fessura come l’avevo aperta, stuccando persino i buchi. Il grado, sembrava ora un buon 6c+, o se volete un 5.11a americano…

Ma come spesso capita, quando si ritorna, si concretizzano nuove possibilità. Così, appena a destra, mi si è visualizzata nella mente una nuova linea. Non riesco a vivere col tarlo nella mente e così, il 29 dicembre (una splendida giornata invernale), con Fabio Erriu, il progetto è diventato realtà. Nonostante il muschio sul granito, sono riuscito a salire a vista i primi due tiri, rispettivamente di 6a e 6c. Una larga fessura di pugno e un esposto traverso su nut piccoli e microfriend. Il terzo tiro, una fessura strapiombante, sembrava ostico, e mi sono dovuto accontentare di fare i movimenti. Successivamente siamo tornati a spazzolare tutta la via, e ci è voluto un’intera giornata da cui ne siamo usciti entrambi con le spalle a pezzi. Poi, in una fredda giornata di gennaio mi è venuto anche il boulder del terzo tiro, un bel 7a+con un passo di 6c+ obbligatorio sorprendente quanto bellissimo.

Qualche giornata più tardi abbiamo aggiunto anche i monotiri trad di Wind Chill e I tempi Cambiano, entrambi di 6b+. Per il Garibaldi sembra quindi profilarsi una terza era: dopo le vie classiche e le vie moderne… ora arriva il clean climbing. Resta da vedere se nell’isola del solare calcare grigio a gocce attecchiranno le rudi fessure ad incastro… Io scommetto di no, ma avete indovinato, lo facciamo apposta a fare i diversi ed andare controcorrente… ☺


GARIBALDI E LE VIE DI MAURIZIO OVIGLIA
Top Secret
– 80m – 6c, 6c+ - Prima salita Maurizio Oviglia e Bruno Poddesu, 1984
Un must di fessure dall’inizio alla fine, da non perdere! Portare due serie di friend sino al #4

Musikedda – 80m – 6a, 6c, 7a+ - Prima salita Maurizio Oviglia e Fabio Erriu, 29 dicembre 2012
Via completa e impegnativa, particolarmente nell’ultima lunghezza, dove sembra di fare boulder (ma protetti da un friend!). Due serie di friend, nut e microfriend,

I Tempi Cambiano – 25m – 6b+ - Prima salita Maurizio Oviglia e Fabio Erriu, dicembre 2012
Monotiro con passo obbligatorio. Friend sino al #2

Wind Chill – 25m – 6b+ - Prima salita Maurizio Oviglia e Fabio Erriu, dicembre 2012
Monotiro con fessura svasata. Friend sino al #2

di Maurizio Oviglia

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello