Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowPizzo Dosdè, una nuova discesa nel gruppo Cima di Piazzi

La linea di Freedom and Love (50° 800m) su Pizzo Dosdè 3280m sciata da Marco Cattaneo, Bruno Mottini e Giuliano Bordoni
Photo by Giuliano Bordoni
Riders da sx a dx: Giuliano Bordoni - Marco Cattaneo - Bruno Mottini
Photo by Giuliano Bordoni
INFO / links & info:

Pizzo Dosdè, una nuova discesa nel gruppo Cima di Piazzi

08.03.2013 di Giuliano Bordoni

Sul Pizzo Dosdè 3280m nel gruppo Cima di Piazzi (Alpi Retiche) Giuliano Bordoni, Marco Cattaneo e Bruno Mottini hanno effettuato la prima discesa in sci della linea da loro chiamata Freedom and Love sulla parete est (50°, 800m). Il racconto della guida alpina Giuliano Bordoni.

Era ormai da qualche anno che mi ritrovavo a guardare la est del Pizzo Dosdè. Una montagna estetica con rocce sparse qua e là che le danno un senso di complessità. Vedendola spesso, questa montagna, saliva più facilmente la voglia di scenderla. Anche Bruno Mottini, mio amico e guida alpina nonché ambassador Norrona, ne era attratto.

Le cose più belle sono quelle che nascono così, all'improvviso! Infatti, nel mentre mi appresto a capire a quale donna pensare nella notte incombente, ecco balzare nei miei pensieri l'immagine di questa montagna. Ecco dunque nascere una domanda: perché non domani?

Ci tenevo a fare una discesa nuova con Marco Cattaneo. Lui è stato tra i primi a credere in me e a darmi supporto. Mi piaceva l'idea di condividere qualcosa con lui che rimanesse. Chiedo il parere a Bruno sulla fattibilità della cosa, e, in men che non si dica già stavamo preparando gli zaini.

Dalla cima il panorama è mozzafiato! Il pizzo Dosdè grazie alla centralità della sua posizione, gode di una vista sulle maggiori catene montuose che circoscrivono la Valtellina.

E' pomeriggio, il sole sta abbandonando la via di discesa mentre ci apprestiamo a esplorare il tracciato. La partenza è ripida, alcune rocce affioranti e un salto di queste ci obbliga a una prima calata. Lasciamo una clessidra. Da qui una sezione sciabile ma delicata e un altro salto di rocce brevissimo ma non saltabile per via dell'esposizione e dell' inclinazione ci costringe ad un corrimano di tre metri. Ora la pendenza diminuisce un pelo e iniziamo a divertirci in una sciata controllata ma molto piacevole nonostante l'esposizione.

Marco, con già all'attivo una bellissima salita su una montagna inviolata in Cina, in compagnia di Fabio Salini e Hervè Barmasse, sprigiona felicità ad ogni curva presa. L' ingaggio della via non lo disturbano affatto e si lascia scivolare fino a valle per quella che poi sarà "Freedom and Love".

La discesa ormai nelle ombre è alle spalle, i nostri amici Daniele Castellani e Carlo de Agostini che ci hanno atteso alla base sono tutti infreddoliti. Le ultime luci cadono sulla Cima piazzi posta di fronte a noi. In questa luce ci lasciamo scivolare felici e soddisfatti attraverso la Val Verva dove al Ristorante Lì Arnoga ci aspetta una meritata birra.

di Giuliano Bordoni

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
L'ultimo tiro della Via dei Ragni, Cerro Torre
archivio Cominetti, Lucco, Salvaterra