Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowSimone Moro, il dramma del Broad Peak e l'alpinismo invernale in Himalaya

Broad Peak inverno 2008
Photo by arch. Simone Moro
Broad Peak, 2007
Photo by Simone Moro
Il Broad Peak (8047m), Karakorum
Photo by Polish Mountaineering Association
5 marzo, prima invernale del Broad Peak e salita storica per i polacchi Maciej Berbeka, Adam Bielecki, Tomasz Kowalski e Artur Małek.
Photo by Aleksander Lwow/Polski Himalaizm Zimowy archive
INFO / links & info:

Simone Moro, il dramma del Broad Peak e l'alpinismo invernale in Himalaya

07.03.2013 di Planetmountain

La riflessione di Simone Moro sull'alpinismo invernale sugli Ottomila e su quanto è avvenuto e sta avvenendo in queste ore sul Broad Peak.

E' un momento di autentico dolore per l'intera Polonia, non solo per l'alpinismo polacco. Da ieri Maciej Berbeka e Tomasz Kowalski sono dispersi sul Broad Peak. E, ormai, l'ultima speranza è aggrappata solo ad un autentico quanto improbabile miracolo. I fatti sono purtroppo noti. Martedì sera i due fortissimi alpinisti polacchi, insieme ai loro compagni Artur Malek e Adam Bielecki, avevano raggiunto la vetta del gigante himalayano compiendone la prima storica salita invernale. Poi, dopo la felicità, tutto è precipitato. Mentre Malek e Bielecki riuscivano a raggiungere la salvezza del Campo 4 a 7400m, Berbeka e Kowalski sono stati costretti ad uno spaventoso bivacco a 7900m. L'ultimo contatto radio con i due risale alle 3 di ieri mattina. Poi più nulla. Malek e Bielecki, insieme agli alpinisti pachistani Kerim Nayyat e Shaheen Amin, intanto sono arrivati sani e salvi al Campo Base. Mentre di Berbeka e Kowalski continua a non esserci nessuna traccia. E la montagna è lì, limpida, bellissima, irraggiungibile. Gli alpinisti conoscono questi momenti. Sanno l'indescrivibile senso di smarrimento che si prova. Sanno che ognuno si interroga… e che le risposte, se ci sono, non possono essere che nella passione e nel senso che ognuno dà al suo salire le montagne. Poi, come sempre, c'è anche chi si chiede il perché di questo alpinismo così estremo, così al limite, come quello delle invernali agli Ottomila. Sono domande che abbiamo posto anche noi a Simone Moro, non solo perché come tutti sanno è l'unico alpinista "non polacco" ad aver effettuato la prima ascensione invernale di 3 Ottomila, ma anche perché in queste ore come noi (e con noi) ha seguito con trepidazione quanto accadeva sul Broad Peak. E, come noi, ha avuto modo di sentire alcuni alpinisti polacchi che stanno vivendo ore di dolore assoluto. Un dolore che ci vede partecipi e uniti.

RIFLESSIONE SULL'ALPINISMO INVERNALE di Simone Moro

"E’ purtroppo una tragedia alpinistica a riproporre questa riflessione, a spingermi nel tentativo di capire e di spiegare cosa sia in realtà l’alpinismo invernale sulle cime più alte del pianeta. Siamo abituati a discernere e valutare i modi di salire una montagna o una parete secondo gli stili, i tempi, le metodiche e le squadre che realizzano un’ascensione. Riduciamo dunque tutto ad una questione che definisce meriti  e valori di una scalata, accettando inconsciamente che sia diventato più un esercizio fisico e tecnico che un'attività ancora fortemente slegata dal puro fenomeno sportivo. Come una grande regata oceanica piuttosto che una massacrante competizione nei deserti o nelle foreste, si tende a considerare anche l’alpinismo un evento, spogliandolo dei concetti di  esplorazione e avventura nell’eccezione piena ed unica della parola.

Le lotte con gli elementi, con la montagna ed i racconti mitologici di ardimentose scalate alpinistiche, sono giustamente fardelli inutili e poco autentici che si è tolto all’alpinismo e alla sua letteratura, ma abbiamo commesso l’errore di catapultare tutto sulla sponda dell’ovvio, del controllato e controllabile, della scelta solo razionale e strategica dell’azione. Sembra insomma che tutto sia una questione di tattica, di comunicati stampa, di sponsor e di numeri e chi è più bravo in queste quattro cose, la sta solo raccontando meglio degli altri… Abbiamo insomma ingabbiato in una mentalità aziendale la valenza e gli aspetti alpinisti, e in una considerazione domestica, o peggio da bar, il modo di essere spettatori di azione e cronaca alpinistica.

Sono ore in cui assistiamo impotenti alla tragedia sul Broad Peak. Due alpinisti ritornati salvi al campo base con la prima salita invernale della storia di quella montagna, e altri due che questa salita non la potranno raccontare, spariti a 7900 metri dopo un bivacco drammatico a temperature inumane. C’erano alpinisti giovani e meno giovani in quel team, generazioni e scuole diverse, ma che hanno mostrato comunque quanto non sia cambiato proprio nulla nelle difficoltà, e purtroppo anche nel dramma, tra fare una salita invernale oggi e negli anni ‘80, indipendentemente da stili e materiali.

Scalare una montagna di 8000 metri d’inverno fa parte ancora delle inspiegabili pulsioni dell’uomo all’azione, che lo spingono liberamente a spogliarsi di tutto, anche delle sicurezze primarie e del tempo, per realizzare un sogno che lo rende dannatamente vivo, entusiasta, pieno protagonista della sua esistenza. L’alpinismo invernale sulle cime più alte del pianeta rimane sempre e solo una libera  scelta, molto più sconveniente di quanto non si pensi,  dove si è soli anche se si è in dieci, dove si è lontani da tutti anche se si hanno tutti i telefoni satellitari del mondo, dove si è indifesi anche con tutta la tecnologia ed i materiali più sofisticati. Nessuno può fare nulla, proprio nulla d’inverno e il bel tempo si concede 2 o 3 volte nell’arco dell’intera stagione. Pochi giorni in tre mesi, in cui ci si ritrova prigionieri, per scelta, dei propri sogni. Si è come in un mare in tempesta, con onde alte 30 metri, nel mezzo dell’oceano. Nessuno può fare niente per te e solo tu puoi gestire il peso e le dinamiche della tua scelta, quella che in quel posto ti ci ha portato. Ogni decisione che prendi ricade su di te, solo su di te.

E’ passato più di un terzo di secolo da quando avvenne la prima salita invernale, allora con ossigeno, dell’Everest il primo ottomila salito nella stagione più fredda. Da allora l’esplorazione sulle quattordici vette, per compiere la prima invernale di ognuna di esse, è ancora aperta. Negli anni '50 l’avrebbero chiamato periodo di conquista, ora chiamiamolo come vogliamo, ma di esplorazione ancora si tratta. Esplorazione in una forma assoluta, che porta in maniera impressionante la firma dell’alpinismo polacco, cresciuto sui Tatra, montagne che raggiungono al massimo i 2600 metri! Io ho solo avuto l’onore, la capacità e la fortuna di aggiungere una striscia di verde a quella loro bandiera, su tre delle 12 prime invernali e di essermi salvato sia in quelle che in altre spedizioni invernali.

L’uomo vuol essere laddove il pensiero lo spinge. Sulla luna, su Marte, su Venere, negli oceani, nelle grotte, negli abissi, nei deserti e sulle cime. Ebbene è questo l’alpinismo invernale. Voler essere e andare dove l’uomo non è ancora riuscito, ed è per questo che anche il Nanga Parbat ed anche il K2 verranno tentati ed un giorno saliti d’inverno. Questa pulsione non si muove su dinamiche di convenienza, di utilità o livello di pericolo.  Nessuno vuole o pensa di cambiare il mondo scalando d’inverno, esattamente come non lo pensava chi poi, in realtà, il mondo lo ha cambiato veramente."

Simone Moro

05/03/2013 - Prima invernale al Broad Peak per la spedizione polacca!
06/03/2013 - Ore molto difficili per i polacchi della prima invernale sul Broad Peak
08/03/2013 - Broad Peak: persa ogni speranza di ritrovare Maciej Berbeka e Tomasz Kowalski

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale
  • Icterus
    Qualcuno ha qualche informazione sulla via sportiva Mr Berna ...
    2014-08-02 / Michele Marchesoni
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo