Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowLuna park e il drytooling sull'Altopiano di Asiago

Luna park, falesia di drytooling sull'Altopiano di Asiago (VI).
Photo by Michele Guerrini
Luna park, falesia di drytooling sull'Altopiano di Asiago (VI).
Photo by Michele Guerrini
Luna park, falesia di drytooling sull'Altopiano di Asiago (VI).
Photo by Michele Guerrini
Luna park, falesia di drytooling sull'Altopiano di Asiago (VI).
Photo by Michele Guerrini
INFO / links & info:

Luna park e il drytooling sull'Altopiano di Asiago

06.03.2013 di Planetmountain

Si chiama Luna Park, il nuovo sito di drytooling e misto sull'Altopiano di Asiago (VI). La presentazione della guida alpina Michele Guerrini e il racconto di Enrico Rasia Dani che aveva scoperto la storica cascata di ghiaccio Luna Rossa accanto alla quale si sviluppano queste 8 nuove vie di drytooling.

LUNA PARK di Michele Guerrini
Avevo sentito parlare di questo posto nei pressi di Asiago (VI) dove erano state scoperte numerose cascate agli inizi degli anni ’90. Vista la quota (1000mt circa) lo avevo sempre un po’ "snobbato" credendo che la formazione fosse rara e le cascate poco interessanti, a parte la più famosa ed impegnativa Luna Rossa. A dicembre 2012 mi trovavo a passare tre giorni di vacanza con la famiglia nel paesino di Tresché Conca, quando un pomeriggio mi decisi a fare un passeggiata di ricognizione alla ricerca di questo luogo mai visto. L’ora era tarda (15.00) ma la mia voleva essere solo una visita, un sopraluogo nonostante avessi portato tutta l’attrezzatura. Parcheggiata l’auto, mi incamminai sulla strada forestale ricoperta da un leggero strato di ghiaccio e dopo circa 20 minuti trovai il sentiero di accesso al "canyon" del torrente Ghelpak.

Era mia intenzione valutare la candela di Luna Rossa, viste le temperature non proprio invernali di quel periodo; così sceso fino al torrente mi diressi verso destra in direzione della prima calata di accesso alla cascata, effettuai la doppia ma non tolsi la corda vista l’ora (alle 16.00 sarebbe stato buio). Rimasi sorpreso da quella splendida formazione: una candela di circa 25 mt ed una parte superiore a balzi verticali con uno sviluppo di ben 50mt totali. Così il giorno dopo, con più tempo a disposizione, tornai, ma questa volta dall’alto per calarmi e valutare da vicino la "tenuta" della struttura. Con una statica arrivai alla base constatando che la formazione non era ancora delle più solide. Comunque, salii autoassicurato la candela che "vibrava" emanando un rumore sordo, classico delle strutture sospese… il ghiaccio in realtà era plastico e le becche penetravano in modo sicuro. Il meteo ha voluto che quest’anno Luna Rossa si attaccasse fino alla base, ma in realtà non è stato così per tutti gli anni precedenti. Vedendo la possibilità, quel giorno chiodai la parete immediatamente dietro il candelone di modo da poterlo salire fin dove arrivava anche in anni "secchi". È nata così Luna Dry: una prima parte su roccia con necessità di proteggersi con friends (fondamentale la seconda protezione con un B.D. n° 1 rosso) e chiodi normali, per affrontare l’uscita un po’ strapiombante della "fronda" e i successivi 20mt su ghiaccio da proteggere con viti.

Il luogo meritava indubbiamente per la tranquillità, l’estetica e soprattutto per quella fantastica parete che leggermente strapiombante saliva verso il bosco "sporcandosi" di ghiaccio variabile ed ogni settimana diverso. Sono nate così 8 linee interessanti, alcune difficili, altre un po’ meno, alcune con carattere "alpinistico", altre a spit ma sempre poi da proteggere sul ghiaccio con viti o fettucce su candele varie. Alcuni itinerari hanno soste intermedie per affrontare le uscite (in sicurezza) non sempre formate in modo perfetto; altri sono monotiri fino alle piante (45 o 50mt). Per la maggior parte degli itinerari è necessaria esperienza nel piazzare protezioni veloci sempre abbastanza sicure. I gradi su roccia sono esclusivamente riferiti alle difficoltà tecniche, mentre quelli sul ghiaccio possono variare a seconda delle condizioni, come pure le uscite. Tutte le lunghezze presentano anche una difficoltà globale( I-XI gradi scozzesi) che tiene conto dall’aspetto mentale dovuto alla possibilità di proteggersi, alla distanza fra le protezioni, alla loro solidità e alla qualità e spessore del ghiaccio incontrato durante la prima salita. I chiodi e gli spit sono tutti evidenziati con cordini o fettucce, per trovarli anche sotto lo strato del ghiaccio. Friends utili dallo 0.4 al 3 B.D. in alcuni casi doppi i numeri 0.4 e 0.5. Su ghiaccio utili viti corte e fettucce intorno a candele più o meno formate.

Nome
Grado
Lunghezza
In your Ice
M6 WI6 V
45m
Si tratta della formazione di ghiaccio a destra di Luna Rossa e presenta una partenza dry ma poi prosegue esclusivamente su ghiaccio. spit + friend 0.5. Gennaio 2013 Michele Guerrini.
2. Luna Rossa
WI5+ IV
65m
L1:15m. L2:50m. Normale dotazione da ghiaccio. Enrico Rasia Dani, Paolo Cristofari, Gigi "scavejo" 2000/01
3. Luna Dry
M7+ WI6 IV
50m
La prima linea dry nata sulla parete. Chiodi normali e friend (fondamentale B.D. n° 1 come seconda protezione) posizionati abbastanza vicini e molto sicuri. Ultimi due collegati tra loro (possibile sosta per il tiro solo dry) (25m prima sosta + 25m). 27.12.12 Michele Guerrini
4. Premio Nobel
M9 WI6 V
50m
In memoria del Premio Nobel Rita Levi Montalcini che ci ha lasciato (il 30.12.2012 a 103 anni) un ricordo indelebile di professionalità e umanità. Difficile tecnicamente con protezioni abbastanza vicine e sicure; possibile integrazione con friends 0,5 e 0,75 L1:35m L2:15m. 31.12.2012 Michele Guerrini
5. Guido Piano
M7+/8 WI6 VII
50m
Una delle più impegnative a livello psicologico anche se protetta a chiodi ma da integrare con friends nei passi chiave (0,5 e 0,75 doppi) fondamentale un friends 0,5 come seconda protezione L1:35mt L2:15m. Gennaio 2013 Michele Guerrini
6. Mi chiamo John
M9+ WI6 IV
50m
Omaggio a Giovanni (figlio di Enrico Rasia) Si tratta di una salita protetta a spit e chiodi normali tra le più sicure del muro.13.02.2013 Guerrini/Rasia Dani
7 Fantastico Passat
M7+/8 WI6 VI
50m
Altro capolavoro di misto questa volta dedicato al mio VW Passat datato 1989 e ancora circolante. Protetta inizialmente con buoni chiodi poi qualche friends 0,4-0,5-3 (0,4 doppio). 16.02.2013 Michele Guerrini
8. Paprika
M9 WI6 VI
50m
Strapiombo iniziale molto atletico poi parete verticale fino al ghiaccio. Spit iniziali poi friends (0,4-0,5-0,75). 02.03.2013 Michele Guerrini
9. (P)asso di Pikke
M7 WI6 IV
50m
Da un piccolo anfiteatro si sale per 3mt una lingua di ghiaccio e alla cengia si attraversa a sinistra salendo poi uno spigolo e una paretina strapiombante prima dell’uscita su ghiaccio. Spit + friends (0,4-1). 24.02.2013 Michele Guerrini


Come arrivare:
Al termine dell’autostrada A31 (Valdastico), all’uscita di Piovene Rocchette si gira in direzione Asiago salendo successivamente i 10 tornanti della strada SS349 (del Costo) giungendo al paese di Tresché Conca. Proseguire in direzione Asiago e dopo circa 3km si passa sul ponte del torrente Ghelpak. Parcheggiare subito alla sinistra del ponte. Seguire la strada forestale per ca.25min (oltrepassando sulla destra un’area attrezzata a parco giochi) fino a incontrare una panchina sulla destra. Di fronte alla panchina scendere il sentiero fino al fondo della valletta (5min dalla panchina). La parete del Luna Park si trova sulla destra mentre le altre cascate sulla sinistra (vedi anche guida di Francesco Cappellari).

Un ringraziamento particolare a Valli Sport e Salewa per il materiale e l’abbigliamento.


LUNA ROSSA
di Enrico Rasia Dani
Forse era l’88 o l’89, non ricordo... un inverno senza neve, la morosa, la prima, qualche giorno di vacanza da studi e impegni di lavoro; la rivista della montagna tra le mani e le prime cascate, un miraggio. Sottoguda, Val Badia, le cascate della Valle d’Aosta.

Complice una vacanza a Cesuna durante le feste di Natale e sci da tenere in garage, un pomeriggio mi sono deciso di cercare l’introvabile: cascate di ghiaccio su un altopiano! Partito con una piccozza e scarpe da ginnastica (che alpinista!) ho seguito l’istinto e la fisica, torrente Ghelpach... stradina, panchina, giro a sinistra, scendo il pendio, scivolo, strappo i jeans nuovi, picca che tiene, scendo ancora e… ...la fortuna mi ha portato direttamente in un piccolo giardino di cristallo.

Due anni dopo mi ripresento con 2 picche, 4 chiodi, una corda e la nuova morosa… la prima cascata fu scalata e la dedicai a lei. Poi passarono 8 anni, tutti i posti piu’ gettonati servirono a far esperienza ed ecco che con il mio amico Gianfranco ci passo’ nella testa di andare a vedere se il famoso posto che da sempre gli raccontavo era interessante. Erano i tempi di Luna Rossa vincente, alla sera ci facevamo scorpacciate di regate e il mattino scalavamo sempre una cascata nuova; in ogni caso anche gli amici di sempre vennero e scalarono con noi: nacquero così la Goulotte Azzurra, 8 Chiodi, Dolce Sabi, L’anfiteatro i 3 scalini. Gian fece una piccola relazione e venne pubblicata su Pareti, non ricordo l’anno. Scalato quasi tutto, era fine marzo, Gian invece di scendere il sentiero a sinistra, va verso destra e dopo aver sceso un piccolo salto urla…Ericuccio…che roba è questa? La settimana dopo, lui era impegnato, ma eravamo sul posto in 3; la cascata fu salita da primo da Ferro, poi da me e poi da Gigi, fu una giornata memorabile, nacque così Luna Rossa.

Altri 10 anni, Michele va a vedere, c’è roba per te vicino a Luna Rossa. Vacanze di natale, finalmente mi crede, ci va. Ogni settimana mi manda 1 sms, oggi è nata…vie di dry moderno, bellissime; torno, la neve, i luoghi familiari, la sensazione di tornare da una tua creatura; mi sto calando, ho il trapano in mano, ultimo giro di chiave, la sensazione di aver fatto una cosa che resta: Mi chiamo John, l’ho dedicata a mio figlio anche se l’ho chiamato Giovanni, ma lui dice di chiamarsi così, boh... non capisco più, di una cosa però sono certo: grazie Mike, amico mio tu mi hai insegnato una cosa, che per scalare bisogna voler salire e per tracciare bisogna voler fare.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale