Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowDani Arnold, maratona di arrampicata su ghiaccio sulla Breitwangflue

Dani Arnold su Mach 3 (IV M9, 150m, Robert Jasper, Markus Stofer 2003) Breitwangflue, Svizzera.
Photo by visualimpact.ch | Thomas Senf
Dani Arnold su Flying Circus (M10, 165m, Robert Jasper 1998) Breitwangflue, Svizzera.
Photo by visualimpact.ch | Thomas Senf
INFO / links & info:

Dani Arnold, maratona di arrampicata su ghiaccio sulla Breitwangflue

25.01.2013 di Planetmountain

Sulla Breitwangflue in Svizzera la guida alpina Dani Arnold ha salito Flying Circus, Mach 3 e Crack Baby tre difficili vie arrampicata su ghiaccio e misto in giornata.

Il 17 gennaio 2013 il fortissimo svizzero Dani Arnold si è recato alla Breitwangflue nel Oberland Bernese dove in giornata ha salito tre delle vie di ghiaccio e misto più famose e difficili della zona: Flying Circus, Mach 3 e Crack Baby. Un'impresa rilevante: circa 650m di dislivello e 21 tiri, saliti tutti da capocordata che si aggiungono senz'altro al suo impressionate curriculum nel quale spicca la velocissima salita della parete nord dell'Eiger.

Questi i dettagli delle salite: ore 5:30 partenza da Kandersteg, ore 8:00 lo start, in cordata con Walter Fetscher, sui 165m di Flying Circus, una via di misto aperta da Robert Jasper nel 1998 e famosa per essere stata il primo M10 al mondo. Anche se il ghiaccio scarseggiava sul primo tiro (costringendo i due ad una variante più facile) tutto è filato liscio. Alle 11:30 è toccato a Renato Gisler fare da secondo di cordata di Arnold su Mach 3. Questi 150 metri firmati ancora da Robert Jasper e Markus Stofer presentano difficoltà di IV M9 - una "battaglia" per niente semplice né scontata, ma dalla quale il 29enne ice climber svizzero è uscito vincitore. Ormai erano le 16:30 quando Arnold, nuovamente con Fetscher, ha affrontato i 340m di puro ghiaccio di Crack Baby.

"Fino a meta le condizioni erano OK" ha raccontato Arnold "ero abbastanza sicuro che sarei riuscito. Poi però, al primo tiro difficile mi sono reso conto che era diventato completamente buio." In più, le condizioni del ghiaccio non erano più delle migliori: "ogni volta che mi muovevo, qualcosa si rompeva. Mi sentivo come un elefante in un negozio di porcellana". Illuminato dalla frontale la guida alpina ha continua delicatamente a salire, guadagnando metro dopo metro per raggiungere la cima alle 21:00. Troppo stanco per gioire, ma senz’altro pronto per il prossimo suo viaggio: in Patagonia assieme a David Lama.


Breitwangflue, Oberland Bernese, Svizzera

Flying Circus
165m, 5 tiri, M10
Robert Jasper, 1998

Mach 3
150m, 4 tiri, IV M9
Robert Jasper, Markus Stofer 2003

Crack Baby
340m, 11 tiri, IV WI 6
Xavier Bongard, Michael Gruber 1993

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini