Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowLa Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder

La Legrima, la linea della prima salita della colata di ghiaccio sulla parete Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder
Photo by Werner Dejori
In azione su La Legrima, aperta sulla parete Nord del Sassolungo da Adam Holzknecht e Hubert Moroder
Photo by archivio A. Holzknecht, H. Moroder
In azione su La Legrima, aperta sulla parete Nord del Sassolungo da Adam Holzknecht e Hubert Moroder
Photo by archivio A. Holzknecht, H. Moroder
In azione su La Legrima, aperta sulla parete Nord del Sassolungo da Adam Holzknecht e Hubert Moroder
Photo by archivio A. Holzknecht, H. Moroder
INFO / links & info:

La Legrima, prima salita della colata sulla Nord del Sassolungo per Adam Holzknecht e Hubert Moroder

17.01.2013 di Planetmountain

Il 7 e 8 gennaio 2013, le Guide Alpine Catores Adam Holzknecht e Hubert Moroder hanno realizzato la prima salita di "La Legrima" (WI6 M6 V+, 2 passi A0) la grande linea di ghiaccio e misto sulla parete Nord del Sassolungo (Dolomiti) a lungo inseguita da molti ice climber.

1000 metri di una parete Nord che ha fatto la storia dell'alpinismo nelle Dolomiti. Un'esile colata di ghiaccio, una lacrima fuggente, che molti fortissimi ice climber hanno "spiato" e sognato. E, finalmente, come sempre accade nell'alpinismo, qualcuno che sa coglierla. Il 7 e 8 gennaio scorsi, Adam Holzknecht e Hubert Moroder hanno salito quel flebile filo di ghiaccio, quella Legrima (appunto quella lacrima in ladino) sulla grande nord, l'immensa parete che è un simbolo della loro Valle e della loro terra. L'hanno fatto con uno stile perfetto, nel loro stile "minimo" e rigoroso. Per questo difficile e grande viaggio sono partiti con 10 chiodi da roccia, 10 viti da ghiaccio, una serie di friends e nessuno spit nello zaino. Dopo due giorni, e dopo uno scomodo bivacco a metà parete, è arrivata la cima del Sassolungo e il meritato "pernottamento" nel bivacco sottostante, con una stellata da favola. Prima di lasciarvi al bel racconto della salita inviatoci da Flavio Moroder (fratello di Hubert nonché presidente delle Guide Alpine dell'Alto Adige), volevamo sottolineare ancora quel "minimo" riferito allo stile con cui è stata affrontata Legrima. Basta guardare lo schizzo della via per rendersene conto: in tutto sono stati utilizzati 3 chiodi di via più 3 in sosta, per il resto, su 1000m di parete, solo "precarie" viti da ghiaccio e friends. Poi, passando alla difficoltà che i due apritori progongono di WI6 M6 V+ e 2 passi di A0, volevamo fare una considerazione proprio su quei due passi di A0, uno sulla prima lunghezza l'altro sulla nona. Adam Holzknecht ci ha detto che si augura che qualcuno riesca a salirli in libera, realizzando così la prima libera integrale. Noi, e questa è la considerazione, vogliamo dire che quei due passaggi in A0 su una via così lunga, impegnativa e "precaria" non tolgono nulla alla sua bellezza e difficoltà. In più, vogliamo sottolineare anche che non era per nulla scontato che venissero dichiarati. E per noi, anche questo, è segno di grande stile.

"Legrima“ La lacrima che sgocciola dal Sassolungo. Il viaggio straordinario delle due Guide Alpine Catores Adam Holzknecht e Hubert Moroder (testo di Flavio Moroder)

La nord del Sassolungo con i suoi 1000 metri di altezza è una delle pareti più alte delle Dolomiti e meta di alpinisti che ancora cercano la vera avventura in montagna. Oltre alla classica via Pichl, ci sono diverse vie con difficoltà più elevate e tutte queste vie hanno in comune il loro severo carattere alpinistico. Chi ha salito la parete nord del Sassolungo per la via Pichl ha sicuramente notato che dopo ca. 250, al primo grosso traverso, la via incrocia una leggera colata d’acqua che dalla cima del Sassolungo gocciola a volte più, a volte meno. I ladini chiamano questo posto “sal’ ega”.

Negli ultimi anni, da quando si è intensificata l’attività su cascate e soprattutto con l’avvento del dry tooling, diversi alpinisti di fama hanno osservato e studiato questo fantastico colatoio ma le precipitazioni autunnali non abbondavano per farne una vera cascata ghiacciata. Finché, grazie alle piogge abbondanti dell’autunno scorso, il filo di ghiaccio che cola dalla parete era finalmente più continuo del solito, anche se a causa della verticalità della parete non legava da cima a fondo.

Per i due alpinisti valeva la pena tentare. Adam Holzknecht e Hubert Moroder, già noti per le loro imprese invernali sulle più difficili pareti dolomitiche e non solo (molti ricorderanno la loro salita record del Fitz Roy e Cerro Torre in soli quattro giorni), lunedì 7 gennaio di buon’ ora si sono incamminati per la base della parete. L’avvicinamento si presentava già faticoso perché si profondava continuamente nella neve che su questo lato nord si trova in abbondanza.

I primi 250 metri della parete venivano percorsi per la via Pichl, e se questo tratto di parete non presenta difficoltà particolari in condizioni estive, non superando il 4° grado, è facile immaginare le difficoltà incontrate dai due alpinisti su una parete completamente innevata. Verso le ore 11.00 dopo tre ore e mezzo di fatiche veniva raggiunta la base del colatoio da dove cominciava la vera avventura estrema. 350 m di ghiaccio precario e completamente verticale si presentava ai due Catores. Solo l’abilità di Adam, alpinista di straordinarie capacità tecniche e unico nel suo stile di arrampicata, permetteva di affrontare diversi punti della salita che a prima vista sembravano impossibili. Bisogna sottolineare che, fedeli alla loro etica alpinistica, Adam e Hubert avevano portato con sé solo 10 chiodi da roccia e 10 viti da ghiaccio e una serie di friends.

Verso le cinque del pomeriggio i nostri alpinisti avevano superato circa la metà del colatoio e si trattava di trovare un posto leggermente inclinato per passare la notte. Scavando una nicchia su una piccola cengia a lato del colatoio e a cinque metri di distanza l’uno dall’altro i due si sono infilati, appesi alla sosta, nei loro sacchi a pelo per passare la notte. Sopra le loro teste solo parete verticale, sotto i loro sederi solo parete verticale e una vista da mozzafiato sulle luci che illuminano la Val Gardena e non lontano, il rifugio Comici dove la sera servono piatti abbondanti di pesce. Ovviamente non poteva mancare chi allertava la centrale 118 per aver visto delle luci in mezzo alla parete nord del Sassolungo, situazione subito rientrata visto che i soccorritori Catores erano al corrente della pazzia del loro presidente e del suo vice.

La notte non particolarmente fredda non sarebbe stata così male se non fosse stato per il fortissimo vento da nord che si era alzato verso le nove di sera e che ha perseverato per tutta la notte. Per risparmiare peso i due alpinisti avevano portato un solo sacco bivacco, ma non avendo trovato spazio per bivaccare uno vicino all'altro, Adam ha dovuto passare la notte avvolto dal solo sacco a pelo che a causa del forte vento filtrava neve da tutte le parti. E’ possibile immaginarsi come è stata dura prepararsi al mattino e ripartire infreddoliti per una salita piena di incognite.

I primi tre tiri si sono presentati estremamente duri e lo strato di ghiaccio molto sottile faceva entrare le viti solo a metà rendendo così la salita ancora più ardua. A rendere il tutto più difficile era il vento continuo che spazzava incessantemente neve dall’alto e investiva gli arrampicatori. Fortunatamente qualche clessidra e il posizionamento di friends a lato del colatoio offriva sicure aggiuntive e consentiva di continuare la salita con un po’ di tranquillità in più. Adam che per morale e classe in campo alpinistico non è secondo a nessuno, ha battuto solamente tre chiodi intermedi ed altri tre per attrezzare le soste. Finalmente verso le 13.00 i due riuscivano a uscire dalla parte più ripida del colatoio e ora rimaneva “solo” la restante parte di parete innevata di ca. 400 metri per raggiungere la vetta. Il vento forte dell’ultimo periodo aveva compattato bene la neve e rendeva la progressione non faticosa ma risultava difficile assicurare la cordata tra di loro.

Verso le ore 16.00, esausti, felicissimi e con un tremendo male alle braccia per essere stati appesi per due giorni alle piccozze, i due alpinisti raggiungevano la vetta del Sassolungo. Un paesaggio da mozzafiato si presentava ai loro occhi ma per loro era importante raggiungere l’anello per calarsi al bivacco per il meritato riposo. Nessun albergo a 5 stelle è più lussuoso del bivacco al Sassolungo per chi ha passato una notte appeso in parete.

La mattina i due preparano i loro materiali per poi scendono per la via normale. Chi ha salito il Sassolungo per la via normale d’inverno, ne conosce le difficoltà, Adam e Hubert abituati a ben altre difficoltà, in meno di due ore sono alla base della parete, quindi raggiungono a piedi i Piani di Confin dove per caso passa l’autobus che li porta al Monte Pana.

Le Guide Alpine Catores sono onorate di aver al loro interno due grandi alpinisti come Adam Holzknecht e Hubert Moroder che con la loro impresa hanno nuovamente scritto un po’ di storia dell’alpinismo dolomitico.

di Flavio Moroder

Legrima, Nord del Sassolungo
Aperta da Adam Holzknecht e Hubert Moroder il 7 e 8 gennaio 2013
difficoltà: WI6 M6 e V+ 2 passi in A0
materiale usato: 3 chiodi di protezione, altri 3 chiodi in sosta; tutti lasciati.
Attrezzatura da portare: serie di friend, 10 chiodi da ghiaccio, per lo piú corti e qualche chiodo da roccia.
Da calcolare un bivacco in parete.
Vai allo schizzo della via

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello