Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowWolverine e il primo WI 11 della storia dell'arrampicata su ghiaccio

Klemen Preml e Tim Emmett sotto Helmcken Falls, Canada
Photo by Tim Emmett
Tim Emmett durante la prima salita della cascata di misto Spray On... Top! (230m, W10, M9+) alle Helmcken Falls, Canada.
Photo by Wiktor Skupinski

Wolverine e il primo WI 11 della storia dell'arrampicata su ghiaccio

10.01.2013 di Planetmountain

Una breve analasi del nuovo grado WI11, proposto per la prima volta nel febbraio 2012 da Klemen Premrl e Tim Emmett dopo aver liberato il monotiro su ghiaccio Wolverine nelle Helmcken Falls (Canada).

La prima volta che abbiamo sentito parlare di Helmcken Falls in Canada era all'inizio del 2010, quando un incredibilmente motivato Will Gadd ci ha raccontato "Sono appena tornato a casa dopo aver scalato il ghiaccio più figo che abbia mai visto o salito, in qualsiasi parte del mondo!" Erano parole, visto che venivano da uno dei più esperti ghiacciatori in assoluto, che dovevano assolutamente essere ascoltate e nell'intervista che ne seguiva Gadd ci aveva spiegato in dettaglio tutte le novità, aveva parlato di quell'enorme strapiombo salito dal basso e protetto con spit e raccontato di quelle improbabili formazioni di "spray ice", quegli spruzzi che dalla cascata si trasformano in candele, funghi ed altri bizzarri arabeschi ghiacciati.

Questa nuova "ice arena" ha sin da subito permesso a Gadd e al suo compagno di cordata Tim Emmett di fare qualcosa che prima non erano mai riusciti a realizzare: salire con le piccozze vie ultra strapiombanti, non su roccia come nel drytooling, ma su ghiaccio puro. Un terreno di gioco cosi nuovo, insomma, che non aveva termini di paragone, nemmeno come difficoltà delle sue vie che subito si sono presentate con numeri "importanti": WI 10. WI 10? Sì, un grado non soltanto completamente nuovo, ma anche un salto davvero enorme da quel grado massimo, che fino a quel momento si aggirava attorno al WI 7+, di c'erano solo alcuni rari "esempi" in tutto il mondo. La logica era che queste nuove vie non fossero necessariamente più pericolose di altre, anzi, ma che fossero "solo" più difficili dal punto di vista fisico. E, in un certo senso, paragonabili ad una via di misto e drytooling di M10, ma interamente su ghiaccio. Ecco quindi il perché del WI 10.

Due anni dopo questa "scoperta", nel febbraio 2012, Tim Emmett e lo sloveno Klemen Premrl sono riusciti a liberare Spray On... Top!, 230m con difficoltà stimate attorno a WI 10, M10+ per una delle multi-pitch di ghiaccio più strapiombanti al mondo. L'inglese era talemente entusiasto che dopo la salita l'ha descritta come "sicuramente la salita più incredibile della mia vita!" concludendo "questo è il futuro, per coloro che ci si vogliono avventurare..." Poco dopo questa salita i due hanno anche aperto e liberato Wolverine, un monotiro così difficile da aggiudicarsi il grado WI 11. Il tiro di ghiaccio puro più difficile del mondo? Forse... proprio per questo abbiamo voluto saperne di più direttamente dal fortissimo sloveno Klemen Premrl che attualmente è l’unico ad aver salito sia difficoltà di WI 11, sia WI7+!


WOLVERINE e W11 di Klemen Premrl  

Per quanto ne so, non ci sono vie di WI8 o 9, ma potrei sbagliarmi. In realtà faccio fatica a paragonare Wolverine ad alcuni WI7+ che ho salito come Centercourt di Leichtfried o Second Choice di Will Gadd, o qualsiasi altra via di ghiaccio che ho salito finora. Wolverine è semplicemente così diversa e molto, molto più difficile. La posso paragonare soltanto a Spray on WI10. Oppure paragonare le difficoltà di Wolverine ad altre vie di misto gradate M11.

Ogni singolo movimento di Wolverine è su ghiaccio, quindi la cosa più ovvia è quella di scegliere il sistema di gradazione usato per il ghiaccio (WI). Il WI11 è un po' controverso, è vero. Ma l'arrampicata a Helmcken Falls è così fuori dal mondo e diverso da quello alla quale ci siamo abituati.

Wolverine è protetto da spit, e questo toglie un po' della serietà della scalata, ma comunque sali del ghiaccio e questo, almeno per me, lo rende una via di ghiaccio. Insomma: una via di ghiaccio protetta da spit, sulla quale l'arrampicata probabilmente sembra più difficile di Spray On, e difficile quanto alcune vie di M11...  niente di più! Concludo con le parole di Will Gadd, che ha sintetizzato tutto perfettamente: "Alla fine il punto è semplice: le vie sono quello che sono, e se sei all'altezza della sfida le salirai, e se non lo sei, cadrai, e questo è già sufficiente per me."


Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello