Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowPer Gigi Dal Pozzo

Gigi Dal Pozzo
Photo by Casanova
Gigi Dal Pozzo (a dx) con Sandro Neri al Passo Duran (1983).
Photo by Marampon
PORTFOLIO / gallery Portfolio: Per Gigi Dal Pozzo
NEWS / Links:

Per Gigi Dal Pozzo

13.12.2012 di Planetmountain

Luigi "Gigi" Dal Pozzo è scomparso lunedì 10 dicembre dopo una lunga malattia. Alpinista e arrampicatore bellunese di primissimo piano, Gigi Dal Pozzo è stato uno degli artefici dell'evoluzione dell'arrampicata nelle Dolomiti. Il ricordo di Sandro Neri.

Gigi Dal Pozzo... Per chi, tra la fine degli anni '70 e gli anni '80, ha avuto la fortuna di conoscere l'arrampicata basta questo nome per aprire un mondo. Quello stesso mondo e quella stessa passione che proprio in quegli anni ha rivoluzionato l'arrampicata nelle Dolomiti e non solo. Bellunese, classe 1956, fortissimo arrampicatore e alpinista, Luigi "Gigi" Dal Pozzo è stato un vero e proprio capo scuola della "nuova" arrampicata del Nord Est. In quegli anni, insieme a una ristretta elite di fortissimi, ha contribuito in maniera determinante ad alzare non solo il livello ma anche il "concetto" di arrampicata. Non a caso quello che ha distinto la sua azione in parete è stata soprattutto la coerenza rigorosa nella ricerca della bellezza che sempre si sposava con la difficoltà. Le sue vie, più di 100, corrono tra le le placche e le pieghe più nascoste delle Marmarole, delle Pale di San Martino, dell'Agner, del Civetta e di molte altre pareti sconosciute ai più. Sono tutte vie bellisisme e impegnative quanto molto severe e rigorose nell'etica di apertura - lo sa bene chi in questi anni le ha ripetute o ne ha tentato una prima ripetizione. Sono tutte vie di assoluto spessore e da conquistare con una passione totale anche per quel loro carattere quasi restio e nascosto che rifugge dal clamore. Insomma assomigliano, e non potrebbe essere altrimenti, al loro autore, come ben traspare dal ricordo di Sandro Neri.


TÀSI, CITA di Sandro Neri

"Zitto, Cita" : caro Gigi, mi sembra di sentirti da lassù, mentre mi inviti a stare in silenzio, a non scrivere niente di te, che ci hai appena lasciati. Mi chiamavi come la scimmia di Tarzan, sin da quando, 33 anni fa, mi prendesti praticamente per mano, per portarmi in montagna con Nanni de Biasi. Capitavi  in palestra di roccia correndo come un pazzo con una moto sgangherata; scalavi traversi incredibili già da quel 1979, appena tornato dal Verdon con un certo Manolo... portando nel bellunese i primi modelli di scarpette EB Supergrattòn (strette e dolorosissime).

Te ne sei andato ieri l'altro sera, dopo tre anni di guerra senza tregua contro la malattia, la tua via più difficile. La stessa grinta e dignità che hai impiegato in quarant'anni di grande alpinismo, ce l'hai messa in questa lotta silenziosa e composta, dove hai dato tutto te stesso, come sempre. Hai saputo sorridere e scherzare anche sul tuo male, mantenendo quella vena di sagacia e quel senso del paradosso unico, esclusivamente tuo.

Non è certo questo il momento per raccontare nel dettaglio quante decine di vie hai aperto in Dolomiti, quanto dure e non molto conosciute: dalla Civetta nei sui molteplici versanti, all'Agnèr al Mùlaz, su queste e tante altre pareti hai lasciato il segno della tuo passaggio, creativo e leggero come sapevi essere tu. Sotto una crosta ruvida e pungente, chi superava quel primo impatto scopriva un uomo straordinariamente sensibile, capace di commuoversi anche per un cane abbandonato in montagna.

Se è vero che arrampicare è un'arte, vecio Gigi, le tue linee in ambiente e in falesia rappresentano un patrimonio, per i giovani climbers di oggi: per ripeterle in montagna sarà bene che si allenino, coltivando un certo pelo sullo stomaco; e per comprenderne l'eleganza sportiva, basta scalare in uno dei tanti luoghi a cui hai dato vita, come Podenzoi.

Un ultimo, breve pensiero va ai tuoi cari che lasci, e alla tua compagna Tatiana, che ti ha seguito fino in fondo con amore unico. Qui mi taccio, perchè il groppo è troppo grosso... e ascolto la tua voce, Gigi : "Tàsi, Cita."

Sandro Neri

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
The Rectory e Castelton Tower
arch. Desert Sandstone Climbing Trip 2014