Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowContinuando a sognare Edlinger

Patrick Edlinger a Sport Roccia Arco 1986
Photo by www.fototonina.com
Patrick Edlinger vincitore al Rock Master 1988 ad Arco
Photo by Marco Scolaris

Continuando a sognare Edlinger

18.11.2012 di Planetmountain

Mentre continua il dolore per scomparsa di Patrick Edlinger, pubblichiamo un ritratto del mito dell'arrampicata pubblicato nel libro Rock Master nel 2005.

Sognando Edlinger… come ora si sogna Beckham? Negli anni ’80 non sarebbe stato per nulla un azzardo, naturalmente con riferimento a quello spirito, felice e scanzonato, di Jess e Jules nel bel film che racconta il sogno d’emulare il loro idolo calcistico. Ebbene sì, soprattutto gli arrampicatori (ma non solo) che all’epoca hanno visto sullo schermo Patrick, protagonista di “La vie au bout des doigts” o di “Opera vertical” non possono scordare lo stupore di fronte a quell’arrampicatore che danzava sulle pareti del Verdon. Era così: Edlinger era veramente un sogno irraggiungibile e, al tempo stesso, la misura di quanto l’arrampicata fosse, e potesse essere, bella. La nuova arrampicata, s’intende.

Patrick, “Le blonde”, che a piedi nudi arrampica inseguendo il ritmo del suo respiro e dell’aria - tantissima, immensa, aria sotto i piedi – era assolutamente il sogno di quegli anni che si concretizzava in immagini. Era la libera e libertà dell’arrampicata. Un irraggiungibile assoluto, di cui in quegli albori dell’arrampicata sportiva si aveva fame e bisogno. Per sognare, naturalmente, e anche per migliorare.

Patrick Edlinger ci venne in aiuto, infatti, anche in questo nostro desiderio di essere più bravi, di assaporare sempre più la difficoltà e il modo di danzarci attorno. Badate bene, solo gli sciocchi avrebbero pensato di seguirlo tout-court, copiandone lo stile free-solo. Non è pensabile che la sua, come da accusa di qualcuno, fosse una pura e semplice istigazione all’arrampicata senza corda, e suicida. Lui, come i Berhault, Manolo, Mariacher, Le Menestrel, Güllich, Moffat e molti altri fortissimi climber (ed erano davvero tanti) di quei primi anni, rappresentava un esempio, la conferma che era possibile. Si parla spesso di arte dell’arrampicata Patrick ne era il modello.

Logico che il suo libro Arrampicare! divenisse una sorta di bibbia del climber. Piramidali, trazioni, dieta, il primo volume organico sull’allenamento per l’arrampicata ha allevato tutti noi, novelli arrampicatori liberi degli anni ’80. E con noi i nostri bicipiti, la nostra mobilità e (ahinoi) anche qualcuno dei nostri acciacchi muscolari. Ma si era agli inizi, anzi si era entusiasti della nuova scoperta, e non ci si risparmiava nulla alla passione verticale.

Poi venne l’Edlinger delle gare e del Rock Master. Non furono molte per la verità le competizioni a cui partecipò, ma anche lì lasciò il segno. Primo nella combinata di Bardonecchia ed Arco nel 1986, vincitore ex-aequo con Stefan Glowacz al Rock Master del 1988, nella prima volta del Master sull’artificiale. E, inoltre, primo a Snowbird ’88 e al Campionato internazionale di Germania. Un palmeres niente male, dunque, per il futuro direttore della rivista Rock’n wall.

Patrick da allora non ha mai smesso di scalare, coniugando l’arrampicata con i viaggi, un Leitmotiv che unisce tutti i climber di allora come di oggi. Non è impossibile trovarlo in qualche falesia. D’altra parte non ha mai smesso di frequentarle. E come avrebbe potuto? Lui è sempre, uno di noi. L’Edlinger del sogno, o se preferite delle vie di Ceuse: le vie di Patrick, quelle che devi sempre conquistarti. Quelle che si ricordano e si sognano di più, appunto!

Vinicio Stefanello
pubblicato nel libro Rock Master - l'arrampicata ad Arco / agosto 2005

> Adieu Patrick Edlinger / 17.11.2012
> video Patrick Edliger

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara