Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowCugnisiun zero' al Monviso

Umberto Bado su L2 di Cugnisiun zerò, Monviso, Parete Nord, Settore Nord Est
Photo by archivio M. Appino, U. Bado
All'attacco di Cugnisiun zero', Monviso, Parete Nord, Settore Nord Est
Photo by archivio M. Appino, U. Bado
Paola Secco su L1 di Cugnisiun zerò, Monviso, Parete Nord, Settore Nord Est
Photo by archivio M. Appino, U. Bado
Il tracciato di Cugnisiun zero', Monviso, Parete Nord, Settore Nord Est
Photo by archivio M. Appino, U. Bado

Cugnisiun zero' al Monviso

24.10.2012 di Planetmountain

Attendendo le condizioni giuste per la nuova stagione di arrampicata su ghiaccio, presentiamo Cugnisiun zero' (350m, M6/E4), la via aperta da Paola Secco, Marco Appino, Umberto Bado nel dicembre dello scorso anno sulla parete Nord (Settore Nord Est) del Monviso.

"Questa via nasce dall'esigenza di mettere mano alle piccozze anche quando (come l'anno scorso) all'inizio della stagione bisognerebbe ancora attendere un poco...". Così Marco Appino, ci dà notizia di Cugnisiun zero', nuova via di misto aperta nel dicembre del 2011 e che sale la parete nord del Monviso. Cominciata con un primo tiro aperto da Umberto Bado in compagnia di Paola Secco, Cugnisun zero' - ovvero giudizio o buon senso zero, è stata completata sempre da Bado con Marco Appino il primo dicembre dell'anno scorso. 350 metri di via con difficoltà M6/E4 (vedi link) che nell'attesa che arrivino le condizioni per tirare fuori le piccozze, dedichiamo alla nuova stagione del ghiaccio e, soprattutto, ad una grande montagna: il Monviso.


CUGNISIUN ZERO' di Marco Appino

La prima volta che mi trovai al cospetto della parete nord del Monviso, fu per salire una difficile via di ghiaccio. Ricordo bene le parole della relazione che la descrive come la più difficile via di misto del massiccio. Come ogni volta approcciammo quella linea con il dovuto timore riverenziale, ma con la determinazione giusta che ci permise di effettuarne la salita, non senza alcuni imprevisti e qualche insegnamento in più da mettere nel fascicolo ”Cose da non fare”... Già allora, una volta con i piedi per terra, in compagnia del compagno di tante salite, e tanti “insegnamenti”, Umberto Bado, ci guardammo intorno cercando di scorgere su quella porzione di parete nuove possibilità. Più volte durante gli ultimi anni l’idea di tornare ci sfiorava la mente, ma senza concretizzarsi.

Solo l’autunno scorso, Umberto in compagnia di Paola Secco, come ripiego da una salita non in condizioni, individua una possibile linea e ne sale la prima lunghezza. Pochi giorni dopo ci sentiamo, ed a seguito del solito scambio di foto e di opinioni decidiamo di provare insieme a seguire quella esile linea bianca.

Giovedì 1 dicembre, è la giornata che tra i vari impegni siamo riusciti a ritagliarci; con la tipica sveglia delle salite in giornata al Monviso... h 2:30 per sfruttare tutte le ore di luce disponibili, partiamo alla volta della Valle Po. Vista l’ora, in auto le parole non sono molte. Ho letto che il silenzio tra persone che si conoscono poco è imbarazzante, ma noi per fortuna siamo legittimati a continuare la nostra fase REM anche in auto. Arrivati al parcheggio di Pian della Regina i preparativi sono veloci e di li a poco partiamo alla volta della parete.

Passo dopo passo anche le parole iniziano ad essere dei nostri, e quando l’alba ci emoziona per l’ennesima volta siamo armai a ridosso del re di pietra. Nel lieve chiarore iniziamo a scorgere le linee bianche che incidono la parte bassa di questa porzione di parete. La nostra idea, è una linea obliqua di neve incollata, posta a sinistra del couloir nord est. Da vicino pare piuttosto fine, e sicuramente di ghiaccio non ne toccheremo granchè. Alla base, lasciamo gli sci, cambiamo le scarpe e dopo esserci rifocillati con qualche biscotto ed un buon thè caldo, partiamo.

Il primo tiro tocca a me siccome Umbi l’ha già salito pochi giorni prima. Capisco subito che il menù del giorno sarà il seguente: roccia e neve, un po’ di ghiaccio, qualche provvidenziale ciuffo d’erba, il tutto condito da protezioni piuttosto distanziate. Dopo l’antipasto, la via ci riserva il piatto forte, un tiro di 55m con difficoltà sostenute e protezioni buone, ma piuttosto distanziate. Umbi si impegna a fondo nel salirlo, l’ultimo tratto si appoggia e, nonostante ciò, non capisco (50m più in basso) come mai il mio compagno salga così lentamente. Di lì a poco percorro il medesimo itinerario, e tutti i miei dubbi si dissolvono; arrivato in sosta non posso che farmi una risatina e dire “meno male che te lo sei beccato te!”.

Memore dell’esperienza appena vissuta, parto per la lunghezza successiva armato di tutto il materiale di cui disponiamo. Faccio bene, un altro tiro lungo circa 60m, anche se più facile del precedente. Ora siamo già piuttosto alti, secondo le nostre stime dovremmo essere a circa metà distanza tra l’attacco e la cengia che ci consentirà di uscire. Ci troviamo all’interno di una grande nicchia, sovrastati da uno strapiombo, decidiamo di uscire a sinistra aggirando il tetto di roccia cattiva. Così facendo con un paio di lunghezze più facili, accediamo finalmente alla cengia spiovente. Grazie a questa in poco meno di un’ora, raggiungiamo l’intersezione con in coulior nord est, dal quale ci caleremo. Prima di iniziare la discesa, ci sediamo e gustando un po’ di thè ed un bel panino ci godiamo qualche istante di relax pensando al nome per l’idea che da poco si è concretizzata.

Trovare il nome per una nuova linea, non è semplice, è come per uno scrittore trovare il titolo di un capitolo o di un libro, a volte nasce da una casualità di eventi , a volte è una ricerca difficile perché si vuole racchiudere sinteticamente l’idea della linea e perché no anche qualcos’altro… Scegliamo CUGNISIUN ZERO’.

Attrezziamo un paio di doppie nuove e siamo sulla via di Grassi della quale sfruttiamo le soste per tornare con i piedi per terra. Ora non ci resta che scendere alle auto, voltandoci saltuariamente ad osservare se c’è ancora qualche idea che attende di essere concretizzata.

Marco Appino

SCHEDA: Cugnisiun zero' - Monviso

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello