Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowNuova via su Il Tempio, Monte Sirente

Cristiano attacca la placconata durante il 2° tentativo
Photo by archivio C. Iurisci
Primi difficile metri della placconata del Tempio (Cristiano in azione, 2° tentativo)
Photo by archivio C. Iurisci
La bella fessura svasa (Cristiano in azione)
Photo by archivio C. Iurisci
Tracciato della via
Photo by archivio C. Iurisci

Nuova via su Il Tempio, Monte Sirente

10.10.2012 di Cristiano Iurisci

Il 23 e 28/09/2012 Domenico Totani, Cristiano Iurisci, Stefano Supplizi e Gabriele Basile hanno aperto "Violazione di domicilio" (300m, ED; VII max, R2+/IV) nuova via sulla parete Nord de Il Tempio, Monte Sirente (Appennino Centrale, Abruzzo). Il report di Cristiano Iurisci.

"Come si può leggere in un qualsiasi dizionario, alla parola Tempio si legge di un luogo sacro, dedicato al culto della divinità, considerato anche come la sede stessa della divinità. Se dovesse esistere il Dio Sirente, la sua dimora non potrebbe che essere la cima del tozzo torrione denominato appunto Il Tempio.

Geograficamente la cima de Il Tempio è solamente un pilastro più grosso, evidente e massiccio tra quelli che popolano questo settore della parete Nord, certamente il più impervio e inaccessibile di tutta la catena del Sirente. La visione del Tempio non è per tutti e, come tradizione vuole per i luoghi più sacri e circondati dal mistero, si deve essere un po' discepoli per poter osservare senza timori la nobile dimora. La visione infatti non è concessa a coloro che vogliono solo calpestarne la cima più elevata! La cima è solo la parte più esterna della montagna non il cuore, tanto meno la “dimora” del Dio Sirente. Quando si è sotto al Tempio, la presenza divina è quasi tangibile, tanto si a contatto intimo la montagna trovandosi immersi tra le pieghe più impervie delle sue viscere. L'anima del Sirente appare tanto chiara e nitida quando più si è “dentro” la grande parete, magari a risalire i ripidi colatoi o a traversare esili cenge ad evitare impossibili e lisci torrioni. Sei assorrbito completamente dall'ambiente che è solenne e silenzioso, disturbato solo dal volteggiare circolare e ripetuto di imponenti grifoni. In un posto dove è chiaro che tu sei solo un piccolo e insignificante ospite di passaggio.

A causa della relativa inaccessibilità e arditezza dei suoi versanti, la cima (vedi nota) del Tempio è rimasta vergine fino alla nostra salita. Come a rappresentare l'ultimo baluardo segreto del Dio Sirente, la sua cima, come anche la sua parete Nord, non aveva infatti mai visto la presenza umana. Nonostante la nostra caparbietà, la sua parete nord non si è concessa tanto facilmente, sono stati infatti necessari ben tre tentativi per calcarne la cima.

Ricordo benissimo come al primo tentativo la sola presenza e imponenza delle verticali rocce sono bastate per cancellare ogni nostra velleità alpinistica. Dopo il facile primo tiro, peraltro già più volte salito perché in comune con la storica via dell'Imbuto, la sola visione della “vera” parete ci intimorisce, e presto rinunciamo. Ma non vogliamo tornare a casa a mani vuote, almeno la cima, almeno quella vogliamo toccarla. Dopo quasi un'ora a tergiversare e a capire il da farsi, tagliamo la cengia verso destra per cercare rocce più abbordabili. La parete W pare più umana, ma dopo due bei tiri di corda, l'ora tarda e l'incognita di quanto manca per la cima, e di come si scendesse da questa, non ce la sentiamo di proseguire, buttiamo giù le doppie e torniamo a casa. La dimora del Dio Sirente è ancora salva, la divinità intatta.

Già nel viaggio di ritorno la sua mistica presenza va scemando e in noi riviene la voglia di tornare alla carica. Sono passati appena cinque giorni che siamo di nuovo sotto la sua dimora. Stavolta siamo in tre, si è aggiunto Domenico, un giovanissimo e promettente alpinista aquilano che doveva essere dei nostri già nel primo tentativo. Non ci conosciamo che per soli contatti telefonici o virtuali (mail o internet) ma sento che la sua visione della montagna collima esattamente con la nostra, sento che andremo d'accordo, sono certo che la sua presenza sarà determinante.

La divinità cerca in tutti i modi di intralciare il nostro cammino, ci fa sbagliare strada, tenta di farci perdere negli intricati e fitti boschi delle sue pendici. Anche se più stanchi e sudati del precedente tentativo, arriviamo all'attacco della via. Stavolta mi sento carico e pronto per attaccare la fessura svasa che rappresenta l'inizio della lunga e verticale placconata basale del Tempio. Ho con me tutto l'occorrente e sono molto motivato, ma dopo neanche 20 metri mi devo arrendere, sono già stanco, inoltre non riesco a proteggermi per proseguire: mi occorre assolutamente uno di quei maledetti chiodi a lama che Stefano non ha fatto in tempo a comperare.

Quei chiodi sono gli unici che possono riuscire ad entrare in quelle maledette e cieche fessure. Dopo svariati tentativi di metterne decentemente uno universale, stremato, lascio il comando a Domenico. Da subito lui ha un'altra marcia, è giovane e soprattutto forte: riesce a salire spalmando i piedi sulle compatte placche tenendo buchi e buchetti, stringendo prese bordate di fango perché parzialmente ripulite dalle toppe d'erba. Anche lui però deve lottare non poco per finire il tiro (fino al VII), impiegando oltre due ore per giungere in sosta. Sul tiro successivo Domenico più volte sta quasi per volare, scala al proprio limite e gli sono necessarie altre 2 ore prima di trovare un punto decente per far sosta. Non c'è più tempo per noi, gli urliamo di scendere. Arriveremo in macchina che è buio ma con la promessa di ritornare prima che il clima diventi davvero autunnale.

Il 28 settembre siamo di nuovo sotto la parete. Stavolta Stefano non c'è e al suo posto viene Gabriele. Il padrone del Tempio capisce che oggi il trio potrebbe raggiungere la cima: non sa come ostacolarci, l'unica cosa che gli riesce di fare è impedire che qualcuno immortali con una foto la sua divina dimora. Ci troviamo così senza macchinetta al seguito a provare a terminare la via. In circa tre ore raggiungiamo il punto massimo della volta scorsa, poi tocca a me attaccare l'ultimo tiro della grande placca. Dopo un bel traverso fessurato e un duro ristabilimento (VI+), mi trovo sulla cengia mediana. Mezza parete è fatta! Al Gab tocca l'atletico e lungo tiro successivo, mentre Domenico prosegue fino a 25 metri dalla cima, lasciando a me il compito e l'onore di toccare l'inviolata vetta. Qualche foto siamo riusciti scattare con il telefonino del Gab, ma giunti in vetta questo si scarica completamente, come a voler adempiere all'ultimo il volere del Dio Sirente.

Ci abbracciamo felici, attimi di pura gioia che rimarranno impressi nella mente anche senza che vi sia alcuna documentazione fotografica. Ora manca la libera... Caro Tempio, l'estate prossima torneremo a farti visita!"

Cristiano Iurisci. 8 ottobre 2012

Note: per Vetta o Cima si intende per definizione un'elevazione distinta e chiaramente separata della alture circostanti e il dislivello da queste superi almeno i 50m di dislivello. Non è chiaro se il Tempio possa essere definita una vera cima, quasi sicuramente non lo è (è al vaglio del club2000m d'appennino), ma a noi piace l'idea che per calcare cime inviolate non si deve per forza partecipare a costose e lunghe spedizione extraeuropee.

SCHEDA: Violazione di domicilio - Il tempio - Monte Sirente

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
The Rectory e Castelton Tower
arch. Desert Sandstone Climbing Trip 2014