Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowCima di Reit in Alta Valtellina

La Reit all'uscita dai mughi
Photo by Eraldo Meraldi
La Cima di Reit, sullo sfondo l'Ortles
Photo by Eraldo Meraldi
INFO / links & info:

Cima di Reit in Alta Valtellina

25.07.2012 di Planetmountain

La Guida Alpina Eraldo Meraldi presenta la Cima e la Cresta di Reit sopra il paese di Bormio in Alta Valtellina.

"Ad occidente del Passo Cristallo (ora Passo Ables) la catena spartiacque digrada lentamente, senza spiccate elevazioni né depressioni, verso la strada dello Stelvio sopra ai Bagni Vecchi di Bormio. Il versante meridionale è costituito da un enorme muraglione dentellato che al pomeriggio, dal Piano di Bormio, ricorda intensamente un quadro dolomitico; sempre ertissimo e fasciato alla base da lunghe colate di detriti è rivestito a nord ancora dalla Vedretta del Cristallo che va man mano abbassandosi dalla cresta fino a lasciarla sporgere alquanto dal suo pianoro superiore. Una insignificante elevazione – quotata m 3075 – è punto trigonometrico, dopo la quale un lungo contrafforte roccioso si stacca verso nord e corre fin sulle chine di detriti che formano la sponda Sud della Val Vitelli: esso è il Dosso Reit – m 3027. Di nessuna importanza alpinistica, divide la Vedretta del Monte Cristallo in due parti di cui l’occidentale, piccola e in via di ritiro, è ristretta tra il contrafforte predetto ed un altro minore più ad ovest, segnato dalla sommità 3056 avente la stessa direzione e finente sopra alla strada dello Stelvio, nella Regione Glandadura. Le varie elevazioni si possono raggiungere facilmente da nord, dalla Vedretta del Monte Cristallo; il Dosso Reit è talora meta faticosa dai Bagni di Bormio."

Questa è la presentazione della ora denominata Cresta di Reit presa integralmente dalla Guida dei Monti d’Italia del Club Alpino Italiano – Regione dell’Ortler – di Aldo Bonaccossa, edita nel lontano 1915. Dalla descrizione ben dettagliata appare sostanzialmente evidente che già a quel tempo i ghiacciai erano in fase di graduale ritiro. Già allora si evidenziava la bellezza della Reit, fatto che anche oggi si coglie al tramonto, nelle giornate limpide, specialmente autunnali; la Reit si tinge di rosa, uno spettacolo nello spettacolo che la conca di Bormio offre a chi sa cogliere questi brevi attimi molto intensi, suggestivi e indimenticabili. Ogni tanto basta alzare la testa ed osservare le nostre montagne circostanti; esse ci sanno trasmettere sensazioni ed emozioni che mutano allo scorrere delle stagioni.

La Cima di Reit è la montagna di Bormio come il Tresero lo è per la Valfurva, la Piazzi per la Valdidentro e il Vallecetta per la Valdisotto, ma non è certamente una meta frequentata.
Quanti sono stati in cima alla Reit? E’vero che la roccia è molto friabile e la salita lunga e anche impegnativa per via dei tanti tratti delicati su ghiaioni instabili, ma vi garantisco che arrivarci in cima vi riempirà di gioia e di soddisfazione che vi accompagneranno per tanto tanto tempo. Il panorama circostante e la vista inusuale sulla conca Bormio e sulle vallate circostanti saranno come la “ciliegina sulla torta”.

Questa salita vi permetterà di rafforzare lo spirito e il carattere perché ogni vostro passo dovrà essere calcolato nei minimi dettagli altrimenti farete molta fatica in più e l’ascesa sarà un’agonia senza fine e senza senso.

Io ci sono stato in molte situazioni salendo da diversi punti e in diversi periodi dell’anno: d’estate quando le giornate sono lunghe e si può stare in giro più tempo ad osservare le infinità di aspetti che la montagna offre, d’autunno quando i colori sono più intensi e i camosci e stambecchi più facilmente visibili e avvicinabili, d’inverno quando si fa molta più fatica ed in primavera quando, se si sfrutta ancora un po’ la neve rimasta, la salita al Passo Pedranzini è un poco facilitata.

Se ci andate non improvvisate, andate con una persona esperta o se vi manca un compagno per salire la parete ricordo che le Guide Alpine Alta Valtellina offrono la possibilità di accompagnarvi in questa bella esperienza.

Se non andrete mai sulla Reit, non è un problema, portate i vostri occhi in alto e immaginatevi sulla cima, è certamente un metodo meno faticoso e vi farà per un attimo sognare l’ampio orizzonte che è nascosto dentro di voi.


SCHEDA: Cima Reit, Alta Valtellina

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello