Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowL’omaggio alla Madre Terra Di Kossakovsky vince il 60° Trentofilmfestival

Victor Kossakowsky, il vincitore del 60° Trentofilmfestival
Photo by Dino Panato / TrentoFilmfestival 2012
TrentoFilmfestival 2012: Reinhold Messner, Hervé Barmasse & Denis Urubko
Photo by Dino Panato / TrentoFilmfestival 2012
TrentoFilmfestival 2012: Mauro Corona
Photo by Dino Panato / TrentoFilmfestival 2012
TrentoFilmfestival 2012: Margherita Hack
Photo by Dino Panato / TrentoFilmfestival 2012
NEWS / Links:
INFO / links & info:

L’omaggio alla Madre Terra Di Kossakovsky vince il 60° Trentofilmfestival

07.05.2012 di Planetmountain

¡Vivan Las Antipodas! di Victor Kossakowsky ha vinto la Genziana d'oro Gran Premio Città di Trento del 60° Trento Film Festival della Montagna, Società, Cinema e Letteratura. Genziana d'Oro del Club Alpino italiano al miglior film di alpinismo a Verticalmente Demodé il film di Davide Carrari con protagonista Maurizio Manolo Zanolla.

E' il regista russo Victor Kossakowsky con il documentario ¡Vivan Las Antipodas! il vincitore del 60° TrentoFilmfestival. La Giuria internazionale non ha avuto dubbio alcuno nell'assegnare la Genziana d'Oro - Gran Premio Città di Trento a questo film che si rivela un indimenticabile omaggio alla Madre Terra nella sua diversità, maestosità e antichità. La giuria ha apprezzato soprattutto l’idea ingegnosa, la realizzazione piena di qualità artistiche e tecnicamente brillante.

La Genziana d'Oro del Club Alpino italiano al miglior film di alpinismo è stata assegnata al regista Davide Carrari per il documentario Verticalmente Démodé, film che incarna la pura idea del free climbing. Protagonista del documentario è uno dei migliori arrampicatori sulla scena internazionale, l'italiano Maurizio Zanolla “Manolo”. Attraverso il suo gesto si scopre che l'arrampicata libera non è soltanto uno sport ma un’arte creativa.

La Genziana d'Oro “Premio Città di Bolzano” al miglior film di esplorazione e avventura premia invece, la regista francese Marianne Chaud autrice di La nuit Nomade, che ha condiviso e riportato attraverso una narrazione ricca di sensibilità la quotidianità delle tribù nomadi del Ladakh, realizzando un film di rara esplorazione umana.

Il Premio della Giuria è stato assegnato al film Strong, a recovery story del regista ungherese Andras Kollmann che ha raccontato la storia dell'alpinista Zsolt Eross, della sua rinascita in seguito alla perdita di una gamba e del suo ritorno sull’Himalaya per scalare per la nona volta un “8.000”.

Le tre genziane d'argento sono state attribuite a La vie au loin di Marc Weymuller per il miglior contributo tecnico artistico e per le sue qualità poetiche e filosofiche; a La voie Bonatti di Bruno Peyronnet perchè “è un film coraggioso e realizzato con stile, capace di collegare attraverso una corda sottile l’eroica epoca dell’alpinismo e le sfide affrontate dagli scalatori contemporanei, offrendo una prova evidente che anche oggi che gli alpinisti possono contare su un equipaggiamento avanzato, lo spirito di Bonatti è fondamentale per raggiungere la vetta”; a Cold di Anson Fogel - protagonisti gli alpinisti Simone Moro, Denis Urubko e Cory Richards - come miglior cortometraggio, perché ha la capacità di mostrare cosa sia la vera sofferenza e la sopravvivenza durante una ascensione “invernale” ad un ottomila (il Gasherbrum II).

Il Premio della critica “Luciano Emmer” assegnato dalla Giuria del Sindacato nazionale dei Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI) è stato assegnato al film L'enfant d'en Haut di Ursula Meier.

"E’ stata un’edizione davvero speciale – ha dichiarato stamattina in conferenza stampa la direttrice Luana Bisesti – Facendo un primo bilancio consuntivo il festival ‘diffuso’ ha dato buoni frutti, è decollato immediatamente. Con orgoglio abbiamo letto dei dati in aumento, 5000 presenze totali alle serate in auditorium, 1000 in più rispetto allo scorso anno. Anche le mostre, tutte inedite, hanno registrato un netto aumento".

"Il fiore all’occhiello del festival, la parte cinematografica, ci ha dato grande soddisfazione – ha aggiunto il responsabile della programmazione cinematografica Sergio Fant – a cominciare dal film di apertura in auditorium che ha visto la presenza di 700 persone. Le proiezioni al cinema Modena hanno registrato un aumento del 20% con una media di oltre 100 presenze a proiezione. Il pubblico ha dimostrato attenzione anche per i film più lontani o impegnativi, premiando una proposta che diversifica i contenuti. Ringrazio la giuria internazionale per aver visionato le 26 opere in concorso e valutato l’assegnazione dei premi e Luca Legnani della catena The Space, con la quale abbiamo avviato un progetto di collaborazione per il prossimo inverno che porterà nelle multisala italiane questi spettacolari documentari".

"Un ringraziamento va anche alla città di Trento e alla cittadinanza, così vivace e vitale, che ha accolto e vissuto la 60esima edizione del festival con noi – ha tenuto a ricordare il Presidente del TrentoFilmfestival - posso affermare con certezza che siamo stati i primi e restiamo i migliori".

Le giornate del festival sono state raccontate da una giovane redazione composta da studenti del Liceo scientifico Leonardo Da Vinci di Trento e dell'Istituto delle Arti di Trento e Rovereto. Undici i ragazzi coinvolti: Fiammetta Caccavale, Alessandro Castelli, Samuel Giacomelli, Stefania Girardini, Edoardo Oss, Rossella Agostini, Nicola Borsari, Valerio Corradi, Lorenzo Dalbon, Iulian Gutu, Lorenzo Castelli, che hanno dato vita ad una vera e propria redazione giornalistica impegnata sia nella realizzazione della newsletter giornaliera, sia nella produzione di video interviste ai protagonisti di questa 60ma rassegna. Gli studenti dell'Istituto delle Arti sono stati coinvolti anche nella realizzazione delle due sigle utilizzate prima di ogni proiezione mattutina.

Tutte le info: www.trentofestival.it

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello