Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowNanga Parbat in inverno: fine della spedizione di Moro e Urubko

Simone Moro e Denis Urubko al Nanga Parbat, febbraio 2012
Photo by Matteo Zanga
Simone Moro e Denis Urubko al Nanga Parbat, febbraio 2012
Photo by Matteo Zanga

Nanga Parbat in inverno: fine della spedizione di Moro e Urubko

14.02.2012 di Planetmountain

Oggi Simone Moro e Denis Urubko hanno comunicato la loro decisione di interrompere il loro tentativo di prima salita invernale del Nanga Parbat (Pakistan) lungo la parete Diamir a causa della perduranti pessime condizioni meteo.

E' stata ancora una volta più forte la Natura. Così finisce la spedizione di Simone Moro e di Denis Urubko al Nanga Parbat: la prima invernale della Montagna Nuda, - come ci raccontano Moro e Urubko nel loro ultimo dispaccio video - dovrà aspettare. Da giorni sul Nanga Parbat nevica e le previsioni meteo di Karl Gabl da Innsbruck non danno speranza: dopo una pausa di 36 ore la tempesta di neve e vento continuerà anche per tutta la prossima settimana. Per il prossimo periodo quindi, si prevede una quantità di neve che potrà superare il metro e mezzo di altezza.

Chiaro che in queste condizioni sarebbe troppo pericoloso ogni tentativo. Senza contare che le raffiche di vento in quota raggiungono i 130 km/h con un boato che come ci spiega Moro sembra "il rombo di 10 aerei in decollo". In queste condizioni è saggio desistere. Come del resto ha fatto anche la spedizione polacca che ha diviso con loro il Campo base.

A proposito di vento "stanotte" racconta ancora Simone "abbiamo avuto vento con raffiche fino a 100Km/ orari al campo base. Alcuni teli che riparavano la tenda mensa sono andati distrutti, ma poca roba. La tenda cucina e magazzino sono riparati da muri perimetrali in pietra che avevo fatto costruire (grazie a Dio)".

Ricordiamo che Moro, Urubko e Matteo Zanga, il fotografo e cameraman della spedizione, sono partiti 51 giorni fa dall'Italia. Il 3 gennaio hanno raggiunto il Campo base della parete Diamir del Nanga Parbat a quota 4200m. In un mese Moro e Urubko hanno allestito 3 campi raggiungendo quota 6600m. Poi però dal 27 gennaio ha iniziato la tempesta di neve che non ha mai cessato.

Come si ricorderà i due alpinisti avevano deciso sul campo di tentare la salita per una nuova via percorrendo la linea del tentativo effettuato da Messner e Eisendle nel 2000 che si sviluppa sul lato sinistro della grande parete del Diamir. Per far questo però erano costretti ad attraversare il tormentato ghiacciaio e soprattutto a passare sotto il pericoloso seracco della via Kinshofer. Una strada e un pericolo obbligato che Moro e Urubko avevano anche trovato la maniera di bypassare… ma ora dopo tutta la neve caduta, e quella prevista per tutta la prossima settimana, la missione sarebbe impossibile ovvero troppo pericolosa. Ha vinto la Natura dunque, come dicono nel video i due alpinisti. E anche questo è il "bello" dell'alpinismo e di questa esperienza che assicurano Simone e Denis: "E' stata bellissima!".

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
COVER
The Rectory e Castelton Tower
arch. Desert Sandstone Climbing Trip 2014