Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowDent du Jetoula, prima discesa per Capozzi e Bigio

La cresta sud-est della Dent du Jetoula (gruppo del Monte Bianco) scesa da Davide Capozzi e Stefano Bigio il 16/01/2012.
Photo by archivio Davide Capozzi
Davide Capozzi e Stefano Bigio e la prima discesa della cresta sud-est della Dent du Jetoula (gruppo del Monte Bianco) il 16/01/2012.
Photo by archivio Davide Capozzi
INFO / links & info:

Dent du Jetoula, prima discesa per Capozzi e Bigio

18.01.2012 di Davide Capozzi

Sci ripido: il 16/01/2012 Davide Capozzi e la guida alpina Stefano Bigio hanno effettuato la prima discesa con gli sci e lo snowboard della cresta sud-est della Dent du Jetoula (gruppo del Monte Bianco). Il racconto della discesa di Capozzi.

"La Cresta di Jetoula è una bella via di roccia lungo la cresta sud della Dent de Jetoula 3306m, continuando la Torre di Jetoula 3342 m, fino alle Aiguilles Marbrées. Viene percorsa generalmente d'estate. Noi abbiamo salito e poi sceso con sci e snowboard la cresta sud-est fin sotto la Dent du Jetoula a quota 3200m. Siamo partiti alle 6 del mattino dalla Palud, frazione di Courmayeur, alle pendici della cresta.

Ci sono volute circa 5 ore per coprire i 1800m di dislivello, nella parte bassa non è stato semplice orientarsi nell'infinità di barre rocciose e canali. Una volta raggiunta la cresta abbiamo finalmente potuto renderci conto della fattibilità della discesa, la mia paura era quella di dover togliere sci e snowboard più volte, invece era interamente sciabile, abbiamo percorso a piedi solo pochi metri per risalire ad un colletto che ci avrebbe immesso dalla cresta ai pendii sottostanti.

La discesa è sempre esposta, si sciano pendii intorno i 40°, 45° alcuni passaggi sono più ripidi. La neve variava molto a seconda delle esposizioni, non è mai stata facile da sciare ma se non altro la stabilità dei pendii era ottima. La difficoltà proposta è 5.2 E4.

Credo che l'itinerario sia spesso in condizioni ma la vera difficoltà è nel trovare un innevamento sufficiente e temperature basse. La cresta prende sole praticamente tutto il giorno e si rovina in fretta. Come itinerario è molto simile alla diagonale di Rochefort (realizzata nel 2006 dallo sciatore Rèmy Lecluse e poi ripetuta nel 2010 da me e Stefano)  ma a nostro parere più difficile da sciare in quanto gli spazi lungo la cresta sono molto ridotti, si è sempre sull'orlo del baratro!"


- Davide Capozzi e lo sci ripido, quando è meglio non cadere mai

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello