Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowPiz Cengalo, frana la parete nord-nord est

La frana del Piz Cengalo (3369m) in Val Bondasca il 27/12/2011.
Photo by archivio Marcello Negrini
La frana del Piz Cengalo (3369m) in Val Bondasca il 27/12/2011.
Photo by archivio Marcello Negrini

Piz Cengalo, frana la parete nord-nord est

02.01.2012 di Marcello Negrini

Dopo quella del luglio scorso, il 27/12/2011 sul Pizzo Cengalo (3369m) (Bregaglia) in Val Bondasca si è staccata una nuova frana dalla parete nord-nord est. Il punto della situazione di Marcello Negrini.

"Continua a succedere, si pensavano colossi solidi, compatti, di granito sano le montagne che fanno da corona alla valle Bondasca. Parliamo della frana al Cengalo. E' successo martedì 27 dicembre 2011, il distacco si è formato nelle balze della parete nord-nord est, invadendo pure parte della parete nord ovest. La massa che ha poi raggiunto il fondo valle, fermandosi poco distante dal sentiero che porta alla capanna Sciora in località Plan Marener, ed in prossimità del monte Laret, è stimata di un volume in metri cubi di diversi milioni. Fortunatamente tutto è avvenuto senza coinvolgere persone e creare danni ai pochi stabili che si trovano in zona.

Ecco una breve cronaca: era il 19 luglio 2011, verso le ore 06.00 che dalla nord est del Cengalo si forma il primo distacco, il materiale frantumatosi nella caduta va a depositarsi lungo il ghiaione, oltrepassando il sentiero del Viale (collegamento fra la capanna Sciora e Sasc Fura). Dopo diversi sopralluoghi con gente esperta in materia (geologi) il Comune di Bregaglia decide di chiudere il sentiero di collegamento. La decisione si dimostra subito ottima perché, durante tutto il periodo che rimane di alta stagione turistica, il Cengalo si faceva tutti giorni vivo, con scariche di varie dimensioni che oltrepassavano diverse volte il sentiero. Il tutto si calmò verso la fine di settembre per poi farsi vivo con il colpo grosso martedì scorso.

Per quanto riguarda i danni alpinisti, la frana ha coinvolto ed in parte reso inaccessibili le vie che vengono a trovarsi nel versante nord-nord-ovest come la via Classica, la via Attilio Piacco, i pilastri orientali della parete, via Kasper - Koch, e la via Cacao Meravigliao nel versante nord-est.”

Stampa, il 30 dicembre 2011
Marcello Negrini, alpinista, capo soccorso e guardia forestale.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon