Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowKirghizistan, nuove vie nello Djangart per spedizione danese

Jim Broomhead su Peak Alexandra con le cime inviolate 5112 e 5025.
Photo by Kristoffer Szilas
Kristoffer Szilas in cima a Peak Alexandra con la inviolata Pt 5318 inello sfondo.
Photo by Kristoffer Szilas
Peak Alexandra (5290m), Kyrgyzstan con la linea di salita di "Bivouac - French for Mistake" (D: 5.4, 70°, 700m) Jim Broomhead and Kristoffer Szilas estate 2011
Photo by Kristoffer Szilas
INFO / links & info:

Kirghizistan, nuove vie nello Djangart per spedizione danese

02.09.2011 di Planetmountain

Quattro vie nuove nello Djangart in Kirghizistan aperte da una spedizione danese. Il report dell'alpinista Kristoffer Szilas.

"Eravamo un gruppo di sei danesi e uno britannico che ha esplorato la zona est dello Djangart dal 17 luglio al 3 agosto 2011. Il team era composto da Carsten Cooper-Jensen (45), Jim Broomhead (32), Anders Hedeager Pedersen (30), Kristoffer Szilas (29), Sune Buur (29), Jakob Fisker (29) e Simon Lund Jensen (26).

Questa regione è stata visitata da spedizioni nel 2004, 2008 e 2010 ma nessuno aveva mai scalato nella parte orientale, quella che abbiamo visitato noi. Siamo stati ispirati a visitare questa regione dopo aver letto il racconto del gruppo che ha esplorato la parte occidentale lo scorso anno.
 
Per risparmiare tempo e per raggiungere la parte più remota ad est della regione abbiamo raggiunto il nostro campo base con un vecchio elicottero russo. Tuttavia, durante il primo giorno della spedizione sembrava che non saremmo andati da nessuna parte perché le bombole di gas che ci servivano per sciogliere la neve non erano state caricate sull'elicottero e il nostro telefono satellitare non funzionava! Per nostra fortuna una famiglia di Mosca è passata il giorno successivo e loro avevano un telefono satellitare con cui abbiamo chiamato l'elicottero per farci portare il gas che ci mancava. L'area in passato aveva avuto soltanto una manciata di visite, e a noi è capitato di essere lì proprio lo stesso giorno in cui passava quella famiglia russa! Ci hanno veramente salvato la spedizione...
 
Durante i giorni successivi ci siamo divisi in tre gruppi e abbiamo esplorato le montagne attraverso quattro ghiacciai. Assieme al mio compagno di cordata, Jim, siamo riusciti ad effettuare la prima salita di una montagna alta 5290m, con un bivacco a circa 5000m. Abbiamo dedicato la cima a sua moglie, chiamandola Peak Alexandra. Poi abbiamo camminato per 15km fino alla valle vicina e installato un campo sul ghiacciaio per dare un'occhiata alla cima più alta della zona che raggiunge i 5318m. Tuttavia, era troppo difficile per noi sia per l'attrezzatura che avevamo a disposizione sia per il caldo. Così, dopo essere stata l'obiettivo di quattro spedizione, questa cima e rimasta ancora inviolata!

Abbiamo quindi deciso di tornare al nostro campo base e salire una cima di 4950m che avevamo già notato. Siamo riusciti a salire questa vetta nonostante la ridotta visibilità e la difficile arrampicata sul verglacé, stile scozzese. Durante la discesa il sole è uscito scaldando la neve caduta durante i precedenti giorni di brutto tempo, e presto ci siamo trovati in un trappola pericolosa e siamo stati colpiti più volte da valanghe. Per fortuna siamo scesi lungo del ghiaccio ripido dove siamo riusciti a piazzare dei buoni chiodi, quindi non siamo stati spazzati via. Abbiamo raggiunto il campo base sani e salvi e abbiamo chiamato la montagna Peak Lea, il nome della mia ragazza.

Abbiamo poi incontrato gli altri membri della spedizione al campo base. Loro erano riusciti a salire una inviolata montagna di 5190m che hanno chiamato Peak Pernille ed una montagna di 4885m che hanno chiamato Peak Kathryn. Inoltre, avevano tentato senza successo le cime Pt. 5112 e 5025.
 
In breve, abbiamo effettuato alcune prime salite in una remota regione del mondo e abbiamo vissuto una vera avventura. Cosa si potrebbe chiedere di più?"
 
Le vie:
Peak Alexandra
(5290m) "Bivouac - French for Mistake" (D: 5.4, 70°,700m) Jim Broomhead e Kristoffer Szilas
Peak Pernille (5190m) "Waiting for the Tide" (AD: 55°, 700m) Sune Buur, Jakob Fisker e Anders Hedeager Pedersen
Peak Lea (4950m) "Mermaid" (D: M4, 70°, 500m) Jim Broomhead e Kristoffer Szilas
Peak Kathryn (4885m) "Russian Roulette" (AD: 60°, 700m) Carsten Cooper-Jensen e Simon Lund Jensen

Kristoffer Szilas, Danimarca

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara