Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowGorges du Tarn, arrampicare in Francia

Liv Sansoz alle Gorges du Tarn, Francia
Photo by Simon Carter
Liv Sansoz alle Gorges du Tarn, Francia
Photo by Simon Carter

Gorges du Tarn, arrampicare in Francia

02.06.2011 di Luca Loreggian

Luca Loreggian presenta le bellissime Gorges du Tarn vicino a Millau in Francia. 400 di vie dal 5a al 8c.

Guidiamo da Millau verso Le Rozier, passiamo prima accanto a fattorie e campi, poi si entra nelle gorges e la strada corre parallela al torrente Tarn. La strada serpeggia e le rocce non compaiono, con il naso incollato ai finestrini si cerca i paretoni visti in foto, riviste e video, ma la vegetazione rigogliosa e selvaggia da una parte e il fiume Tarn dall’altra fanno da padroni.

Questa è solo l’impressione iniziale: se les Gorges iniziano subito dopo il paesino di Le Rozier, per il Tarn da scalare bisogna aspettare la cittadina di Les Vignes; è da allora che pareti di 70-80 metri dominano sulla natura e la vista ripaga da sola il viaggio.

Le pareti del Tarn sorgono sul lato sinistro del fiume, muraglie che sembrano fortezze, strapiombi, pance e bombè giganteschi di calcare giallo-arancione solcato talvolta da colate nere e blu del manganese. Il Tarn non si lascia osservare interamente nella sua grandezza, i settori vanno cercati e per passare da uno all’altro si cammina per centinaia di metri, qui si respira l’aria di un ambiente incontaminato, tipico di luoghi ancora vergini e poco frequentati, almeno dagli scalatori. La roccia è senza fine: quattrocento vie spalmate su cinque settori ancora in via di sviluppo e con un potenziale grandissimo.

L’arrampicata e l’ambiente sono indimenticabili, Ivan Sorro, Pierre Rouzo, Olivier Obin, Raphael Storbecher e Laurent Triay sono i nomi che dobbiamo ringraziare, sono loro i principali autori, ispirati nel rispetto della roccia e dell’ambiente.

Tipo di arrampicata
La roccia del Tarn, lavorata nei secoli dagli elementi, varia anche radicalmente di settore in settore, dettando lo stile della scalata: movimenti esplosivi, resistenza, tiri tecnici e tiri più intuitivi. Ogni voglia può essere soddisfatta e il comune denominatore è “engagement”, qui le catene vanno conquistate (ricordate di portare un rinvio perché sono tutte sprovviste di moschettone di sosta). Ci sono vie per ogni livello dal 5 all’8c anche se il grado medio resta comunque relativamente alto.

Le falesie sono facilmente raggiungibili a piedi lasciando la macchina nelle aree di sosta o nei piccoli parcheggi a bordo strada, seguendo i sentieri sulla sinistra.
1. Fontaneilles, prima falesia dopo Millau entrando nella vallata del Tarn
2. Rocher de la Muse, ideale per i giorni di pioggia
3. Le Gymnaze, da qui in poi siamo nel cuore del Tarn, costituita da 5 settori
4. Les Baumes Basses
5. Le Cirque des Baumes, la prima falesia ad andare all’ombra
6. L’Entre Deux, settore Gullich escluso, offre molti tiri facili e belli
7. Les Baumes Hautes, 5 settori perfetti per scalare nelle ore mattutine e serali, l’Oasif è il settore giusto per chi cerca l’arrampicata atletica di resistenza e i lunghi run-out in catena.

ARRAMPICARE ALLE GORGES DU TARN, FRANCIA

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale