Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowCarletto Alverà, l'addio ad un'altra bandiera degli Scoiattoli di Cortina

Carletto Alverà 'Lete' durante le riprese di Rosso 70
Photo by arch. Rosso 70
Carletto Alverà ed Ettore Costantini, nel 1941, all'attacco della Dimai - Comici alla parete Nord della Cima Grande di Lavaredo
Photo by arch. fam. Carletto Alverà
INFO / links & info:

Carletto Alverà, l'addio ad un'altra bandiera degli Scoiattoli di Cortina

23.11.2010 di Vinicio Stefanello

Questa mattina è scomparso all'età di 92 anni Carletto Alverà Lete, bandiera del Gruppo Scoiattoli di Cortina, guida alpina e maestro di sci. Con lui se ne va un altro pezzo della storia dell'alpinismo di Cortina e della Valle d'Ampezzo.

Non passava inosservato Carletto Alverà. Non perché si mettesse in mostra. E non certo perché fosse uno che parlava molto. Tutt'altro. Lo notavi subito perché sembrava avere qualcosa di speciale. Forse era il portamento. Forse era quel suo fisico dritto, da atleta, che lo distingueva anche a 90 anni. Perché Carletto era figlio di un'altra epoca, di altre montagne. Ce l'aveva nello sguardo, proprio dentro agli occhi, quella nobiltà antica e sincera. Almeno così mi è parso dalla prima volta che l'ho conosciuto. L'occasione per me è arrivata con Rosso 70, il film che racconta la storia dei 70 anni degli Scoiattoli di Cortina, di cui Carletto Alverà “Lete” è uno dei protagonisti.

Il ricordo di quell'incontro è ancora vivo. Carletto, classe 1918, è una delle bandiere del Gruppo degli Scoiattoli di Cortina. Basti pensare che entrò nel Gruppo nel 1941 e ne fu presidente per 17 anni (dal '57 al '74). Non era tra i 10 giovanissimi fondatori solo perché nel '39 era militare alla Scuola Alpina di Aosta. Maestro di sci e guida alpina dal 1942. Va detto – e non è particolare da poco – che per molti anni fu anche il “barbiere” di Cortina. Carletto, insomma, era conosciuto da tutti, e da sempre.

Tra le sue tante scalate non può essere dimenticata, nel 1941, una delle primissime ripetizioni della Dimai – Comici alla Nord della Cima Grande di Lavaredo. Quella volta con lui c'era il “Vecio”, alias Ettore Costantini, un pilastro tra i fondatori degli Scoiattoli e un alpinista che, con l'altro Scoiattolo Claudio Apollonio, ha legato per sempre il suo nome alla splendida via sul Pilastro della Tofana di Rozes.

Chi sa di alpinismo, sa che per l'epoca salire quella via sulla Nord della Grande era un'impresa. Tanto più che Carletto, come raccontava lui stesso, si “sbagliò” e aprì una variante difficilissima. Pochi lo sanno. Come non molti sanno che era un vero asso con gli sci. Eccelleva nel salto, nel fondo e nella discesa, tanto che più volte fece parte della squadra nazionale di sci. E tra le altre, nel 1943, vinse la gran combinata di Cortina. Carletto, appunto, era un atleta e un uomo di altri tempi. Un vero campione.

Mentre, per il film, ci raccontava la sua storia ci accorgemmo che tralasciava molti particolari. Le sue vittorie e medaglie, per esempio - quelle sono cose che abbiamo saputo dagli altri Scoiattoli. Invece, piano piano, e con una semplicità e normalità che oggi non può non stupire, dalle sue parole emergeva l'essenza stessa di una vita. “Le cose belle” ci disse “sono belle anche quando finiscono”. Una frase che non potrò mai dimenticare. Grazie Carletto.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello