Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowAddio Chloé Graftiaux

Chloé Graftiaux
Photo by arch Graftiaux
Chloé Graftiaux - Freerider, Yosemite, USA
Photo by arch Graftiaux
PORTFOLIO / gallery Portfolio: Addio Chloé Graftiaux
INFO / links & info:

Addio Chloé Graftiaux

23.08.2010 di Planetmountain

Sabato 21/08/2010 Chloé Graftiaux, la campionessa belga di arrampicata sportiva e una delle più forti atlete del ranking mondiale, è morta a causa di una caduta durante la discesa dall' Aiguille Noire de Peuterey (Monte Bianco).

Non sembra possibile, invece lo è. Sabato scorso la giovane climber Belga, Chloé Graftiaux, se ne è andata mentre scendeva dalla cima della parete sud dell'Aiguille Noire de Peuterey nel massicio del Monte Bianco. A Chloé è stata fatale una caduta di 600m mentre, assieme al suo compagno Antoine, era impegnata nella discesa della grande parete simbolo del versante italiano del Monte Bianco. In quel tratto, apparentemente facile, l'ha tradita un appiglio che si è staccato.

La 23enne Chloé Graftiaux era indubbiamente uno dei talenti più importanti e belli dell'arrampicata belga e internazionale. Era conosciuta soprattutto, e forse a torto, per i suoi risultati nelle gare - dopo le vittorie nelle tappe di Vail e Sheffield quest'anno si è aggiudicata il bronzo nella Coppa del Mondo Boulder – confermando ancora una volta la sua estrema versatilità che l'ha vista salire sul podio anche delle competizioni con la corda e conquistare più volte il titolo di Campionessa Belga della specialità Lead.

Ma Chloé non si è certa fermata all'agonismo puro. La sua passione per l'arrampicata era ben più ampia e la portava più in alto e oltre. Quindi anche alle gare di ghiaccio - la vittoria nell' Ice Master World Cup della Valle di Daone nel 2010 conferma la sua estrema polivalenza – ma anche al ghiaccio “vero” del Super Couloir del Monte Bianco e delle cascate più famose, come Polar Circus in Canada.

In inverno poi non potevano mancare le discese ripide di tutto rilievo con gli sci, mentre in estate Chloé trovava anche il tempo per le grandi vie di roccia, dal Verdon allo Yosemite (Astroman, Freerider e The Nose). Ma soprattutto nel massiccio del Monte Bianco, sua tappa fissa ogni estate, dove ha salito grandi classiche come la Voie Contamine e Les intouchables, il Pilastro Gervasutti e il Pilastro Centrale del Freney.

Chloé l'abbiamo conosciuta attraverso le gare, e la cosa che ci ha sempre colpiti erano la sua serietà e il suo impegno immancabilmente uniti ad un bel sorriso. Una felicità, la sua, che la contraddistingueva e che portava ovunque andava. Ci piace pensare che sarà ricordata così, per sempre.

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello