Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowGratta e vinci, nuova via di misto per Florian Riegler

Florian Riegler su Gratta e vinci (120m, M10, WI 5) Passo delle Pedale/Mendola
Photo by Tamara Lunger
I fratelli Riegler su Gratta e vinci (120m, M10, WI 5) Passo delle Pedale/Mendola
Photo by Tamara Lunger
Florian Riegler e Tamara Lunger on the wall
Photo by Tamara Lunger
INFO / links & info:

Gratta e vinci, nuova via di misto per Florian Riegler

28.01.2010 di Planetmountain

Lo scorso dicembre 2009 l'altoatesino Florian Riegler con Hannes Lehmyer e Tamara Lunger ha aperto Gratta e vinci (120m, M10, WI 5) al Passo delle Pedale/Mendola. Il 21/12/09 lo stesso Florian con il fratello Martin ha realizzato anche la prima rotpunkt.

“Non è una via importantissima che cambierà il mondo, ma è molto bella e non ancora ripetuta...”. Così Florian Riegler ci ha presentato la nuova salita di misto che ha prima aperto, in tre round, assieme ad Hannes Lehmyer e Tamara Lunger. E quindi salito in prima rotpunkt con il fratello Martin. Il tutto per 120m in 5 lunghezze con difficoltà di M10, WI 5 al Passo delle Pedale/Mendola (Bz).

Di questi tempi ci piace pensare che porre l'attenzione sulla bellezza sia importante. Tanto quanto, se non di più, del dare le indicazioni sul grado e la pericolisità di queste salite. Dunque, Gratta e vinci - un nome che è già un programma e la dice lunga su questa linea di misto spalmata di ghiaccio - è bella. Soprattutto, ci pare di intuire, per l'esperienza che Florian Riegler ha vissuto su questa parete, tra roccia e sottile ghiaccio.



GRATTA E VINCI di Florian Riegler

Dicembre 2009. Nevica. Parto con la macchina in direzione del Passo delle Pedale, in cerca di una nuova avventura ghiacciata. Percorro l’intera zona per alcune ore: sono sempre più bagnato, stanco e arrabbiato perché vedo solo alberi e neve! Già comincio a valutare l’idea di tornare indietro e rientrare a casa, quando all’improvviso mi ritrovo davanti a una parete di ghiaccio: lascio lo zaino e l’attrezzatura ai piedi della parete e ridiscendo al buio.

Tre giorni dopo torno sul posto con Hannes. Saliamo. Un misto di neve, roccia e ghiaccio ci mette subito alla prova. Alla fine della giornata, stanchi e infreddoliti, scendiamo in corda doppia. L’inizio è fatto e questi primi due tiri di corda sono un vero spasso.

Alla seconda ripresa cerchiamo di superare i difficili metri successivi. Arrampico alcuni metri al di sopra dell’ultimo punto di assicurazione, quando all’improvviso si stacca un “friend” e cado con la corda. Grido forte, Hannes mi chiede se mi sono fatto male. “Tutto okay”, rispondo un po’ sotto shock, ma continuo ad arrampicare. Mi rallegro solo quando posso finalmente costruire una sosta sicura. A questo punto non dovrebbe mancare molto, forse uno o due tiri. Ma per oggi ne abbiamo abbastanza e scendiamo in doppia.

Secondo tentativo: questa volta sono in compagnia di Tamara. Fa molto freddo ma le condizioni del ghiaccio sono buone. Arrampichiamo fino all’ultima sosta per poi proseguire. Il nostro obiettivo è salire. Davanti a noi c’è un tratto molto difficile. Va tutto liscio, riesco a superare il tetto e continuo ad arrampicare sui passaggi di ghiaccio più impegnativi. Dopo oltre 30 faticosi metri raggiungo una piccola nicchia e assicuro Tamara. Seguono solo alcuni metri di roccia, poi siamo sulla neve e scendiamo. Ce l’abbiamo fatta!

2 giorni più tardi. I 5 tiri di corda aspettano ancora un’“arrampicata rotpunkt”. Salgo su con mio fratello. Ho memorizzato bene la maggior parte dei punti difficili e spero di superarli senza commettere errori. Procedo in modo lento e sicuro, il che è piuttosto insolito per me. Va tutto bene, supero i primi tre tiri di corda senza problemi. Poi arrivo al tiro chiave. Sono un po’ nervoso quando arrivo sotto al tetto, non sono sicuro della corretta combinazione di passaggi e devo improvvisare. Mi sembra di aver perso la cognizione del tempo e dello spazio. Mi limito ad arrampicare. A un tratto arrivo in sosta. Oggi sono stato fortunato perché la piccozza non è mai scivolata dalla roccia o dal ghiaccio sottile. Soddisfatto, assicuro Martin. Poco dopo siamo in cima. Oggi abbiamo conquistato la “Gratta e Vinci”!


Gratta e Vinci
Mendola/Passo delle Pedale: prima ascensione mista di 120 metri
Prima salita: Florian Riegler, Hannes Lehmyer, Tamara Lunger
Prima rotpunkt: Florian con Martin Riegler, 21 dicembre 2010
Lunghezza 5 tiri di corda, 120 metri circa
Difficoltà: M10, WI 5
Accesso: dall`Albergo “Grill” ben visibile in 30 min. alla base della parete
Discesa verso destra 15 min fino al punto di partenza
Descrizione la via è stata assicurata da sotto con chiodi e spit. Tutte le soste sono ben attrezzate con due spit
Materiale 10 rinvii, alcuni viti da ghiaccio, 2-3 friends di misura media

Sponsors: Salewa, La Sportiva, Sportler, Grivel , Bio Südtirol

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini