Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowEiter e Puigblanque sono i re del Rock Master 2009

Ramòn Julien Puigblanque ha centrato il suo quarto trofeo ad Arco.
Ramòn Julien Puigblanque ha centrato il suo quarto trofeo ad Arco.
Photo by Giulio Malfer
L'austriaca Angela Eiter ha vinto il suo quinto Rock Master
L'austriaca Angela Eiter ha vinto il suo quinto Rock Master
Photo by Giulio Malfer
Adam Ondra
Adam Ondra
Photo by Giulio Malfer
Mina Markovic
Mina Markovic
Photo by Giulio Malfer
PORTFOLIO / gallery Slide Show

Eiter e Puigblanque sono i re del Rock Master 2009

06.09.2009 di Vinicio Stefanello

L'austriaca Angela Eiter ha vinto il suo quinto Rock Master, lo spagnolo Ramòn Julien Puigblanque invece ha centrato la sua quarto trofeo ad Arco. Con questa vittoria raggiungono i record dei miti Lynn Hill e Francois Legrand.

A volte i campioni ti commuovono.  E mai come questa volta è stato così. Perché il Rock Master è sempre una conquista, nulla è scontato e nulla può essere lasciato al caso. Qui bisogna arrampicare con il cuore, con la testa e con la forza. Bisogna crederci fino alla fine. E' così che Angela Eiter ha scalato l'impossibile classifica risalendo fino a ri-prendersi questo Rock Master. E' con la forza e una progressione innarrestabile che Ramon Julian Puigblanque ha mantenuto la testa della classifica  vincendo alla grandissima. Per Angela è la quinta vittoria del Rock Master per Ramon la quarta. Entrambi raggiungono il top dell'albo d'oro affiancandosi a due mostri sacri come Lynn Hill e François Legrand. E questo dice tutto anche sulla loro grandezza!

Questo è stato il Rock Master delle sorprese che ha unito, nello spazio di un mattino, le grandi delusioni alle più grandi emozioni che solo lo sport ad altissimo livello sa dare. Angela Eiter era quarta dopo la prova on-sight di ieri. Davanti aveva la francese Charlotte Durif, la straordinaria coreana Ja-Jin Kim ma soprattutto Johanna Ernst, la connazionale appena 17enne che dall'anno scorso l'ha spodestata dal trono di regina vincendo tutto quello che c'era da vincere, compreso il Campionato del mondo. Ieri la Ernst era stata l'unica a salire davvero regalmente fino al  top della via. Dunque in questa seconda prova sulla via “lavorata”, chi poteva puntare qualcosa sulla Eiter?

La risposta è arrivata dopo che in campo erano già scese la francese Caroline Ciavaldini, la giovanissima meranese Alexandra Ladurner, la svizzera Alexandra Eyer, la tedesca Juliane Wurm e la slovena Maya Vidmar. Ormai si sapeva che la via era da subito complicata soprattutto nella traversata che chiudeva la prima parte. Era difficile ma anche bellissima quella traversata. Solo la Ciavaldini l'aveva interpretata benissimo ma poi non aveva avuto la forza di proseguire. Meno bene era andata alle altre. Compresa la Vidmar, alla vigilia una delle pretendenti al podio, che è addirittura caduta più bassa dell'esordiente Ladurner. Insomma, anche se nessuna s'è risparmiata la bella lotta che quel traverso imponeva, la speranza di vedere cosa c'era sopra si esauriva sempre di più. Poi, appunto, è scesa in campo Angela Eiter. E da subito si è capito che sarebbe stata lei a puntare su se stessa.

Eiter in versione lottatrice ha sofferto, spinto, rischiato e ha trovato il bandolo di quel traverso davvero perverso. E poi si è lanciata verso l'alto in una cavalcata che il pubblico ha vissuto come una liberazione. La Eiter, spinta dagli applausi, è andata altissima quasi fuori dal grande tetto ad onda spendendo fino all'ultimo briciolo di forza. E' stata grande, come immenso è stato il saluto che il pubblico di Arco le ha tributato. Ci sono ancora, sembrava dire la Eiter. E l'infortunio che mi ha tenuta fuori per un anno ormai è dimenticato. Sì, è stato commovente ritrovare questa campionessa.

Ancora nessuno lo sapeva, ma quell'emozione alla fine sarebbe stata ancora più grande. Dopo la Eiter, è la slovena Mina Markovic a scendere in pista. E' quasi uno spareggio perché le due sono appaiate al 4° posto insieme all'altra slovena, Nataljia Gros. La Markovic innesta davvero una progressione super ma cade toccando proprio la presa che invece aveva tenuto la Eiter prima di terminare la sua corsa. Poi c'è l'inattesa débacle di Natalija Gros, la terza slovena in gara, pure lei vittima dellla traversata malefica. Ma è ancora dopo che succede quello che nessuno si sarebbe aspettato. Ancora devono correre la Durif, la rivelazione Kim ma soprattutto la straordinaria Ernst.

Intanto parte la prima sezione della gara maschile. La via è lunghissima. Sono 60 movimenti e nessuno riesce ad intuire chi potrà davvero andare fino alla fine, se non gli eterni duellanti, il basco Patxi Usobiaga e il catalano Ramòn Julian Puigblanque che con il top della prima giornata comandano la classifica. Oltre, naturalmente, ad Adam Ondra il ragazzino terribile che è al 3° posto provvisorio e che nella prima manche on-sight è arrivato ad un soffio dalla fine della via. I pronostici sono tutti per loro. Ma già da subito è Jorg Verhoeven ad andare con una straordinaria corsa veramente altissimo. L'olandese ieri era andato ben al di sotto delle aspettitive di tutti: solo 12°. Oggi però sembra ritornato ad essere il campione che tutti conoscono, quello che ha vinto la Coppa del mondo 2008. O forse è la via che è troppo facile...

Naturalmente non è così. Su questa corsa che ti massacra pian piano togliendoti un po' alla volta lucidità e forze, uno dopo l'altro cadono tutti, quando ancora il viaggio è lontano dalla fine. E' una sorte che tocca all'ucraino Valeriy Kryukov, al tedesco Thomas Tourpon, ma anche al varesino Flavio Crespi che però dimostra di star ritrovando forma e condizione dopo la lunga assenza dalle gare per infortunio. Cade anche, ben prima di quanto facesse sperare la sua solita travolgente corsa, un campione e guerriero di mille battaglie come Tomás Mrazek. Preceduto nella stessa sorte, e alla stessa altezza, dal francese Romain Desgranges e dallo sloveno Klemen Becan. A differenza dello svizzero Cédric Lachat che ingrana una delle sue solite inattese performance andando quasi a prendere il punto più alto toccato da Verhoeven, cosa che per poco non riesce anche all'austriaco (scatenatissimo) Jakob Schubert.

Insomma sembrava andare tutto come previsto, e ormai si attendeva solo il terzetto di testa quando è arrivata la bomba David Lama. La corsa del 19enne fuoriclasse austriaco è stata da subito travolgente. Un vero treno che ha trovato il modo di “riposarsi” a metà via incastrandosi, spalle alla parete e faccia al pubblico, sotto al grande tetto. Un vero miracolo da cui è ripartito con una progressione che ha fatto balzare in piedi tutto il pubblico. Altro “riposo” incastrato in stile “uomo bicuneo” nel passaggio tra le due pareti, e poi via ancora fino al volo finale con il pubblico tutto in piedi ad accogliere il suo ritorno in terra. Grandioso!

E' così che è arrivato il gran finale. Quello con i primi tre della classifica maschile e femminile che alternativamente sono scesi nell'arena per conquistare il podio. Ma la pressione di una gara come il Rock Master era pronta ancora una volta a giocare il suo ruolo. Così la francese Charlotte Durif cade sempre lì, in basso, nella fossa delle Marianne del traverso. Dal canto suo Adam Ondra inizia una corsa travolgente e, a velocità supersonica, supera in un baleno tutti i passaggi. E' uno spettacolo vederlo salire! Poi però, quando tutti lo pensano già predistinato al top, cade, proprio lì dove è volato anche Lachat. Dall'altra parte tocca Ja-In Kim che, da come passeggia su quel crux che ha fermato tutte, sembra destinata al cielo. Ma non è così: la coreana si ferma all'inizio della grande onda, ben aldisotto della Eiter e della Markovic.

Va tutto o quasi contro pronostico, insomma. Così quando parte Usobiaga nessuno crede a quello che vede: il campione del mondo ha appena iniziato la via quando gli scivola un piede e cade. Anche lui come la Durif ha perso il treno per il podio. E' già incredibile così, ma il massimo arriva quando anche a Johanna Ernst succede l'impensabile: la campionessa del mondo viene giù dopo pochissime prese, lì dove nessuna aveva sbagliato. Anche lei è fuori dal podio, anzi come Usobiaga precipita al 7° posto. Mentre ormai la Eiter è d'oro precedendo di un niente la Markovic.

Quando parte Puigblanque nessuno sa più cosa pensare e soprattutto cosa ancora aspettarsi, fuorché lui che corre con la solita leggerezza saltando e volando da appiglio ad appiglio. Una danza fatta di forza ed eleganza che tra le ovazioni del pubblico arriva lontanissima, quasi a prendere la catena di fine via. Poi c'è solo il tripudio di un pubblico che lo proclama ancora una volta il re di Arco.

Finisce così il 23° Trofeo Rock Master. Con Charlotte Durif e Cédric Lachat al 4° posto, Ja-In Kim e Adam Ondra al 3° ,  Mina Markovic e David Lama al 2°,  e con Angela Eiter e Ramon Julien Puigblanque che arrivano al top dell'albo d'oro del Rock Master ma anche della felicità e della commozione. Una commozione che sicuramente un po' avrà toccato anche Leonardo Di Marino e Donato Lella, i tracciatori delle magnifiche vie di gara. Hanno rischiato molto con queste vie davvero durissime, ma alla fine hanno avuto ragione loro: la gara è stata davvero molto bella. 

Ma è ancora presto per dire la parola fine alla grande maratona del Rock Master: c'è ancora il Duello del Trofeo Ennio Lattisi, e bisogna aspettare il pomeriggio per chiudere lo spettacolo. Così nell'ormai classico ed esaltante duello uno contro uno riservato ai primi quattro del Trofeo Rock Master, Lachat conquista la finale battendo Puigblanque mentre Ondra batte Lama. Nella finalina invece è Puigblanque che dopo una corsa esaltante ha la meglio proprio di un soffio su Lama. Ma lo sprint più emozionante è sicuramente quello del testa a testa per l'oro dove, dopo un recupero prodigioso, Ondra cede di pochissimi centesimi la vittoria a Lachat. Nel duello femminile invece è la Kim che vince battendo la Eiter in finale, dopo che la Markovic aveva conquistato il bronzo contro la Durif.

Tutto questo è successo al Rock Master in una delle gare più belle, emozionanti, imprevedibili ed incredibili che si siano mai state disputate ad Arco. Tutto questo hanno visto, vissuto, applaudito i 10.000 spettatori del mitico Climbing Stadium. Anche loro uno spettacolo nello spettacolo che non mancherà di rinnovarsi il prossimo anno per un appuntamento che già si annuncia unico: lo specialissimo Rock Master che si disputerà dal 16 al 17 luglio 2010 come prova generale per gli IFSC Climbing World Championships che Arco ospiterà nel 2011. Come dire che la Città di Arco continua ad essere il Centro del mondo dell'arrampicata sportiva!

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • La beffa
    Portare Camalot dal 0.3 fino al #1, anche qualche stopper. L ...
    2014-07-18 / Luciano Calvelo
  • Spigolo Ovest - Wiessner - Kees
    Percorsa nel 1978, ma la ricordo perfettamente. Via all'alte ...
    2014-07-13 / renzo%20 Bragantini
  • Spigolo Nord Ovest
    Ripetuta qualche anno fa. Salita magnifica in ambiente stupe ...
    2014-07-12 / renzo%20 Bragantini
  • Spitagoras
    Bella via su roccia da buona ad ottima. Chiodatura da via al ...
    2014-07-07 / Niccol%C3%B2 Antonello