Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowIce World Cup 2009. Bendler e Angelika Rainer campioni del mondo a Saas Fee

Angelika Rainer, Ice World Cup Saas Fee 2009
Photo by Lukasz Warzecha
Ice World Cup Saas Fee 2009
Photo by Klaus Fengler
Angelika Rainer, Ice World Cup Saas Fee 2009
Photo by Klaus Fengler
PORTFOLIO / gallery Slide Show

Ice World Cup 2009. Bendler e Angelika Rainer campioni del mondo a Saas Fee

26.01.2009 di PlanetMountain

Il 24/01/09 a Saas Fee (Svizzera) l'austriaco Markus Bendler e l'italiana Angelika Rainer hanno vinto la seconda tappa della Ice World Cup 2009 di Difficoltà e insieme il titolo di Campioni del mondo di arrampicata su ghiaccio. L'altoatesino Herbert Klammer è 2°. Maria Tolokonina e il russo Pavel Gulyaev vincono la gara di velocità bissando il successo di Daone.

Altra battaglia altra corsa per l'Ice World Cup. Dopo una settimana dalla partenza di Daone, da Saas Fee arrivano conferme ma anche (belle) novità, soprattutto per l'Italia. La prima super conferma è targata Markus Bendler. L'austriaco vincendo anche la prova Lead in Svizzera non solo è il nuovo campione del mondo di ice climbing, ma  ormai è anche il vincitore in pectore della Coppa 2009 Difficoltà, a completamento di un quadriennio eccezionale che l'ha visto conquistare il bronzo nel 2006 e l'argento sia nel 2007 che nel 2008. Una escalation che la dice lunga sulla sua forza, che nessuno ha mai messo in dubbio. Come nessuno ha mai messo in dubbio la forza degli altoatesini Angelika Rainer, vincitrice di questa seconda tappa Lead e nuova campionessa del mondo di ice climbing, e di Herbert Klammer, l'iron man italiano che è arrivato secondo ad un soffio da Bendler ed è quindi il vice campione del mondo.

E' questa riscossa degli atleti italiani, rinforzata dal 4° posto di Jenny Lavarda e dal 9° di Barbara Zwerger, la novità più grande che arriva dall'importante e classica tappa nel “garage” di Saas Fee, trasformato nell'occasione in campo di gioco. Un'autentica arena dell'ice climbing dove, a proposito di conferme, la russa Maria Tolokonina e il connazionale Pavel hanno ribadito la loro leadership nella Velocità bissando la vittoria di Daone e mettendo una pesantissima ipoteca sulla vittoria finale. Senza contare che Maria Tolokonina, con il 3° posto nella Difficoltà, che si aggiunge alla vittoria nella prima tappa, è in piena corsa anche per la vittoria del Trofeo anche di questa specialità.

Certo che a Saas Fee la battaglia non è mancata, come puri i capovolgimenti. Soprattutto nella gara maschile di Difficoltà dove Herbert Klammer, riscattando l'opaca prova di Daone, è stato autore di una formidabile corsa che l'ha visto partire dall'ultimo posto dei qualificati per la finale per poi rimontare fino al 2° gradino del podio, a poca distanza da Bendler. Solo un errore di interpretazione ha fermato l'altoatesino che è riuscito però a distanziare di un soffio il russo Maxim Tomilov, altro escluso dalla finale di Daone, terminato al 3° posto. Al 4° posto, con lo stesso risultato in finale di Tomilov ma spareggiato per le precedenti prove, termina invece Simon Anthamatten che evidentemente, anche giocando in casa, non riesce a tornare sui livelli stellari che gli avevano regalato la vittoria del Trofeo 2008. Alle sue spalle, con il 5° posto, l'ucraino Evgeny Kryvosheytsev, un altro grande dell'ice climbing che si è riscattato dopo la “falsa” partenza di Daone. Mentre chiudono le fila degli altri finalisti l'altro Anthamatten, Samuel, seguito dallo slovacco Juraj Svingal (7°) e dallo svizzero Patrik Aufdenblatte.

Angelika Rainer dal canto suo ha davvero dominato la Difficoltà femminile senza concedere sconti. La 22enne bolzanina è stata impeccabile centrando l'unico top della finale e dimostrando ancora una volta di essere tra le più forti al mondo. Con questa vittoria (la sua seconda consecutiva a Saas Fee) che si aggiunge al buon 6° posto di Daone della scorsa settimana, Angelika si rimessa in corsa per la vittoria finale. Certo sarà un impresa difficile. Tutto si giocherà nell'ultima tappa di Busteni, dove le sue più dirette avversarie, la svizzera Petra Müller (argento a Saas Fee e 4a a Daone) e soprattutto Maria Tolokonina (3a a Saas Fee e 1a a Daone) punteranno sicuramente al top della finale. Un obiettivo che d'altra parte anche Angelika ha già ampiamente dimostrato di saper centrare. Ma anche un top a cui certamente cercherà di arrivare anche Jenny Lavarda che s'è riscatta dalla brutta gara di Daone con un 4° posto, ad un niente dal bronzo della Tolokonina. Come cercheranno di non star indietro le altre big come la francese Stéphanie Maureau (5a a Saas Fee e 2a Daone), la belga Chloe Graftiaux (6a a Saas Fee e 5a a daone) e la ceca Lucie Hrozova (7a a Saas Fee e 3a a Daone).

Insomma dopo l'intermezzo sloveno di Mojstrana dedicato solo alla Velocità, a Busteni ci sarà grande battaglia nella Difficoltà. Soprattutto nella gara femminile. La posta è importante lo dimostra l'episodio che ha portato all'esclusione della bolzanina Barbara Zwerger dalla finale di Saas Fee. Nelle qualifiche Barbara non aveva terminato al top a causa un errore di comunicazione dei giudici, poi nelle semifinali era terminata 8a pari merito con la francese Maureau che aveva però chiuso al top (vero) le qualifiche. I giudici avevano concesso la partecipazione di Barbara alle finali. Da qui la precisazione di Jenny Lavarda che ha sì escluso Barbara Zwerger, ma sopratutto ha restituito a Jenny il 4° posto che le spettava anziché il 7° della semifinale. Una precisazione ineccepibile a termini di regolamento che prevede, infatti, 8 finalisti e lo spareggio degli eventuali pari merito della semifinale con i risultati delle precedenti prove. Fatti analoghi sono già successi anche nella Coppa del mondo di arrampicata, e sicuramente sono il segno che la competizione c'è e anche molto forte e sentita!

CLASSIFICHE WORLD CUP 2009
 - SAAS FEE

difficoltà femminile
1 Angelika Rainer (Italy)
2 Petra Müller (Switzerland)
3 Maria Tolokonina (Russia)
4 Jenny Lavarda (Italy)
5 Stéphanie Maureau (France)
6 Chloe Graftiaux (Belgium)
7 Lucie Hrozova (Czech)
8 Seon Shin Woon (Korean)

difficoltà maschile
1 Markus Bendler (Austria)
2 Herbert Klammer (Italy)
3 Maxim Tomilov (Russia)
4 Simon Anthamatten (Switzerland)
5 Evgeny Kryvosheytsev (Ukrainev)
6 Samuel Anthamatten (Switzerland)
7 Juraj Svingal (Slovakiav)
8 Patrik Aufdenblatten (Switzerland)

velocità maschile
1 Gulyaev Pavel (Russia)
2 Batushev Pavel (Russia)
3 Dimitrov Tihomir (Bulgaria)
4 Dengin Alexey (Russia)
5 Kryvosheytsev Yevgen (Ukrainian)
6 Kolchegoshev Kirril (Russia)
7 Odermatt Urs (Switzerland)
8 Primerov Nikolay (Switzerland)

velocità femminile

1 Tolokonina Maria Russia
2 Shubina Nadezda Russia
3 Filippova Maryam Russia
4 Badalyan Liudmila Russia
5 Petkova Radka Bulgaria
6 Pleskacheva Ekaterina Russia
7 Launits Nadezda Russia

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon