Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowCerro Torre da ovest: il report di Bernasconi e Salini

Fabio Salini e Matteo Bernasconi e lo splendido versante ovest del gruppo del Cerro Torre
Photo by arch. M. Bernasconi, F. Salini
Ritmo Latino sulla Ovest del Cerro Torre di Ramiro Calvo
Photo by Marcello Cominetti
INFO / links & info:

Cerro Torre da ovest: il report di Bernasconi e Salini

Matteo Bernasconi e Fabio Salini raccontano la loro veloce salita e prima ripetizione italiana alla via dei Ragni sulla ovest del Cerro Torre (Patagonia), del 2 dicembre scorso. Dal racconto emerge che il giorno prima sono stati preceduti in vetta da Rolando Garibotti e alcuni suoi amici.

Cumbre! Tutto è andato per il meglio e al di sopra delle nostre aspettative. La logistica, il meteo, la cordata, le condizioni della parete. Martedì 25 novembre Milano Linate, martedì 2 dicembre ore quattordici e trenta siamo in cima al fungo sommitale del Cerro Torre dalla parete ovest per la via dei Ragni. Sono sette giorni in paradiso, una vera festa!

In due giorni ventosi e con pessime condizioni meteo entriamo dall’abitato di El Chalten fino al Circo de los altares. La prima giornata, fino al passo Marconi, ci accompagnano due ragazzi argentini ai quali carichiamo quindici chili di materiali e viveri (noi ne abbiamo venti a testa, una legnata!). L’indomani ci troviamo da soli e con trentacinque chili di carico ciascuno da trasportare fino al Circo de los Altares, fortuna che siamo una spedizione leggera! Gli sci che ci siamo portati da casa e i trinei (slitte) noleggiati a chalten si rivelano fomdamentali per poter coprire i dodici chilometri che ci separano dal Marconi al Circo de los Altares.

Il tempo è ancora cattivo ma noi siamo decisi, in soli due giorni abbiamo raggiunto “il Circo”. La domenica si apre ai nostri occhi uno scenario grandioso. Siamo in uno dei posti più belli al mondo, in quel momento per noi il più bello! Dopo le prime fasi convulse di foto, riprese e parole urlate, ci assale la paura di non avere approfittato di quella giornata fantastica per salire. Il nostro fisico però non saremmo riusciti a muoverlo, siamo stanchi di brutto, le due giornate precedenti ci hanno segnato.

Il primo dicembre alle quattro di mattina stelle a perdita d’occhio sopra lo Hielo Continental e assenza di vento ci fanno ben sperare per il nostro tentativo, “intentar” si  dice da queste parti. L’obiettivo è raggiungere l’Helmo, il fungo di neve posto sopra il colle della Speranza e bivaccare per la notte, ma il troppo caldo scolla ghiaccio dalle pareti e neve dai pendii, decidiamo di fermarci in una zona riparata, trecento metri sotto al colle.

L’attesa in mezzo al far west è snervante, pendii che scivolano in continuazione, il Torre che si sbarazza di corazze di ghiaccio e noi che ci caghiamo addosso per paura di dovere abbandonare. Ci proponiamo di partire comunque per il tentativo durante la notte. Niente sole, niente scariche, speriamo… La sera stessa poco prima del tramonto il profilo del Cerro Torre è fissato nella nostra testa in ogni particolare, non fatichiamo ad individuare una sagoma che sale l’ultima lunghezza del fungo e poi scompare dentro quello che intuiamo essere uno dei tanti buchi che si formano (o si scavano!) per superare lo strapiombo di neve e ghiaccio sommitale.

Alle due e trenta di mattina non è proprio che tutto taccia, ma i crolli sono di gran lunga diminuiti e in breve ci troviamo all’Helmo, la scalata è rapida e l’intesa perfecta! Ancora un paio di lunghezze e incontriamo Rolando Garibotti che scende. Ci informa che con un gruppo di amici ha salito la ovest, ci hanno preparato il foro per sbucare dal fungo. Il lavoretto ha richiesto quattro ore di scavi (!) se lo incontriamo a Chalten gli offriamo una cervecita… Grazie Rollo!

Dopo undici ore di scalata indimenticabile siamo nell’unico posto dove vorremmo essere, in cima al Cerro Torre, che festa! Il pensiero va ai Ragni e alla loro salita, visionaria per l’epoca, portata al successo nei primi anni settanta, chapeau! Resta la discesa da gestire con attenzione, siamo inebriati e stanchi, ma consapevoli di questo. Tutto scorre alla perfezione, il tempo rimane stabile, non abbiamo pressioni di alcun genere fatta eccezione per le scariche che ci “impongono” di trascorrere un’altra notte nel nostro accampamento, di scendere dai pendii finali non se ne parla, sarebbe un suicidio e queste giornate ci terremmo a conservarle per un po’ nella memoria… La discesa dai pendii finali la affrontiamo di notte, chiaramente senza vento, oramai ci siamo abituati bene.

Con la prima luce siamo alla tenda, increduli che la Patagonia, terra avara di regali, ci abbia concesso queste giornate di alta pressione e assenza di vento, un sogno! Rientriamo a El Chalten, partendo dal Circo de Los Altares la notte, dodici ore di cammino con una “mochilla” esagerata, ma il carico è alleggerito dalla cima raggiunta. È fatta, festeggiamo con due Aulin ciascuno e ci lanciamo nella notte de El Chalten.

Fabio Salini – Matteo “Berna” Bernasconi


Fabio Salini, valtellinese, 38 anni, è guida alpina e istruttore. In montagna lavora, trascorre le sue ferie ed impiega quasi tutto il suo tempo libero. Pratica scialpinismo, invernale e primaverile, sale e scende per creste e pareti in tutti i mesi dell'anno. Gli itinerari classici lo affascinano, quelli moderni lo divertono. D'inverno si dedica alle cascate di ghiaccio, molte.

Matteo Bernasconi, 26 anni di Villaguardia, Ragno di Lecco ed aspirante Guida Alpina. Al suo attivo conta la prima salita del San Lorenzo (Patagonia) con Giovanni Ongaro e ad Hervè Barmasse e Lorenzo Lanfranchi. Ha partecipato al tentativo al Cerro Piergiorgio del 2006.

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Tovaric
    Via stupenda, gradi stretti e numerosi passaggi obbligatori, ...
    2013-12-16 / MICHELE LUCCHINI
  • Don Quixote
    Che dire di questa stupenda via......quando l'ho ripetuta er ...
    2013-12-01 / moreno rossini
  • Re Artù
    semplicemente fantastica,da divertirsi andate a farla. solo ...
    2013-11-24 / moreno rossini
  • La Salvana
    bella via di media difficoltá con in realtá pochi spit ma ...
    2013-09-28 / Armin Craffonara