Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowTough Enough, sfida internazionale sul Tsaranoro nel Madagascar

Arnaud Petit salendo il 9° tiro denominato Gecko, 8b+, Tough Enough, Tsaranoro, Madagascar
Photo by Pierre Lesne
Sylvain Millet salendo 8° tiro denominato Mora Mora e gradato 8b+, Tough Enough, Tsaranoro, Madagascar
Photo by Arnaud Petit
Tough Enough (380m, 8b+), Tsaranoro, Madagascar
Photo by Pierre Lesne
PORTFOLIO / gallery Slide Show
INFO / links & info:

Tough Enough, sfida internazionale sul Tsaranoro nel Madagascar

10.11.2008 di Planetmountain

La storia di uno sforzo collettivo per liberare tutti i tiri di una delle big wall più difficili del mondo, Tough Enough 8b+ 400m sul Karambony, massiccio del Tsaranoro, Madagascar.

Nel 2005 una spedizione tedesca composto di Daniel Gebel, Ari Steinel, Uschi Beer e Joachim Seitz ha aperto una nuova via sulla parete est del Karambony nel massicio del Tsaranoro a Madagascar. All'epoca Daniel Gebel era riuscito ad aprire la via dal basso e salire 2/3 dei tiri fino all’ 8b in libera e A3 in artificiale, ma Gebel si era ammalato e la rotpunkt completa di conseguenza è saltata.

Ormai però la sfida, che aveva preso il nome di "Tough Enough" (alias: duro abbastanza…), era stata lanciata. Così nel 2007 un gruppo composto da François Legrand, Giovanni Quirici, Greg Sobzack e Evrard Wendenbaum si era messo al lavoro, modificando leggermente la via per seguire una linea più logica. Poi il team aveva liberato 5 dei 10 tiri, lasciando quindi il cantiere ancora aperto, con quattro tiri stimati 8c e uno 8c+.

Nell’aprile del 2008 la big wall ha visto l'arrivo degli inglesi James McCaffie e Dave Pickford che, dopo la rottura di una presa chiave, hanno liberato il terzo tiro stimandolo di 8b. A giugno invece è stata la volta di Stéphanie Bodet, Sylvain Millet, Laurent Triay e Arnaud Petit, che si sono reccati sull'isola con un mese di tempo ed un solo obiettivo: liberare tutti i tiri restanti per raggiungere la cima.

I francesi si sono messi subito al lavoro e Arnaud ha liberato il settimo tiro, il traverso sotto il tetto, gradandolo di 8b. Sull’ottavo tiro (quello con difficoltà stimate attorno all’ 8c+) Laurent Triay ha spittato una linea a sinistra e dopo due giorni di perlustrazioni Sylvain Millet è riuscito a liberare questa placca perfettamente verticale di 40m dandole il grado di 8b+. Poi Arnaud Petit ha concentrato gli sforzi sul nono tiro, un altro eterno viaggio di 50m e 130 movimenti… però le condizioni climatiche proibitive l’hanno spinto a desistere per liberare invece il decimo tiro. Con il grado di 8b quest'ultimo è diventato un vero è proprio passaggio chiave per raggiungere il top. Ma ormai il tempo era scaduto e anche l’equipe francese ha dovuto tornare in patria. Il bilancio era impressionate ma ancora imperfetto: tutti i tiri erano stati liberati tranne il problematico nono tiro. Viste le forze in campo, evidentemente la sfida era davvero tough enough!

Poiché a settembre Arnaud era di nuovo in parete, evidentemente la sfida gli era entrata nella testa proprio bene! Il grimper francese spiega: "Mentalmente il nono tiro, chiamato Gecko, è il più difficile perchè è molto, molto lungo. Man mano che sali perdi la sensibilità dei piedi. Bisogna aspettare le condizioni giuste, anche se i giorni di vento con temperature al di sotto dei 20°C sono molto rari sul Karambony. Bisogna immaginarsi 50m di placca verticale con passaggi di 7a blocco, e a volte anche un po’ di più, che si susseguono senza buoni riposi. A giugno non avevo avuto buone condizioni per i miei 3 tentativi, infatti sono caduto 3 volte proprio verso la fine del tiro. Quando poi sono tornato a settembre era ancora peggio... era ancora più caldo, circa 28°C, pensavo che sarebbe stato davvero dura. Per fortuna l'ho fatto al primo tentativo. Ci sono alcuni sezioni dove ero proprio al mio limite, bisognava lottare per bene e cadere dopo 40 minuti di combattimento con le dita rovinate è davvero deprimente."

Per la cronaca, due giorni più tardi il talentuoso Yann Ghesquiers si è calato lungo questo tiro per piazzare i rinvii poi, in un momento di grandissima ispirazione, è riuscito a salire il tiro al primo tentativo, siglando una performance davvero impressionate.

Con tutti i tiri liberati singolarmente, quello che ovviamente rimane ora ancora in sospeso è la prima salita in giornata. Arnaud spiega il tutto in modo chiaro: "Bisogna dire che concatenare tutti i tiri in giornata è una delle più belle sfide dell'arrampicata sportiva del momento, la qualità della roccia è eccezionale e la varietà dei tiri è senza dubbio all'altezza delle difficoltà." Quindi: Avanti i prossimi abbastanza duri!

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Campanile di Val Montanaia - Via Normale
    Per precisazione:"la sosta a spit" si incontra sul secondo t ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Evergreen
    Ho salito la via questa estate e naturalmente ci siamo conge ...
    2014-10-20 / francesco gherlenda
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello