Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrowViaje en España

Climbing in Alquezar
Photo by Penna
El Cavernicola 8a+
Photo by Ghiardo
El Cavernicola 8a+
Photo by Giusto
Sandro
Photo by Ghiardo
PORTFOLIO / gallery Portfolio: Viaje en España
INFO / links & info:

Viaje en España

25.06.2008 di Raffaella Cottalorda

Il viaggio arrampicata di Raffaella Cottalorda per le falesie di Spagna, da Siurana a Margalef e Terradets, da Rodellar a Riglos, Vadiello, Alquézar, Cuenca e Albarracin, un vademecum per orientarsi e per programmare la vostra prossima vacanza.

Bene, neve all'inizio del cammino? Beh, non è proprio così... è solamente brina, comunque un freddo porco, dannazione! Sopra sole e vento, sotto nebbia: tutte le falesie di Siurana e dintorni risultavano avvolte dal freddo umido e, per farci innervosire, giusto qualche metro sopra... sole! MAMMA MIA, che nervoso! La calda Spagna non era poi così caliente, temperature severe! Solo la bella Margalef (falesia di conglomerato) ci ha lasciato indossare per qualche mezza giornata canotte e top e alla fine qualche risultato è arrivato...

Dopo giorni di nebbia, pioggia e umido solo qualche dì ci ha graziati donandoci qualche ora di sole e così, dopo aver chiuso un po' il braccino e moschettonato qualche piccolo sogno, siamo fuggiti.... direzione di una ormai famosa grotta: la cueva de Santa Linya. Sembra incredibile, ma nei dintorni della cueva esistono una marea di altre falesie di rocce differenti che offrono arrampicate per tutti i gusti! (info. Presso il bar Torres di Ager)

Se un italiano in genere pensa che la Spagna sia un paese caldo si potrebbe rendere conto che in effetti non è proprio così: il clima spagnolo risulta infatti un clima continentale con elevate escursioni termiche, soprattutto in inverno, tra la notte ed il giorno. Spesso nella cueva la temperatura risulta meno piacevole che a Finale in pieno inverno. Il periodo ideale per l'arrampicata rimane comunque l'inverno, sperando nel sole.

Se ci si sposta leggermente verso terreni più interessanti, a soli 25 minuti da Ager si trova la bella Terradets che racchiude in una sola grande forra differenti settori, comprese molte vie lunghe. L'arrampicata si presenta molto più elegante, con canne, tacche e svasi: il settore più famoso, Les Bruixes, da la possibilità di arrampicare in tutti gli stili, ma anche qui, come nella cueva, è meglio presentarsi con un livello 7 mas per potersi divertire. L'unico grave problema di questa falesia è la nebbia che si alza dal lago sottostante, molto frequente in pieno inverno... con un po' di fortuna la si potrà veder alzarsi verso le 12 (ora in cui la falesia inizia ad andare al sole.

Passeggiando per l'Aragon... nella bella provincia di Huesca, dove compaiono le montagne della Spagna, i Pirenei, si trovano forse non tantissime falesie chiodate, ma sicuramente tanta roccia, delle migliori per l'arrampicata sportiva e le vie lunghe a spit: caliza y conglomerado dominano! Pare che, oltre a Rodellar, esistano altre belle falesie: Riglos, Vadiello, Alquézar e per l'estate - entrando più verso i monti, direzione Spagna - non escluderei di passare nella valle che da Ainsa-Sobrarbe sale in direzione di Bielsa, là roccia e fresco non mancano! L'ultimo spot che troviamo prima del tunnel di Bielsa in direzione Francia è una falesia a canne, stile Spagna, chiodata però da un equipe francese.

Qualche osservazione su Alquézar... il periodo migliore per frequentare queste falesie è sicuramente la primavera, stagione in cui la piana di Huesca e la serra de Guara incomincia a fiorire (inizio Marzo) e ci si rende finalmente conto del perché gli spagnoli hanno così tanta carenza d'acqua: ci sono campi e coltivazioni, frutteti e oliveti ovunque.
Ritornando all'arrampicata, i settori si trovano tutti intorno al paese e sono facilmente trovabili e riconoscibili, vi sono muri verticali a buchi con vie piuttosto storiche e alle volte un po' patinate, grotte veramente molto strapiombanti con, alle volte, un uso spropositato della sica.
Il paese è molto tranquillo ed è la principale meta di turismo di tutta la serra de Guara, infatti nel borgo si possono trovare due rifugi, alberghi e case in affitto in quantità, gli unici problemi che si possono avere se non si prenota in anticipo riguardano il periodo della Semana Santa dove, sembra incredibile, ma pare tutto prenotato.

Le falesie di Vadiello si trovano a soli 15 Km da Huesca in una zona molto bella e particolare, dove i colori mi ricordano il mio mare, infatti in fondo alla valle si trova una diga costruita nel conglomerato e circondata da vegetazione mediterranea, diverse vie facili sono chiodate in posti molto suggestivi, le falesie hard sono invece a pochi metri dalla strada. I settori più interessanti sono quelli della Caverna, Los Bombos e la Pared del muerto (a 10 m dalla strada), l'arrampicata è sia su calcare che su conglomerato il secondo risulta essere più interessante nelle ve lunghe che non nelle falesie.

Forse Cuenca è una delle falesie più storiche e conosciute dai tempi dei tempi: è bella! Il suo fascino sta nella città, nella storia, nella leggenda e nell'arrampicata, ma anche in tutte le altre attività che accompagnano la vita del capoluogo. Questa magnifica regione cantata nelle avventure di Don Chischiotte è un luogo da relax, la stessa città offre luoghi verdi alternati a zone di traffico cittadino e zone pedonali di solo turismo, la città vecchia domina la nuova.
Le falesie, piuttosto severe e con prese tendinee (biditi, biditi e monoditi) si possono raggiungere anche in bicicletta o a piedi e si trovano (le principali) nei due canyon che conducono alla città (Hoz de Jucar e Hoz de Huecar).

Albarracin è l'unica zona di blocchi che abbiamo visitato degna di essere ricordata. E' il regno della famosa arenaria rossa, tanto famosa e bella quanto costosa per alloggiare, pare che per due sole persone il dormire sia molto dispendioso a meno che non si disponga di Camper o furgoni. Per trovare informazioni arrampicatorie e non, è bene informarsi andando a prendere una birra al Mulino del Gatto, locale affascinante, anche solo per una visita a mo' di museo.


LUOGHI & INDIRIZZI

Siurana
pernottamento presso camping di Siurana (Tony Arbonés), bungalows, piazzole per tende, camere
Rifugio di Cornudella de Montsant (climbing planet) con ingresso lato strada, meglio presentarsi dopo le 17.

Margalef
Rifugio in Margalef (chiuso solo il 25-26 Dicembre) tel.+34 977 81 90 08 cell. +34 677 61 10 98 Jordi Pou, costo pernottamento a persona ~ 7€ (in genere si trova posto!)

Santa Linya
Il posto più vicino pare sia Ager, paese che ospita diversi alimentari (probabilmente d'estate ci sono molti turisti) diversi anziani affittano camere per 12-15 €, senza però uso cucina!
Casa Portolà - Ager (Lleida) tel. +34 973 45 51 42 - 25 min. dalla cueva

Terradets
Alberg Refugi Cerlers aperto dai primi di Febbraio, costa 10-12 €
Camping Zodiac aperto tutto l'anno, ma meglio presentarsi dopo le 18, qui si affittano bungalow o appartamenti (prezzo da trattare se ci si ferma più tempo).

Bielsa
Per raggiungere la falesia: (dalla Francia) 5 Km dopo Bielsa la strada attraversa un ponte subito dopo si può osservare un canyon che scende sulla sinistra, posteggiare a bordo strada. Seguire un sentiero che risale il canyon, dopo pochi minuti si trova una piccola barra rocciosa da lì prendere alla sua sinistra una ferrata che conduce fino alla falesia. Attenzione chiodo français! :)

Alquezar
Escuela - Refugio Alquézar tel.+34 974 318 966, era@prames.com
Il gestore e tutto lo staff sono molto cortesi, inoltre si può usufruire di internet, una biblioteca interna e una sala d'arrampicata, l'edificio è facilmente riconoscibile si trova in cima al paese proprio nella calle che conduce al sentiero per le falesie. (N.B. se ci si presenta con la tessera CAI il prezzo per dormire si aggira intorno ai 8.9 € invece di 14.5)
Camping Alquézar tel. +34 974 31 83 00 camping@alquezar.com www.alquezar.com , tenda in campeggio circa 9 €, albergo campeggio circa 11€, bungalow per 2 persone circa 40€ al giorno
Refugio la Era tel.+34 974 31 84 31 info@refugiolaera.com www.refugiolaera.com

Vadiello
Il posto più vicino e con più offerta per alloggiare è Huesca, a Vadiello non esistono strutture ricettive per il turista.
Uno dei settori più gettonati dai locals è la caverna, facilmente raggiungibile, il parcheggio si trova sulla sinistra prima del primo tunnel che si incontra e il sentiero di avvicinamento scende sulla destra in direzione del canyon: 5min con alcuni metri di corda fissa.

Cuenca
Tanti affittacamere e Hostal non economicissimi 15/20 € a testa. Altrimenti uscendo un po' dalla città, si trova Casa Soqui a Palomera (7Km da Cuenca) dove per soli 15 € (meno in caso di permanenze prolungate) si può avere una stanza da mille e una fiaba con bagno a parte e colazione molto abbondante compresa nel prezzo.
www.elencantodepalomera.com casasoqui@elencantodepalomera.com tel. +34969256100 - cell. +34619280825

Albarracin
Il Camping offre bungalows da circa 60 € al giorno (4 pers.) e i vari hostal e affittacamere dispongono di doppie da minimo 15 € a testa, il posto più economico sembra essere la Meson del Gallo www.mesondelgallo.es
tel. +34 978 71 00 32

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale