Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrow16° Piolet d'or: Himalaismo in stile alpino

Chomolari
Photo by arch. Marko Prezelj e Boris Lorencic
Manaslu
Photo by Denis Urubko e Sergey Samoilov
Kedar Dome
Photo by arch. Ian Parnell e Tim Emmett
Shingu Charpa
Photo by arch. Igor Chaplinsky, Andrei Rodiontsev e Orest Verbitsky
PORTFOLIO / gallery Slide Show

16° Piolet d'or: Himalaismo in stile alpino

24.01.2007 di PlanetMountain

Venerdì 26 gennaio 2007 a Grenoble sarà assegnata la "Piccozza d'oro" il riconoscimento alpinistico istituito dalla rivista francese Montagnes magazine e destinato alla migliore realizzazione dell'anno appena trascorso. In lizza 5 nomination ad altrettanti team internazionali.

E' tempo di Oscar anche per l'alpinismo. L'appuntamento con il 16° Piolet d'Or, come sempre organizzato e promosso dalla rivista Montagnes Magazine, è per venerdì 26 gennaio 2007 a Grenoble. Dove, in una speciale serata (l'inizio è alle 20,00), i cinque team che sono stati prescelti per altrettante salite effettuate nel corso del 2006 presenteranno al pubblico le loro realizzazioni e verrà assegnata quella (ambita e prestigiosa) piccozza d'oro che va a premiare la "salita dell'anno" appena trascorso.


Vi avevamo già anticipato che, anche in quest'anno, seguendo del resto la tendenza di questi ultime edizioni del Premio, le nominations riguardano tutte salite effettuate da team leggeri o "leggerissimi"che hanno aperto nuovi itinerari. Insomma, anche quest'anno i riflettori di quello, che in molti considerano il massimo riconoscimento alpinistico, sono puntati sullo "stile alpinino" e sull'esplorazione, ovvero tutta l'attenzione è riservata allo stile che in molti considerano il più puro. Inoltre tutti e 5 le candidature riguardano salite himalayane.

Della cinquina in "corsa" per il "Piolet 2006" fanno parte: gli sloveni Marko Prezelj e Boris Lorencic per la loro impresa sul Chomolari; i britannici Ian Parnell e Tim Emmett per il Kedar Dome; i kazachi Denis Urubko e Sergey Samoilov per il Manaslu - già vincitori del Piolet Asia per la stessa via e già nominati allo scorso Piolet per la loro via sul Broad Peak; gli ucraini Igor Chaplinsky, Andrei Rodiontsev e Orest Verbitsky per il Shingu Charpa; lo sloveno Pavle Kozjek per la sua veloce solitaria in giornata sul Cho Oyu.

A far parte della giuria internazionale sono stati chiamati il russo Yuri Koshelenko (Presidente della giuria, e già Piolet d'or 2003 con Valéry Babanov per la loro salita del Nupse), lo svizzero Michel Piola, gli americani Steve House e Vince Anderson (Piolet d'Or 2005 per la loro via sul Nanga Parbat), il francese Christian Trommsdorff (già nominato al Piolet 2005 per la via ), ed inoltre il coreano Im Duck Yong (fondatore dell'Asian Piolet d'or), Vinicio Stefanello (PlanetMountain.com) e la redazione della rivista francese Montagnes Magazine. Quest'anno, invece, non farà parte della Giuria il Group d'Haute Montagne (Ghm) mentre, come accade da due edizione, oltre al Piolet dei giurati sarà assegnato anche quello "speciale" votato dal pubblico.

Buon Piolet a tutti!

I CANDIDATI AL 16° PIOLET D'OR

Marko Prezelj e Boris Lorencic (Slovenia) per la nuova via sul pilastro ovest del Chomolari (7326 mt - Tibet)
Queste due guide slovene hanno aperto una magnifica linea sul versante tibetano del Chomo Lari, stupenda cima tentata solo 4 volte dopo la prima salita dal versante sud nel 1937. Aldilà delle difficoltà tecniche, Marko ha dovuto appellarsi alla sua grandissima esperienza himalaiana per trovare la via migliore e per scegliere la migliore tattica. I due himalaisti erano accompagnati da 4 compatrioti che contemporaneamente hanno aperto un itinerario di ghiaccio a sinistra del pilone.
Lunghezza della via 1950m
Numero dei giorni trascorsi sulla montagna: 4 giorni d’ascensione, 2 giorni per la discesa dalla stessa via dal 13 al 18 ottobre 2006
Difficoltà: VI, misto M6

Ian Parnell e Tim Emmett (Gran Bretagna) per la nuova via sul pilastro sud-est sul Kedarnath Dome (6830 mt.) India. Due itinerari che non arrivano in cima ed aperti da 2 grandi spedizioni, una ungherese ed una polacca nel 1989 e nel 1999 con largo impiego di mezzi, percorrevano già il vasto versante Est del Kedar Dome. Ian Parnell e Tim Emmett hanno tentato la cima in stile alpino con pochissimo equipaggiamento affrontando le molteplici zone di roccia lungo la linea logica del pilastro sud-est. Tim Emmett è uno dei migliori scalatori britannici abituato alla scalata “esposta”. Salire in libera e a-vista il passaggio chiave (6c) a 6.000 metri di altitudine è stata secondo lui una delle sue più belle imprese come arrampicatore.
Lunghezza della via: 2.000m
Numero dei giorni trascorsi sulla via: 7 giorni di ascensione, 2 giorni di discesa dall’1 al 9 ottobre 2006
Difficoltà: engagement VI 6c expo, misto M3

Denis Urubko e Sergey Samoilov (Kazakshstan) per la nuova via sul versante nord-est del Manaslu (8163 metri) Nepal
Dopo la notevole impresa dell’anno passato, quando hanno aperto in stile alpino una via sul versante sud del Broad Peak (8047 metri), i kazachi Denis Urubko e Serguey Samoilov hanno aperto nello stesso stile una nuova via sul versante nord-est del Manaslu. Mai salito dalla sua base alla cima nella sua integralità, questo versante presenta un attacco complesso con numerosi pendii tagliati da crepacci e si conclude con un bastione di misto sostenuto a più di 7.000 metri di quota. Per questa ascensione la coppia ha già ricevuto il primo Piolet d’Or Asia il 10 novembre scorso a Seoul (Korea).
Lunghezza della via: 3200m
Numero di giorni trascorsi sulla montagna: 4 giorni di ascensione, 2 giorni di discesa per la via normale sul versante nord, dal 4 al 9 maggio 2006
Difficoltà annunciate: engagement VI, roccia 6°, ghiaccio e terreno misto a 70°

Igor Chaplinsky, Andrei Rodiontsev e Orest Verbitsky (Ucraina) per la nuova via sulla parete nord del Shingu Charpa (5.600 metri) Pakistan
Questa equipe di ucraini è riuscita con scarsi mezzi a compiere la prima ascensione di questa linea che era già stata avvistata da lungo tempo dagli alpinisti esploratori del Karakorum in Pakistan. Qualche giorno dopo gli americani Kelly Cordes e Josh Wharton hanno ripetuto l’itinerario confermando sia le difficoltà già annunciate dagli ucraini che la bellezza della sfida.
Lunghezza della via: 1550m
Numero dei giorni passati in montagna: 5 giorni di ascensione, 2 giorni di discesa per lo stesso itinerario. Luglio 2006
Difficoltà annunciate: engagement VI, roccia 7°+, misto sommitale M5

Pavle Kozjek (Slovenia) per per la nuova via in solitaria e in meno di 15 ore sulla parete sud-est del Cho Oyu (8201 metri) in Nepal
Quest’anno è l’unica solitaria di un itinerario difficile su una vetta di più di 8.000 metri. Pavle a 47 anni è anche il primo himalaista a raggiungere un simile vetta dal campo base in una sola giornata. Seguito da qualche compagno alla partenza della via, Pavle ha raggiunto la cima con più di un giorno di anticipo.
Lunghezza della via: 2000m
Numero di giorni passati sulla montagna: il 2 ottobre 2006, ascensione fino alla vetta e poi discesa al campo 2 lungo la via normale sul versante ovest, a 7.000 metri
Difficoltà annunciate: engagement VI, roccia 4+ a 7200 metri, neve e ghiaccio a 60°

Condividi questo articolo

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon
  • Diretta Consiglio
    Salita tanti anni fa, nel 1969, ovviamente senza friend (che ...
    2014-08-18 / renzo%20 Bragantini
  • Welcome to Tijuana
    Ieri sabato 02 agosto, io e il mio compagno Aldo Mazzotti, s ...
    2014-08-03 / Gianni Canale