Home page Planetmountain.com

arrowNewsarrow"Bisogna essere veloci per descrivere le nuvole": nuova via per Manolo

"Bisogna essere veloci per descrivere le nuvole": nuova via per Manolo

20.09.2005 di

Maurizio "Manolo" Zanolla, sulle Vette Feltrine (Dolomiti BL), il 16 e il 25 agosto 2005 ha aperto, e il 14 settembre 2005 ha liberato, "Bisogna essere veloci per descrivere le nuvole" (130m; 8a+ max, 7b/c obbl). Compagni di scalata Diego Dalla Rosa, Walter Belletto e Daniele Lira.

Vette Feltrine, Manolo

Vette Feltrine. Una parete che non ha nemmeno un nome ma solo una quota, dice Manolo. Una nuova via, nata quasi per caso. La compagnia di tre amici: Diego Dalla Rosa, Walter Bellotto e Daniele Lira. Un'arrampicata bellissima, in un ambiente 'fuori mano' e solitario. Nasce così 'Bisogna essere veloci per descrivere le nuvole' 5 tiri (8a+ max; 7b/c obbl.) che Manolo ha aperto il 16 e il 25 agosto scorsi, e che ha poi liberato il 14 settembre. Bellissima roccia (vedi foto). E bellissima arrampicata, assicura il Mago. C'è da credergli!
Una via con pochi e misurati spit, vorremmo aggiungere noi, quindi: "occhio!". Ma forse è un dettaglio, perchè: bisogna essere veloci per descrivere le nuvole'.

vette Feltrine, Manolo
BISOGNA ESSERE VELOCI PER DESCRIVERE LE NUVOLE
Vette feltrine (BL)
di Maurizio "Manolo" Zanolla

"Tutte le volte che attraversavo le Vette feltrine, lungo quello che è uno fra i più bei sentieri alpini che conosca, il mio sguardo inevitabilmente scivolava su quel circo impressionante di rocce che chiude il vallone sopra Aune, e finisce con un profilo affilato e selvaggio verso la pianura.Era un angolo, verticale, delle mie montagne che nascondeva ancora qualcosa capace di farmi sognare.

Un giorno tentai di scoprire qualcosa di più e mi ero quasi perso in una nebbia fitta come non mai, quando un colpo di vento scostò per un attimo la nuvola più densa, scoprendomi seduto su una cresta erbosa talmente esposta che sembrava la cabina di un elicottero e sopra un muro dritto e talmente liscio da contenere tutto il fascino possibile. La nebbia mi riavvolse ancora più densa e qualche fiocco di neve mi soffiò in faccia la sera, e tutto rimase coperto… per qualche anno.

Diego è stato uno dei miei primi compagni di cordata, anzi probabilmente il compagno di cordata finché la vita e i gradi ci hanno portato da altre parti. Ma tutto questo, e molte altre cose, accadeva quasi trent'anni fa… credo fosse molto curioso di vedere come erano cambiate le cose.
Walter  mi ha accompagnato in molte salite, comprese quelle infinite fra i tornanti dolomitici, persi e piegati, sull'altra grande passione, la bicicletta… credo fosse anche lui curioso di vedere… Daniele per farmi un favore e finalmente respirare un po' d'aria fresca, almeno per un giorno.

La via sfila nei punti più deboli sul filo dello spigolo in un ambiente davvero particolare  vicino a casa e  lontano dall'ipocrisia.

vette Feltrine, ManoloCos'altro aggiungere? Forse che sul secondo tiro potevo risparmiare uno spit e aggiungere un bell'obbligatorio, ma quella placca inclinata mi sembrava un 'sentiero' e mi sono infilato fino a sbattere contro il passo più duro della via. Risultato: che stò diventando vecchio, braccia grattugiate e decisione avventata.

Sul quarto, invece, ho aggiunto uno spit dopo aver superato l'obbligatorio: peccato era un piccolo capolavoro ma quando ho liberato la via mi fatto molto piacere trovarlo quello spit.

E' una via molto bella sottile ed elegante, libera come le nuvole anche se probabilmente socialmente inutile...

di Manolo


Scheda Via "
BISOGNA ESSERE VELOCI PER DESCRIVERE LE NUVOLE" - Vette feltrine
Prima salita: Manolo in due giorni accompagnato da Diego Dalla Rosa il 16/08/05 e da Walter Bellotto il 25/08/05, liberata il 14/09/05 accompagnato da Daniele Lira.
Sviluppo: 130m
Difficoltà: 8a+ max; 7b/c obbl.
Lunghezze: L1 7c (28m 4 spit); L2 8a+ (30m 6 spit); L3 7b (27m 3 spit); L4 8a (25m 4 spit); L5 7a/b (20m 3 spit)
Materiale
: necessari 6 rinvii e corda da 60m
Tipo di scalata:
piuttosto tecnica, non richiede una preparazione atletica elevata se non una buona forza di dita, ma la distanza di alcune protezioni suggerisce però la ripetizione a chi ha il livello per le difficoltà dichiarate, poiché in un paio di punti i voli potrebbero essere molto pericolosi.
Peridodo: La parete raggiunge circa i 2000m ed è esposta a sud quindi neve permettendo agibile per buona parte dell'anno.
Accesso:
Dal paese di Aune (891m) seguire le indicazioni per il sentiero (inizialmente si sale per strada cementata) n 810 che porta alla casera Monsampiano. Quando il sentiero svolta decisamente a destra continuare diritti per il vallone in direzione della 'Ferrata del tubo'. Raggiunta la ferrata proseguire verso destra per la larga banca erbosa fino alla sua fine, dove inizia la parete. 2 ore circa. (verso la fine la banca diventa sempre più stretta ed inclinata fare attenzione all'erba scivolosa).
Discesa: in doppia lungo la via (soste a fix).

Portfolio
news Manolo

Condividi questo articolo

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
FORUM
MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Rataplan
    Ripetizione del 20.09.2014L1 6c bella fessura non banale pe ...
    2014-09-23 / oscar meloni
  • Via Paola
    ripetuta per la quarta volta, mi sento di proporre questi gr ...
    2014-09-01 / Niccol%C3%B2 Antonello
  • Chimera Verticale
    Ripetuta il 29 agosto 2014 con Martin Dejori. Bellissima via ...
    2014-08-30 / Alex Walpoth
  • Costantini - Apollonio
    Caro Checco, gli spit sono rispuntati, qualcuno in sosta, qu ...
    2014-08-29 / Angelo Bon